venerdì, Maggio 20, 2022

LIBIA: DANNEGGIATO IN UN RAID AEREO DEPOSITO DI MELLITAH OIL&GAS, JV TRA ENI E NOC

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Un magazzino di proprietà della Mellitah Oil and Gas Company, joint venture paritaria tra la National Oil Corporation (Noc) libica e l’Eni, è stato danneggiato ieri sera in un raid aereo alla periferia est di Tripoli. Lo ha reso noto in un comunicato – citato dall’agenzia Ansa – la stessa Noc, precisando che “le perdite di materiale all’interno del magazzino sono significative”.

“Le squadre dei vigili del fuoco intervenute rapidamente sul posto sono state in grado di controllare le fiamme sviluppatesi nel deposito, in stretta collaborazione con l’Autorità nazionale per la sicurezza. Tre operai hanno riportato lievi ferite e sono stati trasportati all’ospedale locale. “Questa è un’altra tragica perdita causata da questo conflitto non necessario”, ha detto il presidente della Noc, Mustafa Sanalla. “L’infrastruttura della Noc – ha aggiunto – viene distrutta sotto i nostri occhi. Le vite dei lavoratori del settore petrolifero sono continuamente a rischio, così come la prospettiva di mantenere la produzione di petrolio. Collaboreremo con le autorità locali per accertare l’origine di questo attacco non provocato. Questi crimini ripetuti non possono rimanere senza risposta”.

“Questo è il quarto attacco alle strutture Noc dall’inizio dell’offensiva su Tripoli” ha quindi denunciato Sanalla, sottolineando come la Noc stia continuando a chiedere un immediato cessate il fuoco”.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...