sabato, Maggio 15, 2021

L’OMC 2017 SI CHIUDE A RAVENNA CON UN RECORD DI PRESENZE (+12% SUL 2015)

Must read

Petrobras firma il contratto per la costruzione della settima unità di Búzios

Petrobras ha firmato un contratto con la società Keppel Shipyard Limited per la costruzione della piattaforma P-78, la settima unità che si installerá nel...

Oxy perde 346 milioni di dollari nel primo trimestre

Occidental Petroleum, una delle compagnie Upstream più importanti degli Stati Uniti, ha dichiarato una perdita di 346 milioni di dollari nel primo trimestre 2021. I...

IEA: le scorte di petrolio tornano a livelli più normali

Dopo quasi un anno di forte limitazione dell'offerta da parte dei paesi dell'OPEC e dei suoi alleati, le scorte petrolifere mondiali che si sono...

Shell fa una grande scoperta di petrolio nel Golfo del Messico

Con la perforazione del pozzo Leopard, Shell ha trovato un giacimento di petrolio con uno spessore di oltre 183 metri, in questo momento gli...

Soddisfatti gli organizzatori dell’Offshore Mediterranean Conference & Exhibition, la fiera internazionale dedicata all’industria dell’offshore che si è chiusa a Ravenna registrando in totale 22.000 presenze, il 12% in più rispetto all’edizione precedente, svoltasi nel 2015.

Cresciuta anche la superficie espositiva complessiva (tra interno ed esterno), che ha raggiunto i 35.000 mq segnando un più 30%. Numeri positivi per un evento che si conferma ormai punto di riferimento per il settore oil&gas con espositori raddoppiati nel giro degli ultimi 10 anni raggiungendo quota 650, provenienti da 30 paesi.

Il Presidente di OMC 2017 Innocenzo Titone, chiudendo i lavori della tredicesima edizione, ha dichiarato: “La tre giorni di Ravenna si è distinta soprattutto per l’altissimo livello qualitativo dei panel che hanno visto confrontarsi ministri e Ceo dell’industria energetica per disegnare le strategie che saranno applicate per guidare la transizione verso un mix energetico sostenibile”.

“L’energia del futuro – ha sottolineato Titone – guarda all’Europa e passa per il Mediterraneo che deve diventare un hub del gas, principale fornitore dei Paesi europei. È la sfida partita da OMC 2017, luogo di incontro di popoli e culture che hanno ribadito l’importanza della cooperazione e di solidi principi di etica ambientale verso un’economia a basse emissioni. A Ravenna si sono ritrovate anche aziende e imprenditori del settore energetico, oltre che accademici, universitari e ricercatori. Gli studenti di oggi, accorsi numerosi nella capitale dell’energia, sono i professionisti di domani e OMC guarda loro con grande attenzione”.

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Petrobras firma il contratto per la costruzione della settima unità di Búzios

Petrobras ha firmato un contratto con la società Keppel Shipyard Limited per la costruzione della piattaforma P-78, la settima unità che si installerá nel...

Oxy perde 346 milioni di dollari nel primo trimestre

Occidental Petroleum, una delle compagnie Upstream più importanti degli Stati Uniti, ha dichiarato una perdita di 346 milioni di dollari nel primo trimestre 2021. I...

IEA: le scorte di petrolio tornano a livelli più normali

Dopo quasi un anno di forte limitazione dell'offerta da parte dei paesi dell'OPEC e dei suoi alleati, le scorte petrolifere mondiali che si sono...

Shell fa una grande scoperta di petrolio nel Golfo del Messico

Con la perforazione del pozzo Leopard, Shell ha trovato un giacimento di petrolio con uno spessore di oltre 183 metri, in questo momento gli...

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...