martedì, Febbraio 7, 2023

LIBIA: DANNEGGIATO IN UN RAID AEREO DEPOSITO DI MELLITAH OIL&GAS, JV TRA ENI E NOC

Must read

Messico. Sette giacimenti concentrano più della metà della produzione di liquidi

Secondo i dati della Commissione Nazionale degli Idrocarburi (CNH), dei 247 giacimenti petroliferi attivi nel paese, sette concentrano la metà della produzione dei liquidi. Infatti...

Saipem – Due contratti offshore da 900 milioni di dollari

Saipem si è aggiudicata due contratti offshore per un importo complessivo di circa 900 milioni di dollari. Il primo contratto - in partnership con Aker...

CNH approva le dimissioni di Repsol nei due blocchi delle acque pocoprofonde del Golfo

La compagnia spagnola in totale lascerà cinque aree nel Golfo del Messico e nemanterrà soltanto uno che si trova in acque profonde.La Commissione Nazionale...

Argentina. La giustizia autorizza l'esplorazione in mare aperto

La Corte Federale d'Appello ha autorizzato alla compagnia petrolifera nazionale YPF laripresa della ricerca di gas e petrolio nel mare argentino, stabilendo però che...

Un magazzino di proprietà della Mellitah Oil and Gas Company, joint venture paritaria tra la National Oil Corporation (Noc) libica e l’Eni, è stato danneggiato ieri sera in un raid aereo alla periferia est di Tripoli. Lo ha reso noto in un comunicato – citato dall’agenzia Ansa – la stessa Noc, precisando che “le perdite di materiale all’interno del magazzino sono significative”.

“Le squadre dei vigili del fuoco intervenute rapidamente sul posto sono state in grado di controllare le fiamme sviluppatesi nel deposito, in stretta collaborazione con l’Autorità nazionale per la sicurezza. Tre operai hanno riportato lievi ferite e sono stati trasportati all’ospedale locale. “Questa è un’altra tragica perdita causata da questo conflitto non necessario”, ha detto il presidente della Noc, Mustafa Sanalla. “L’infrastruttura della Noc – ha aggiunto – viene distrutta sotto i nostri occhi. Le vite dei lavoratori del settore petrolifero sono continuamente a rischio, così come la prospettiva di mantenere la produzione di petrolio. Collaboreremo con le autorità locali per accertare l’origine di questo attacco non provocato. Questi crimini ripetuti non possono rimanere senza risposta”.

“Questo è il quarto attacco alle strutture Noc dall’inizio dell’offensiva su Tripoli” ha quindi denunciato Sanalla, sottolineando come la Noc stia continuando a chiedere un immediato cessate il fuoco”.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Messico. Sette giacimenti concentrano più della metà della produzione di liquidi

Secondo i dati della Commissione Nazionale degli Idrocarburi (CNH), dei 247 giacimenti petroliferi attivi nel paese, sette concentrano la metà della produzione dei liquidi. Infatti...

Saipem – Due contratti offshore da 900 milioni di dollari

Saipem si è aggiudicata due contratti offshore per un importo complessivo di circa 900 milioni di dollari. Il primo contratto - in partnership con Aker...

CNH approva le dimissioni di Repsol nei due blocchi delle acque pocoprofonde del Golfo

La compagnia spagnola in totale lascerà cinque aree nel Golfo del Messico e nemanterrà soltanto uno che si trova in acque profonde.La Commissione Nazionale...

Argentina. La giustizia autorizza l'esplorazione in mare aperto

La Corte Federale d'Appello ha autorizzato alla compagnia petrolifera nazionale YPF laripresa della ricerca di gas e petrolio nel mare argentino, stabilendo però che...

Snam acquista 5 i nuovi impianti di biogas agricolo in Veneto e Friuli Venezia-Giulia

IES Biogas, controllata di Snam4Environment, società del gruppo Snam attiva nel settore del biometano e dell'economia circolare, ha acquistato cinque impianti di biogas agricolo...