venerdì, Gennaio 27, 2023

L’OPEC+ TROVA L’ACCORDO: DA GENNAIO PRIMO MODESTO INCREMENTO DELL’OUTPUT PETROLIFERO

Must read

CNH approva le dimissioni di Repsol nei due blocchi delle acque pocoprofonde del Golfo

La compagnia spagnola in totale lascerà cinque aree nel Golfo del Messico e nemanterrà soltanto uno che si trova in acque profonde.La Commissione Nazionale...

Argentina. La giustizia autorizza l'esplorazione in mare aperto

La Corte Federale d'Appello ha autorizzato alla compagnia petrolifera nazionale YPF laripresa della ricerca di gas e petrolio nel mare argentino, stabilendo però che...

Snam acquista 5 i nuovi impianti di biogas agricolo in Veneto e Friuli Venezia-Giulia

IES Biogas, controllata di Snam4Environment, società del gruppo Snam attiva nel settore del biometano e dell'economia circolare, ha acquistato cinque impianti di biogas agricolo...

Eni si candida in UK per una licenza di stoccaggio di CO2 nel giacimento di Hewett

Eni UK annuncia di aver sottoposto alla North Sea Transition Authority (NSTA) la candidatura per una licenza di stoccaggio di anidride carbonica nel giacimento...

I membri dell’OPEC insieme agli altri Paesi produttori alleati, a partire dalla Russia – il cosiddetto OPEC+ – hanno concordato un lieve incremento dell’output globale di petrolio a partire da gennaio, quando sarà consentita una produzione ulteriore di massimo 500.000 barili al giorno rispetto ai livelli attuali.

Dopo lo scoppio della pandemia di coronavirus e il conseguente crollo del prezzo del greggio, i membri dell’alleanza non erano riusciti a trovare un accordo su un taglio dell’output, innescando anzi una guerra commerciale per ‘rubarsi’ quote di mercato vicenda. Dopo poco però, resisi conto dell’insostenibilità della situazione, i principali contendenti, Arabia Saudita e Russia, si erano seduti ad un tavolo insieme agli altri membri dell’OPEC riuscendo, non senza fatica, a definire un accordo di riduzione della produzione che impegnava tutti gli aderenti all’alleanza. Il ‘cut’ stabilito in quella sede, come contromisura al crollo del mercato, era decisamente importante, 9,7 milioni di barili al gironi ovvero circa il 10% della produzione globale, con la speranza, però, di poterne alleviare l’entità a partire dal 2021.

Prospettiva tuttavia messa in dubbio dall’Arabia Saudita e dagli Emirati Arabi, schierati sulla ‘linea’ dura e decisi a prorogare un nuovo incremento della produzione di almeno altri sei mesi in ragione dello scoppio della seconda ondata di Covid-19. Sull’altro fronte la Russia, convinta invece della necessità di ridurre fin dal prossimo gennaio l’entità del taglio stabilito la scorsa primavera.

E’ su questa distanza che, nei gironi scorsi, le diplomazie dei membri dell’OPEC+ hanno lavorato, riuscendo alla fine a trovare una linea condivisa: da gennaio 2021 sarà possibile attuare un lieve aumento dell’output rispetto ai livelli attuali, ma comunque non oltre i 500.000 barili al giorno di produzione aggiuntiva. Il tetto massimo potrà essere poi modificato, al rialzo o al ribasso, a valle di revisioni mensili della situazione.

Come sottolineato dal Financial Times, quella raggiunta dagli aderenti all’OPEC e dai principali alleati è una soluzione di evidente compromesso, a cui tutti – chi premeva per una proroga dell’attuale cut, come i Paesi del Golfo, e chi invece, come la Russia, spingeva per una riduzione dei tagli – si sono piegati per preservare l’unità dell’alleanza, messa a dura prova in questi mesi proprio dalle conseguenze dalla pandemia di coronavirus sul mercato petrolifero mondiale.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

CNH approva le dimissioni di Repsol nei due blocchi delle acque pocoprofonde del Golfo

La compagnia spagnola in totale lascerà cinque aree nel Golfo del Messico e nemanterrà soltanto uno che si trova in acque profonde.La Commissione Nazionale...

Argentina. La giustizia autorizza l'esplorazione in mare aperto

La Corte Federale d'Appello ha autorizzato alla compagnia petrolifera nazionale YPF laripresa della ricerca di gas e petrolio nel mare argentino, stabilendo però che...

Snam acquista 5 i nuovi impianti di biogas agricolo in Veneto e Friuli Venezia-Giulia

IES Biogas, controllata di Snam4Environment, società del gruppo Snam attiva nel settore del biometano e dell'economia circolare, ha acquistato cinque impianti di biogas agricolo...

Eni si candida in UK per una licenza di stoccaggio di CO2 nel giacimento di Hewett

Eni UK annuncia di aver sottoposto alla North Sea Transition Authority (NSTA) la candidatura per una licenza di stoccaggio di anidride carbonica nel giacimento...

YPFB investirà nel sistema di distribuzione del gas naturale di Puerto Suárez

Il sistema di distribuzione del gas naturale andrà a beneficio del settore produttivo della città di Puerto Suárez (al confine con il Brasile), poiché...