venerdì, Marzo 5, 2021

L’ECUADOR RADDOPPIERA’ LA SUA CAPACITA’ DI RAFFINAZIONE CON UN INVESTIMENTO DI OLTRE 5 MILIARDI DI DOLLARI

Must read

L’OPEC+ orientato a non aumentare (ancora) l’output petrolifero, e il prezzo del barile sale

Il prezzo del barile di petrolio è salito oggi (Brent +1,5% e WTI + 1,7%), sospinto dalla notizia che nel corso del prossimo meeting,...

Baker Hughes e Akastor fondono i rispettivi business a servizio dell’industria offshore

I due gruppi Baker Hughes e Akastor hanno annunciato di aver raggiunto un accordo per integrare i rispettivi business nel settore delle perforazioni offshore. In...

Dal 2022 Total potrà rifornire di GNL le navi nel porto di Singapore

La Port Authority di Singapore ha annunciato di aver concesso al gruppo Total una nuova autorizzazione per svolgere le operazioni di bunkeraggio di GNL...

Saipem: rosso di oltre 1 miliardo nel 2020, ma l’azienda conferma l’impegno nella transizione energetica

La pandemia di coronavirus ha pesato in misura considerevole sui conti di Saipem, che ha chiuso il 2020 con un rosso superiore al miliardo...

Con un investimento di 5.600 milioni di euro, Ecuador, nonostante la crisi attuale, vuole costruire una nuova raffineria ad alta conversione per produrre benzina per motori euro 5, con una capacità compresa tra 150.000 e 300.000 barili di petrolio al giorno.

Con questo progetto questo il quinto produttore di petrolio dell’America Latina raddoppierà la sua capacità di raffinazione, che attualmente é affidata a tre impianti (Esmeralda, Shushufindi e La Libertad) con una capacità complessiva di 170.000 barili al giorno.

Altro vantaggio che deriverà da questo nuovo impianto è il risparmio di circa 350 milioni di dollari all’anno a causa della riduzione dell’importazione di benzina del 18%, diesel 16% e GPL (12%).

La gara d’appalto è stata lanciata l’11 marzo scorso attraverso il decreto ministeriale 861, ma nonostante la situazione causata dall’epidemia di Covid 19, il Ministero dell’Energia è deciso ad andare avanti e fino ad oggi sono otto le compagnie che hanno dimostrato il loro interesse in questo progetto.

Non bisogna dimenticare che dal primo gennaio Ecuador è uscito dall’Opec, quindi non esiste piú il limite nella produzione di petrolio, motivo che ha inciso in maniera determinante su questa decisione.

Con la costruzione della nuova raffineria, l’Ecuador si svincolerà anche dall’obbligo di importazione di prodotti raffinati come accade ancora oggi, visto che gli impianti in funzione non sono sufficienti per soddisfare la domanda di carburanti del mercato interno.

Il decreto ministeriale inoltre prevede che la compagnia vincitrice della gara d’appalto potrà comprare il greggio ecuadoriano ad un prezzo FOB (Free On Board) preferenziale, con la condizione però di vendere i vari tipi di carburanti al paese con i prezzi di mercato del Golfo del Messico.

L’azienda che vincerà la gara d’appalto deve progettare, costruire e mettere in funzione il nuovo impianto con una concessione di 20 anni sull’intera filiera della raffineria, visto che il totale dell’investimento si farà con capitali privati.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

L’OPEC+ orientato a non aumentare (ancora) l’output petrolifero, e il prezzo del barile sale

Il prezzo del barile di petrolio è salito oggi (Brent +1,5% e WTI + 1,7%), sospinto dalla notizia che nel corso del prossimo meeting,...

Baker Hughes e Akastor fondono i rispettivi business a servizio dell’industria offshore

I due gruppi Baker Hughes e Akastor hanno annunciato di aver raggiunto un accordo per integrare i rispettivi business nel settore delle perforazioni offshore. In...

Dal 2022 Total potrà rifornire di GNL le navi nel porto di Singapore

La Port Authority di Singapore ha annunciato di aver concesso al gruppo Total una nuova autorizzazione per svolgere le operazioni di bunkeraggio di GNL...

Saipem: rosso di oltre 1 miliardo nel 2020, ma l’azienda conferma l’impegno nella transizione energetica

La pandemia di coronavirus ha pesato in misura considerevole sui conti di Saipem, che ha chiuso il 2020 con un rosso superiore al miliardo...

Al via dal prossimo anno il servizio small scale della FSRU Toscana di OLT Offshore

La FSRU Toscana avvierà le operazioni di small scale GNL a gennaio 2022, mentre già nei prossimi mesi lancerà un sondaggio di mercato e...