lunedì, Marzo 1, 2021

L’IRLANDESE UNITED OIL&GAS INVESTE NELLO SFRUTTAMENTO DEL GAS ITALIANO

Must read

Dal 2022 Total potrà rifornire di GNL le navi nel porto di Singapore

La Port Authority di Singapore ha annunciato di aver concesso al gruppo Total una nuova autorizzazione per svolgere le operazioni di bunkeraggio di GNL...

Saipem: rosso di oltre 1 miliardo nel 2020, ma l’azienda conferma l’impegno nella transizione energetica

La pandemia di coronavirus ha pesato in misura considerevole sui conti di Saipem, che ha chiuso il 2020 con un rosso superiore al miliardo...

Al via dal prossimo anno il servizio small scale della FSRU Toscana di OLT Offshore

La FSRU Toscana avvierà le operazioni di small scale GNL a gennaio 2022, mentre già nei prossimi mesi lancerà un sondaggio di mercato e...

Nuove date per l’OMC 2021, che si svolgerà a Ravenna dal 28 al 30 settembre

La 15esima edizione della fiera OMC (Offshore Mediterranean Conference) di Ravenna non si svolgerà a maggio, come inizialmente previsto, ma dal 28 al 30...

La società irlandese United Oil&Gas ha deciso di investire nelle potenzialità dei giacimenti di gas italiani, raggiungendo un accordo con il gruppo australiano PO Valley, che da anni opera nel nella regione della Pianura Padana, – attraverso le sue due controllate Northsun Italia S.p.A e Po Valley Operations Pty Ltd – disponendo di un portafoglio di 14 asset onshore e una licenza offshore, ubicati tra Lombardia ed Emilia Romagna.

L’azienda di Dublino, nata solo di recente con l’obbiettivo di rilevare partecipazioni in asset non core di petrolio e gas da medie aziende e grandi major, svolgendo poi un ruolo di partner non operatore (al momento l’unica partecipazione riguarda una licenza relativa ad un giacimento petrolifero nel sud della Gran Bretagna), ha infatti raggiunto un accordo per rilevare da PO Valley il 20% della licenza Podere Gallina, che copre un’area di 332 Km2 ubicata in Emilia Romagna, tra le province di Ferrara e Bologna.

Questa licenza include il giacimento di gas Selva, dove sono già presenti 15 pozzi attivi, ma che – secondo le ricerche commissionate dalla stessa PO – avrebbe riserve non ancora sfruttate. In particolare, nel 2012 sono state individuate aree a est degli attuali pozzi (in una zona denominata East Selva), che contengono 481 milioni di metri cubi di gas.

Per sfruttare queste nuove riserve PO Valley avvierà lo scavo di un ulteriore pozzo, identificato come Podere Maiar-1, già a partire da ottobre 2017: United Oil&Gas sosterrà un parte del costo necessario a finanziare la nuova infrastruttura, in cambio del 20% dei futuri introiti.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Dal 2022 Total potrà rifornire di GNL le navi nel porto di Singapore

La Port Authority di Singapore ha annunciato di aver concesso al gruppo Total una nuova autorizzazione per svolgere le operazioni di bunkeraggio di GNL...

Saipem: rosso di oltre 1 miliardo nel 2020, ma l’azienda conferma l’impegno nella transizione energetica

La pandemia di coronavirus ha pesato in misura considerevole sui conti di Saipem, che ha chiuso il 2020 con un rosso superiore al miliardo...

Al via dal prossimo anno il servizio small scale della FSRU Toscana di OLT Offshore

La FSRU Toscana avvierà le operazioni di small scale GNL a gennaio 2022, mentre già nei prossimi mesi lancerà un sondaggio di mercato e...

Nuove date per l’OMC 2021, che si svolgerà a Ravenna dal 28 al 30 settembre

La 15esima edizione della fiera OMC (Offshore Mediterranean Conference) di Ravenna non si svolgerà a maggio, come inizialmente previsto, ma dal 28 al 30...

Shell lancia anche in Italia la sua gamma di lubrificanti ‘carbon neutral’

Shell ha annunciato oggi il lancio della gamma di lubrificanti Carbon Neutral, ovvero a impatto zero di CO2e, disponibile in Italia e nei principali...