giovedì, Maggio 13, 2021

L’UE SANZIONERA’ LE ATTIVITA’ DI PERFORAZIONE DELLA TURCHIA NELL’OFFSHORE DI CIPRO

Must read

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

L’Unione Europea intende adottare in tempi rapidi un regime di sanzioni economiche nei confronti della Turchia, in relazione alle attività di trivellazione offshore che Ankara sta continuando ad effettuare nella acque territoriali di Cipro.

Il Consiglio degli Affari Esteri, una delle diverse ‘formazioni’ tematiche con cui, periodicamente, si riunisce il Consiglio dell’Unione Europea, nel corso della sua seduta tenutasi ieri (14 ottobre 2019; ndr) ha infatti preso una decisione in tal senso, impegnando l’organo esecutivo di Bruxelles – ovvero la Commissione – a dare corso a provvedimenti concreti a riguardo.

“Alla luce delle continue attività illegali di perforazione offshore della Turchia nel Mediterraneo Orientale – si legge in una nota ufficiale – il Consiglio ha ribadito il suo pieno sostegno nei confronti di Cipro, riguardo il rispetto della sua sovranità territoriale, in accordo con la legge internazionale”.

Nel suo pronunciamento, il Consiglio ha quindi raffermato “in tutte le sua parti la conclusione già adottata (sul medesimo tema; ndr) lo scorso 15 luglio 2019”, ribadendo ancora una volta la sua convinzione che “la delimitazione delle zone economiche esclusive e della piattaforma continentale” debbano essere definite “attraverso il dialogo e la negoziazione in buona fede, nel pieno rispetto delle leggi internazionali e in accordo con i principi di buon vicinato”.

In conseguenza di ciò, e del comportamento di Ankara, che violerebbe tali principi, il Consiglio, “sulla base di un lavoro preparatorio già svolto, ha stabilito che venga attuato uno schema di misure economiche restrittive nei confronti di persone fisiche e giuridiche responsabili o comunque coinvolte nelle attività illegali di estrazione di idrocarburi nel Mediterraneo Orientale”.

Infine, il Consiglio, nella sua delibera, ha invitato “l’Alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la Commissione e presentare rapidamente proposte in tal senso”.

 

 

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

Perù: riprende la produzione di petrolio nella zona settentrionale

Il Blocco 67, situato nella località di Loreto, ha ripreso le sue attività dopo un anno di paralisi a causa dei bassi prezzi del...