domenica, Settembre 25, 2022

LIBIA: DANNEGGIATO IN UN RAID AEREO DEPOSITO DI MELLITAH OIL&GAS, JV TRA ENI E NOC

Must read

Eni compie una nuova importante scoperta di gas a largo di Cipro

Eni annuncia una importante scoperta di gas con il pozzo Cronos-1, nel Blocco 6, a circa 160 chilometri al largo di Cipro, in una...

ExxonMobil scopre nuove riserve di petrolio

Il quinto progetto nel blocco Stabroek condotto dalla compagnia ExxonMobil, prende di mira i tre grandi giacimenti di Uaru, Mako e Snoek. Il pozzo Snoek-1...

Petrobras conclude la vendita dei giacimenti di Ceará

La compagnia petrolifera statale Petrobras, ha affermato in un comunicato di aver concluso la vendita di tutte le sue partecipazioni nei giacimenti onshore di...

Talos Energy e Pemex lavorano a un piano per sviluppare il campo offshore di Zama

La compagnia petrolifera statunitense Talos Energy ha riferito in un rapporto alla Security Exchange Commission che sta lavorando fianco a fianco con Pemex per...

Un magazzino di proprietà della Mellitah Oil and Gas Company, joint venture paritaria tra la National Oil Corporation (Noc) libica e l’Eni, è stato danneggiato ieri sera in un raid aereo alla periferia est di Tripoli. Lo ha reso noto in un comunicato – citato dall’agenzia Ansa – la stessa Noc, precisando che “le perdite di materiale all’interno del magazzino sono significative”.

“Le squadre dei vigili del fuoco intervenute rapidamente sul posto sono state in grado di controllare le fiamme sviluppatesi nel deposito, in stretta collaborazione con l’Autorità nazionale per la sicurezza. Tre operai hanno riportato lievi ferite e sono stati trasportati all’ospedale locale. “Questa è un’altra tragica perdita causata da questo conflitto non necessario”, ha detto il presidente della Noc, Mustafa Sanalla. “L’infrastruttura della Noc – ha aggiunto – viene distrutta sotto i nostri occhi. Le vite dei lavoratori del settore petrolifero sono continuamente a rischio, così come la prospettiva di mantenere la produzione di petrolio. Collaboreremo con le autorità locali per accertare l’origine di questo attacco non provocato. Questi crimini ripetuti non possono rimanere senza risposta”.

“Questo è il quarto attacco alle strutture Noc dall’inizio dell’offensiva su Tripoli” ha quindi denunciato Sanalla, sottolineando come la Noc stia continuando a chiedere un immediato cessate il fuoco”.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni compie una nuova importante scoperta di gas a largo di Cipro

Eni annuncia una importante scoperta di gas con il pozzo Cronos-1, nel Blocco 6, a circa 160 chilometri al largo di Cipro, in una...

ExxonMobil scopre nuove riserve di petrolio

Il quinto progetto nel blocco Stabroek condotto dalla compagnia ExxonMobil, prende di mira i tre grandi giacimenti di Uaru, Mako e Snoek. Il pozzo Snoek-1...

Petrobras conclude la vendita dei giacimenti di Ceará

La compagnia petrolifera statale Petrobras, ha affermato in un comunicato di aver concluso la vendita di tutte le sue partecipazioni nei giacimenti onshore di...

Talos Energy e Pemex lavorano a un piano per sviluppare il campo offshore di Zama

La compagnia petrolifera statunitense Talos Energy ha riferito in un rapporto alla Security Exchange Commission che sta lavorando fianco a fianco con Pemex per...

Pemex aiuterà a spegnere l’incendio del serbatoio di stoccaggio di petrolio a Cuba

Per ordine del Presidente del Messico, il personale specializzato della compagnia Pemex si è recato a Cuba per aiutare a estinguere l'incendio causato venerdì...