venerdì, Aprile 23, 2021

CON LA FID DI ANADARKO DIVENTA ESECUTIVO IL MAXI CONTRATTO EPC DI SAIPEM IN MOZAMBICO

Must read

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

La corporation americana Anadarko ha preso la sua decisione finale d’investimento, la cosiddetta FID (final investment decision), sul Area 1 Mozambique LNG, confermando di fatto il programma di investimenti per costruire il primo impianto terrestre di liquefazione del gas naturale in Mozambico e rendendo così esecutivo il maxi contratto EPC assegnato nelle scorse settimane ad un consorzio guidato dall’italiana Saipem, la cui porzione di commessa di competenza ha un valore di ben 6 miliardi di dollari.

La FID, come ha spiegato Anadarko in una nota, rende effettivi i piani di sviluppo dell’Area 1, e con la comunicazione la Governo del Mozambico il progetto può ora entrare nella sua fase di costruzione, in cui – come detto – un ruolo determinante sarà svolto proprio da Saipem.

Il contractor italiano è infatti capofila del consorzio CCS JV s.c.a.r.l., di cui fanno parte anche McDermott International e Chiyoda Corporation, che ha recentemente ottenuto un contratto EPC (Engineering Procurement Construction) per l’ingegneria e la costruzione dell’impianto, che sarà costituito da 2 treni di liquefazione del gas estratto nel vicino giacimento Golfinho/Atum (interamente situato all’interno dell’Offshore Area 1), con una capacità nominale complessiva pari a 12,88 milioni di tonnellate all’anno.

Anadarko e i soci dell’Area 1, a cui spetterà anche costruire le strutture di supporto, compreso il terminal per l’export del GNL via nave (che saranno condivise coi gestori dell’Area 4) hanno già siglato contratti di vendita di lungo termina con primari acquirenti in Asia e in Europa, per 11,1 milioni di tonnellate annue di gas naturale liquefatto, pari all’86% delle capacitò complessiva del nuovo impianto onshore. Una parte del gas estratto verrà poi destinato al mercato interno del Mozambico, contribuendo allo sviluppo economico del Paese Africano.

A giorni, la corporation americana insieme ai suoi partner dovrebbe dare la comunicazione di avvio del contratto EPC, e finalizzare anche il finanziamento delle operate del progetto Area 1 Mozambique LNG.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...