venerdì, Ottobre 22, 2021

L’Eni si espande in Vietnam rilevando una nuova licenza nell’offshore del Paese asiatico

Must read

La produzione di petrolio in Argentina è scesa del 21% in un mese

Il Segretariato per l'Energia dell'Argentina ha riferito che la produzione di petrolio convenzionale a settembre è stata di 296.514 barili al giorno. Nello stesso mese,...

Brasile. La nuova asta ha venduto solo 5 blocchi su 92

 Il Brasile ha venduto solo cinque dei 92 blocchi offerti con nove società partecipanti, rispetto ai 17 blocchi assegnati nella precedente (2019). Grandi compagnie petrolifere...

Pemex lancia bando di gara per la certificazione delle riserve di idrocarburi

Il dipartimento di produzione e esplorazione della compagnia statale petrolifera Pemex (PEP) è alla ricerca di una agenzia per quantificare e certificare i volumi...

Il prezzo del petrolio venezuelano è aumentato del 41%

Il prezzo del greggio ha raggiunto lo scorso settembre 54,96 dollari al barile, un prezzo inferiore del 25% rispetto alla media di riferimento dell'insieme...

Dopo la recente scoperta effettuata nell’area di Ken Baku, l’Eni ha deciso di consolidare la propria presenza nell’offshore del Vietnam, rilevando una nuova licenza adiacente a quella che già detiene e che recentemente si è rivelata fruttuosa.

Il gruppo italiano, attraverso la sua controllata Eni Vietnam, ha infatti completato l’acquisizione da Krisenergy (Vietnam 115) Ltd. del 100% di interesse nel Blocco 115/09, nel bacino del Song Hong, nell’offshore del Vietnam centrale, divenendone l’operatore.

Questa area contrattuale – spiega il ‘cane a 6 zampe’ in una nota – è adiacente a quella del Blocco 114, proprio quella in cui Eni, insieme al suo partner Essar Exploration and Production Limited, ha recentemente annunciato la scoperta a gas e condensati di Ken Bau e dove attualmente è in corso la campagna di delineazione. La nuova area contrattuale – che copre una superficie di 7.382 Km2 con profondità dell’acqua variabili tra 90 metri e 1.000 metri – confina inoltre con il Blocco 116, operato e detenuto al 100% da Eni Vietnam. Con questa operazione, Eni rafforza la sua presenza nel Paese – dove il gruppo è presente dal 2013 e opera 5 blocchi ubicati nei bacini sotto esplorati di Song Hong e Phu Khan, nell’offshore del Vietnam centrale – e consolida la propria posizione attorno alla scoperta di Ken Bau, in linea con la strategia di progressiva espansione del portfolio gas nell’estremo oriente asiatico.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

La produzione di petrolio in Argentina è scesa del 21% in un mese

Il Segretariato per l'Energia dell'Argentina ha riferito che la produzione di petrolio convenzionale a settembre è stata di 296.514 barili al giorno. Nello stesso mese,...

Brasile. La nuova asta ha venduto solo 5 blocchi su 92

 Il Brasile ha venduto solo cinque dei 92 blocchi offerti con nove società partecipanti, rispetto ai 17 blocchi assegnati nella precedente (2019). Grandi compagnie petrolifere...

Pemex lancia bando di gara per la certificazione delle riserve di idrocarburi

Il dipartimento di produzione e esplorazione della compagnia statale petrolifera Pemex (PEP) è alla ricerca di una agenzia per quantificare e certificare i volumi...

Il prezzo del petrolio venezuelano è aumentato del 41%

Il prezzo del greggio ha raggiunto lo scorso settembre 54,96 dollari al barile, un prezzo inferiore del 25% rispetto alla media di riferimento dell'insieme...

Brasile vuole aumentare importazioni di gas e urea dalla Bolivia

Lo stato brasiliano del Mato Grosso ha manifestato l’interesse di acquistare gas naturale e urea della Bolivia, giustificata da una fase di crescita industriale,...