martedì, Maggio 17, 2022

L’Uruguay lancia una nuova procedura per le concessioni dei giacimenti offshore

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Bahamas Petroleum Company ha fatto un’offerta alla statale petrolifera dell’Uruguay (ANCAP), per esplorare un giacimento offshore denominato OFF-1, situato a 100 chilometri dalla costa con una superficie di 15.000 km quadrati.

La richiesta è presentata nell’ambito della gara d’appalto “Open Uruguay Round”.

Secondo il portavoce dell’ANCAP, l’offerta fatta da BPC include un lavoro di esplorazione molto impegnativo, che consiste nell’analisi dettagliata dei dati geologici ricavati dalla sismica 2D, per valutare le potenziali risorse dell’area. Tuttavia tra le clausole del contratto firmato da Bahamas Petroleum Company, non compare l’obbligo di perforare pozzi di esplorazione nel primo periodo contrattuale di 4 anni.

Allo stesso tempo, la società statale dell’Uruguay ha riferito che l’anno scorso la società Kosmos Energy ha presentato offerte per due aree la OFF-2 e OFF-3. Tuttavia, a causa dell’attuale situazione del COVID-19, la firma dei rispettivi contratti è stata posticipata.

ANCAP attualmente offre alle compagnie petrolifere sette aree offshore per l’esplorazione e produzione di idrocarburi e il bando delle gare d’appalto è sempre aperto, e questo significa che le compagnie interessate possono fare offerte in maniera regolare. Questo sistema infatti non implica che le diverse fasi di negoziazione vengano effettuate in modo diretto con la compagnia statale. Le gare d’appalto infatti si pubblicano due volte all’anno.

Una volta approvato il contratto “Open Round” l’accordo implica la produzione condivisa dove gli appaltatori si assumono tutti i rischi, i costi e le responsabilità dell’attività. Inoltre, non vi è alcun obbligo di pagare royalties o bonus alla statale.

D’altra parte, il periodo di sfruttamento del giacimento, che ha una durata massima di 11 anni, è diviso in tre fasi e le aziende possono disporre di un’area per 4 anni prima di impegnarsi a perforare altri pozzi di esplorazione.

In totale, il contratto ha una durata di 30 anni con l’opzione di proroga per altri 10 anni, se il contraente lo richiede per motivi giustificati ed è approvato dal potere esecutivo.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...