sabato, Febbraio 4, 2023

L’OPEC+ orientato a non aumentare (ancora) l’output petrolifero, e il prezzo del barile sale

Must read

Messico. Sette giacimenti concentrano più della metà della produzione di liquidi

Secondo i dati della Commissione Nazionale degli Idrocarburi (CNH), dei 247 giacimenti petroliferi attivi nel paese, sette concentrano la metà della produzione dei liquidi. Infatti...

Saipem – Due contratti offshore da 900 milioni di dollari

Saipem si è aggiudicata due contratti offshore per un importo complessivo di circa 900 milioni di dollari. Il primo contratto - in partnership con Aker...

CNH approva le dimissioni di Repsol nei due blocchi delle acque pocoprofonde del Golfo

La compagnia spagnola in totale lascerà cinque aree nel Golfo del Messico e nemanterrà soltanto uno che si trova in acque profonde.La Commissione Nazionale...

Argentina. La giustizia autorizza l'esplorazione in mare aperto

La Corte Federale d'Appello ha autorizzato alla compagnia petrolifera nazionale YPF laripresa della ricerca di gas e petrolio nel mare argentino, stabilendo però che...

Il prezzo del barile di petrolio è salito oggi (Brent +1,5% e WTI + 1,7%), sospinto dalla notizia che nel corso del prossimo meeting, previsto in settimana, i membri dell’OPEC + decideranno con tutta probabilità di non aumentare l’output, mantenendo quindi ancora in vigore i tagli disposti nei mesi scorsi per arginare gli effetti del conronaviurs sul mercato globale del greggio.

Lo riporta l’agenzia di stampa Reuters, che cita anche un analista della banca svizzera Julius Bear secondo cui “i fondamentali del mercato petrolifero suggeriscono un ulteriore aumento dei prezzi, con una domanda destinata a crescere nei prossimi mesi in conseguenza della ripresa economica e potenzialmente anche dei viaggi internazionali”. La stima di Julius Bear è che a metà 2021 il barile possa superare i 70 dollari.

Ma il principale fattore che ha spinto al rialzo il prezzo del greggio è costituito dalle intenzion dell’OPEC+, ovvero i membri dell’organizzazione dei paesi esportatori di petrolio e i loro alleati, a partire dalla Russia, che fino a poco fa si riteneva avrebbero alleviato i tagli già a partire dalla riunione prevista nei prossimi gironi.

Ma è stata la stessa Reuters a riferire, citando tre diverse fonti riservate, che probabilmente i produttori prorogheranno gli attuali ‘cut’ in essere almeno fino ad aprile.

Una prospettiva che ha spinato al rialzo il mercato, sostenuto anche dall’ottimismo che circola riguardo la campagna vaccinale globale e i suoi effetti positivi nel contenimento della pandemia.

Il Presidente americano Biden ha assicurato che gli USA hanno abbastanza dosi per poter vaccinare tutta la popolazione adulta entro l’estate, e ha aggiunto di ritenere che il Paese possa tornare ad una piena normalità entro la primavera del 2022, o possibilmente anche prima.

Una normalità che significherà anche la ripresa dei consumi di carburanti, conseguente alla nuova possibilità di viaggiare, e quindi un sensibile incremento dei consumi di greggio.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Messico. Sette giacimenti concentrano più della metà della produzione di liquidi

Secondo i dati della Commissione Nazionale degli Idrocarburi (CNH), dei 247 giacimenti petroliferi attivi nel paese, sette concentrano la metà della produzione dei liquidi. Infatti...

Saipem – Due contratti offshore da 900 milioni di dollari

Saipem si è aggiudicata due contratti offshore per un importo complessivo di circa 900 milioni di dollari. Il primo contratto - in partnership con Aker...

CNH approva le dimissioni di Repsol nei due blocchi delle acque pocoprofonde del Golfo

La compagnia spagnola in totale lascerà cinque aree nel Golfo del Messico e nemanterrà soltanto uno che si trova in acque profonde.La Commissione Nazionale...

Argentina. La giustizia autorizza l'esplorazione in mare aperto

La Corte Federale d'Appello ha autorizzato alla compagnia petrolifera nazionale YPF laripresa della ricerca di gas e petrolio nel mare argentino, stabilendo però che...

Snam acquista 5 i nuovi impianti di biogas agricolo in Veneto e Friuli Venezia-Giulia

IES Biogas, controllata di Snam4Environment, società del gruppo Snam attiva nel settore del biometano e dell'economia circolare, ha acquistato cinque impianti di biogas agricolo...