venerdì, Ottobre 22, 2021

Shell cede alla spagnola Molgas il business GNL norvegese gestito tramite la controllata Gasnor

Must read

La produzione di petrolio in Argentina è scesa del 21% in un mese

Il Segretariato per l'Energia dell'Argentina ha riferito che la produzione di petrolio convenzionale a settembre è stata di 296.514 barili al giorno. Nello stesso mese,...

Brasile. La nuova asta ha venduto solo 5 blocchi su 92

 Il Brasile ha venduto solo cinque dei 92 blocchi offerti con nove società partecipanti, rispetto ai 17 blocchi assegnati nella precedente (2019). Grandi compagnie petrolifere...

Pemex lancia bando di gara per la certificazione delle riserve di idrocarburi

Il dipartimento di produzione e esplorazione della compagnia statale petrolifera Pemex (PEP) è alla ricerca di una agenzia per quantificare e certificare i volumi...

Il prezzo del petrolio venezuelano è aumentato del 41%

Il prezzo del greggio ha raggiunto lo scorso settembre 54,96 dollari al barile, un prezzo inferiore del 25% rispetto alla media di riferimento dell'insieme...

Shell ha ceduto tutte le sue attività legate al downstream di GNL in Norvegia.

A rilevarle, acquisendo la controllata della major energetica anglo-olandese Gasnor, per una cifra che non è stata resa nota, è stata l’azienda spagnola Molgas Energy Holding, basata a Madrid.

Molgas ha acquisito l’intera partecipazione di Norske Shell in Gasnor, compresi tutti gli asset da essa controllati – tra cui una serie di impianti per la distribuzione small sclae del gas naturale liquefatto a Avaldsnes (Norvegia) – e i 52 dipendenti della società.

Shell aveva rilevato Gasnor nel 2012, e la sua attuale cessione non avrà effetti sul business e sull’organizzazione di Norske Shell.

Questo disinvestimento – ha poi spiegato la stessa Shell – non riguarderà in alcun modo le attività del LNG Gibraltar terminal controllato dal gruppo, a cui la stessa Gasnor continuerà a fornire servizi di gestione operativa.

Molgas è controlla da InfraVia, fondo di private equity francese specializzato nelle infrastrutture e negli investimenti tecnologici (presente per altro nell’azionariato di alcuni terminal portuali italiani).

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

La produzione di petrolio in Argentina è scesa del 21% in un mese

Il Segretariato per l'Energia dell'Argentina ha riferito che la produzione di petrolio convenzionale a settembre è stata di 296.514 barili al giorno. Nello stesso mese,...

Brasile. La nuova asta ha venduto solo 5 blocchi su 92

 Il Brasile ha venduto solo cinque dei 92 blocchi offerti con nove società partecipanti, rispetto ai 17 blocchi assegnati nella precedente (2019). Grandi compagnie petrolifere...

Pemex lancia bando di gara per la certificazione delle riserve di idrocarburi

Il dipartimento di produzione e esplorazione della compagnia statale petrolifera Pemex (PEP) è alla ricerca di una agenzia per quantificare e certificare i volumi...

Il prezzo del petrolio venezuelano è aumentato del 41%

Il prezzo del greggio ha raggiunto lo scorso settembre 54,96 dollari al barile, un prezzo inferiore del 25% rispetto alla media di riferimento dell'insieme...

Brasile vuole aumentare importazioni di gas e urea dalla Bolivia

Lo stato brasiliano del Mato Grosso ha manifestato l’interesse di acquistare gas naturale e urea della Bolivia, giustificata da una fase di crescita industriale,...