giovedì, Ottobre 6, 2022

Snam punta sulla ‘pipeline virtuale’ per metanizzare la Sardegna: bando per la fornitura di navi gasiere

Must read

Eni si candida in UK per una licenza di stoccaggio di CO2 nel giacimento di Hewett

Eni UK annuncia di aver sottoposto alla North Sea Transition Authority (NSTA) la candidatura per una licenza di stoccaggio di anidride carbonica nel giacimento...

YPFB investirà nel sistema di distribuzione del gas naturale di Puerto Suárez

Il sistema di distribuzione del gas naturale andrà a beneficio del settore produttivo della città di Puerto Suárez (al confine con il Brasile), poiché...

Eni compie una nuova importante scoperta di gas a largo di Cipro

Eni annuncia una importante scoperta di gas con il pozzo Cronos-1, nel Blocco 6, a circa 160 chilometri al largo di Cipro, in una...

ExxonMobil scopre nuove riserve di petrolio

Il quinto progetto nel blocco Stabroek condotto dalla compagnia ExxonMobil, prende di mira i tre grandi giacimenti di Uaru, Mako e Snoek. Il pozzo Snoek-1...

Tramontata l’ipotesi della cosiddetta ‘dorsale sarda’ – il gasdotto che avrebbe dovuto percorrere da nord a sud tutta l’isola trasportando il gas naturale – Snam ha deciso di puntare su un modello diverso per metanizzare la Sardegna: la ‘pipeline virtuale’.

Il concetto era già stato espresso in diverse occasioni da alcuni top manager del gruppo di San Donato Milanese, tra cui il suo responsabile Asset Italia Massimo Derchi (che ne aveva parlato ad un webinar, come riportato dalla testata Quotidiano Energia), e fondamentalmente prevede il trasporto via nave di GNL dai due rigassificatori di Panigaglia (gestito da Snam tramite la controllata GNL Italia) e Livorno (operato da OLT Offshore, di cui Snam, è azionista) a due nuove unità FSRU (Floating Storagte and Rigassification Unit) che la stessa azienda prevede di installare a Portovesme e a Porto Torres rispettivamente nel 2024 e nel 2025.

Da questi nuovi terminal il GNL verrà rigassificato e distribuito sull’isola tramite una serie di network locali di nuova costruzione, ubicati in corrispondenza dei principali bacini d’utenza.

Un progetto che sta già iniziando a prendere forma concreta: Snam ha infatti pubblicato nei giorni scorsi sulla Gazzetta Ufficiale Europea un bando tramite cui avvia la preselezione di aziende per la fornitura di navi gasiere. La procedura – anche se al momento nel documento non sono compresi ulteriori dettagli – dovrebbe riguardare sia le cosiddette ‘bettoline’ GNL che dovranno fare la spola tra continente e isola e che costituiranno di fatto la ‘pipeline virtuale’, sia le due unità gas carrier che dovranno invece essere trasformate in FSRU e installate a Portovesme e Porto Torres, e che rappresenteranno invece i punti di accesso alle future reti locali sarde.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni si candida in UK per una licenza di stoccaggio di CO2 nel giacimento di Hewett

Eni UK annuncia di aver sottoposto alla North Sea Transition Authority (NSTA) la candidatura per una licenza di stoccaggio di anidride carbonica nel giacimento...

YPFB investirà nel sistema di distribuzione del gas naturale di Puerto Suárez

Il sistema di distribuzione del gas naturale andrà a beneficio del settore produttivo della città di Puerto Suárez (al confine con il Brasile), poiché...

Eni compie una nuova importante scoperta di gas a largo di Cipro

Eni annuncia una importante scoperta di gas con il pozzo Cronos-1, nel Blocco 6, a circa 160 chilometri al largo di Cipro, in una...

ExxonMobil scopre nuove riserve di petrolio

Il quinto progetto nel blocco Stabroek condotto dalla compagnia ExxonMobil, prende di mira i tre grandi giacimenti di Uaru, Mako e Snoek. Il pozzo Snoek-1...

Petrobras conclude la vendita dei giacimenti di Ceará

La compagnia petrolifera statale Petrobras, ha affermato in un comunicato di aver concluso la vendita di tutte le sue partecipazioni nei giacimenti onshore di...