mercoledì, Dicembre 8, 2021

L’ENI AFFIDA AD AKER LA FORNITURA DELLE CONDOTTE SOTTOMARINE PER IL CORAL SOUTH

Must read

Russia diventa il secondo fornitore di petrolio degli Stati Uniti

Nonostante la grande tensione politica in atto tra i due paesi, nel gennaio 2019, un mese prima dell'entrata in vigore delle sanzioni imposte dal...

Guyana. Il Ministro dell’Energia indeciso nella costruzione di nuove raffinerie

Nonostante la scoperta dei 10 miliardi di barili di petrolio scoperti nel Blocco Stabroek e dalle campagne esplorative in altri blocchi, sono diversi gli...

Bolivia. YPFB sostituirà parte delle importazioni di carburante con etanolo nazionale

La compagnia petrolifera statale boliviana YPFB ha riferito che entro il 2022 sostituirà le importazioni di carburante del 20%, risparmierà valuta estera e genererà...

La produzione petrolifera colombiana tocca 740.000 barili al giorno in ottobre

Il Ministero delle Miniere e dell'Energia della Colombia (Minenergía) ha riferito che la produzione di petrolio in ottobre ha raggiunto una media di 740.000...

Dopo il recente ok definitivo agli investimenti per lo sviluppo del giacimento Coral South, nell’offshore del Mozambico – tra cui il principale riguarda la FLNG (floating liquefied natural gas) Coral South, commissionata ai cantieri navali sudcoreani Samsung Heavy Industries – l’Eni sta procedendo ad appaltare a vari operatori la fornitura delle componenti necessarie a creare gli impianti che dovranno estrarre e processare il gas africano.

Tra essi c’è la norvegese Aker Solutions, che ha ottenuto dalla corporation italiana un contratto per la fornitura di condotte ombelicali per una lunghezza complessiva di 19 Km, destinate a formare il gasdotto sottomarino che collegherà la FLNG, in grado di processare 3,4 milioni di tonnellate all’anno, al sistema di produzione del gas, anch’esso ubicato sul fondale.

Le tubazioni verranno costruite negli stabilimenti di Aker a Moss, in Norvegia, e la consegna è prevista entro la fine del 2019, come ha rivelato la stessa azienda nordica, che tuttavia non ha svelato il valore economico della commessa.

Il Coral South è il primo progetto di sviluppo delle risorse di gas scoperte nel 2012 dall’Eni nell’area 4 della Rovuma Basin, al largo del Mozambico, e dovrebbe contenere circa 450 miliardi di metri cubi di gas naturale.

A fine 2016, l’Eni ha firmato con BP un contratto per la vendita dell’intera produzione del Coral South per i prossimi 20 anni.

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Russia diventa il secondo fornitore di petrolio degli Stati Uniti

Nonostante la grande tensione politica in atto tra i due paesi, nel gennaio 2019, un mese prima dell'entrata in vigore delle sanzioni imposte dal...

Guyana. Il Ministro dell’Energia indeciso nella costruzione di nuove raffinerie

Nonostante la scoperta dei 10 miliardi di barili di petrolio scoperti nel Blocco Stabroek e dalle campagne esplorative in altri blocchi, sono diversi gli...

Bolivia. YPFB sostituirà parte delle importazioni di carburante con etanolo nazionale

La compagnia petrolifera statale boliviana YPFB ha riferito che entro il 2022 sostituirà le importazioni di carburante del 20%, risparmierà valuta estera e genererà...

La produzione petrolifera colombiana tocca 740.000 barili al giorno in ottobre

Il Ministero delle Miniere e dell'Energia della Colombia (Minenergía) ha riferito che la produzione di petrolio in ottobre ha raggiunto una media di 740.000...

OPEC+ conferma la decisione di aumentare la produzione di 400.000 b/g da gennaio

La 23 .ma riunione dell’OPEC e dei Paesi produttori che non fanno parte di questa istituzione, conferma la sua predisposizione di aumentare la produzione...