sabato, Settembre 18, 2021

L’UE SANZIONERA’ LE ATTIVITA’ DI PERFORAZIONE DELLA TURCHIA NELL’OFFSHORE DI CIPRO

Must read

Snam partecipa a Biogas Italy per promuovere la transizione energetica e la decarbonizzazione del settore dei trasporti

Snam sarà presente a Biogas Italy, l’evento dedicato al biogas e biometano agricolo che avrà luogo a Roma i prossimi 22 e 23 settembre...

Ecuador. I lavori di riparazione dell’unità FCC della raffineria di Esmeraldas sono stati completati

La compagnia statale Petroecuador ha annunciato che i lavori di manutenzione, riparazione e avviamento dell'Unità di cracking catalitico (FCC) della Raffineria Esmeraldas sono stati...

Pemex cancella i contratti con Vitol a causa di uno scandalo di corruzione

La compagnia Petróleos Mexicanos (Pemex) ha annullato tre contratti con Vitol, a causa di un episodio di corruzione negli Stati Uniti che ha coinvolto...

Carburanti sostenibili per il trasporto pubblico – il commento di Andrea Arzà e Assogasliquidi-Federchimica

Andrea Arzà, AD di Liquigas e presidente di Assogasliquidi-Federchimica, è intervenuto in merito al recente invito del Parlamento al Governo nell’estendere l’uso di veicoli...

L’Unione Europea intende adottare in tempi rapidi un regime di sanzioni economiche nei confronti della Turchia, in relazione alle attività di trivellazione offshore che Ankara sta continuando ad effettuare nella acque territoriali di Cipro.

Il Consiglio degli Affari Esteri, una delle diverse ‘formazioni’ tematiche con cui, periodicamente, si riunisce il Consiglio dell’Unione Europea, nel corso della sua seduta tenutasi ieri (14 ottobre 2019; ndr) ha infatti preso una decisione in tal senso, impegnando l’organo esecutivo di Bruxelles – ovvero la Commissione – a dare corso a provvedimenti concreti a riguardo.

“Alla luce delle continue attività illegali di perforazione offshore della Turchia nel Mediterraneo Orientale – si legge in una nota ufficiale – il Consiglio ha ribadito il suo pieno sostegno nei confronti di Cipro, riguardo il rispetto della sua sovranità territoriale, in accordo con la legge internazionale”.

Nel suo pronunciamento, il Consiglio ha quindi raffermato “in tutte le sua parti la conclusione già adottata (sul medesimo tema; ndr) lo scorso 15 luglio 2019”, ribadendo ancora una volta la sua convinzione che “la delimitazione delle zone economiche esclusive e della piattaforma continentale” debbano essere definite “attraverso il dialogo e la negoziazione in buona fede, nel pieno rispetto delle leggi internazionali e in accordo con i principi di buon vicinato”.

In conseguenza di ciò, e del comportamento di Ankara, che violerebbe tali principi, il Consiglio, “sulla base di un lavoro preparatorio già svolto, ha stabilito che venga attuato uno schema di misure economiche restrittive nei confronti di persone fisiche e giuridiche responsabili o comunque coinvolte nelle attività illegali di estrazione di idrocarburi nel Mediterraneo Orientale”.

Infine, il Consiglio, nella sua delibera, ha invitato “l’Alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la Commissione e presentare rapidamente proposte in tal senso”.

 

 

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Snam partecipa a Biogas Italy per promuovere la transizione energetica e la decarbonizzazione del settore dei trasporti

Snam sarà presente a Biogas Italy, l’evento dedicato al biogas e biometano agricolo che avrà luogo a Roma i prossimi 22 e 23 settembre...

Ecuador. I lavori di riparazione dell’unità FCC della raffineria di Esmeraldas sono stati completati

La compagnia statale Petroecuador ha annunciato che i lavori di manutenzione, riparazione e avviamento dell'Unità di cracking catalitico (FCC) della Raffineria Esmeraldas sono stati...

Pemex cancella i contratti con Vitol a causa di uno scandalo di corruzione

La compagnia Petróleos Mexicanos (Pemex) ha annullato tre contratti con Vitol, a causa di un episodio di corruzione negli Stati Uniti che ha coinvolto...

Carburanti sostenibili per il trasporto pubblico – il commento di Andrea Arzà e Assogasliquidi-Federchimica

Andrea Arzà, AD di Liquigas e presidente di Assogasliquidi-Federchimica, è intervenuto in merito al recente invito del Parlamento al Governo nell’estendere l’uso di veicoli...

Costi del gas in aumento e corsa alla transizione ecologica – le posizioni del Premier Draghi e del Ministro Cingolani

Decarbonizzazione e transizione alle energie rinnovabili. Ospite al quindicesimo forum economico italo-tedesco “Ripartiamo con l’Italia”, svoltosi di recente a Cernobbio, il Presidente del Consiglio Mario...