venerdì, Maggio 20, 2022

CON LA FID DI ANADARKO DIVENTA ESECUTIVO IL MAXI CONTRATTO EPC DI SAIPEM IN MOZAMBICO

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

La corporation americana Anadarko ha preso la sua decisione finale d’investimento, la cosiddetta FID (final investment decision), sul Area 1 Mozambique LNG, confermando di fatto il programma di investimenti per costruire il primo impianto terrestre di liquefazione del gas naturale in Mozambico e rendendo così esecutivo il maxi contratto EPC assegnato nelle scorse settimane ad un consorzio guidato dall’italiana Saipem, la cui porzione di commessa di competenza ha un valore di ben 6 miliardi di dollari.

La FID, come ha spiegato Anadarko in una nota, rende effettivi i piani di sviluppo dell’Area 1, e con la comunicazione la Governo del Mozambico il progetto può ora entrare nella sua fase di costruzione, in cui – come detto – un ruolo determinante sarà svolto proprio da Saipem.

Il contractor italiano è infatti capofila del consorzio CCS JV s.c.a.r.l., di cui fanno parte anche McDermott International e Chiyoda Corporation, che ha recentemente ottenuto un contratto EPC (Engineering Procurement Construction) per l’ingegneria e la costruzione dell’impianto, che sarà costituito da 2 treni di liquefazione del gas estratto nel vicino giacimento Golfinho/Atum (interamente situato all’interno dell’Offshore Area 1), con una capacità nominale complessiva pari a 12,88 milioni di tonnellate all’anno.

Anadarko e i soci dell’Area 1, a cui spetterà anche costruire le strutture di supporto, compreso il terminal per l’export del GNL via nave (che saranno condivise coi gestori dell’Area 4) hanno già siglato contratti di vendita di lungo termina con primari acquirenti in Asia e in Europa, per 11,1 milioni di tonnellate annue di gas naturale liquefatto, pari all’86% delle capacitò complessiva del nuovo impianto onshore. Una parte del gas estratto verrà poi destinato al mercato interno del Mozambico, contribuendo allo sviluppo economico del Paese Africano.

A giorni, la corporation americana insieme ai suoi partner dovrebbe dare la comunicazione di avvio del contratto EPC, e finalizzare anche il finanziamento delle operate del progetto Area 1 Mozambique LNG.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...