mercoledì, Maggio 18, 2022

Baker Hughes e Akastor fondono i rispettivi business a servizio dell’industria offshore

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

I due gruppi Baker Hughes e Akastor hanno annunciato di aver raggiunto un accordo per integrare i rispettivi business nel settore delle perforazioni offshore.

In una newco controllata con quote paritetiche confluiranno quindi Subsea Drilling Systems, una divisione del settore Oilfield Equipment di Baker Hughes che opera nella fornitura di equipment e di servizi al comparto del drilling, con 11 sedi o stabilimenti in tutto il mondo, e MHWirth, controllata di Akastor, presente nello stesso di tipo di attività in13 Paesi.

La nuova società sarà guidata, in qualità di Presidente e CEO, da Merrill A.Miller manager con oltre 40 anni di esperienza nell’industria oil&gas, e le operazioni verranno gestite dalle due sedi esistenti di Houston (SDS-Baker Hughes) e Kristiansand, in Norvegia (MHWirth).

La newco offrirà al mercato un’ampia gamma di prodotti e servizi ai player del drilling, consentirà un rafforzamento delle situazione patrimoniale e finanziaria delle due divisioni che si fonderanno e consentirà anche ai due gruppi, Baker Hughes e Akastor, di partecipare al processo di transizione energetica in cui è coinvolta l’industria oil&gas.

Il closing dell’operazione è soggetto al verificarsi di una serie di condizioni, compresa l’approvazione delle autorità regolatorie, e dovrebbe avvenire nella seconda metà del 2021.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...