venerdì, Aprile 23, 2021

MAIRE TECNIMONT CON AIDIC PER LA DECARBONIZZAZIONE

Must read

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

Anche l’industria chimica può dare un contributo determinante al processo di decarbonizzazione grazie all’utilizzo di nuove tecnologie, obbiettivo della nuova società NextChem, lanciata dal gruppo Maire Tecnimont nell’ambito del progetto Green Chem.

Anche di questo si è parlato in occasione convengo “La società sostenibile del futuro: il ruolo dell’ingegneria chimica”, organizzato a Roma da dall’Associazione Italiana di Ingegneria Chimica (AIDIC) in collaborazione proprio con Maire Tecnimont e con Eni e Cargill, per approfondire le tendenze più recenti e avanzate nei settori dell’energia, della chimica verde, della bioraffineria e della mobilità, con la partecipazione di alcuni dei massimi esperti internazionali.

L’aumento del benessere della popolazione mondiale – si legge in una nota diffusa da Maire Tecnimont – farà sì che al 2030 il petrolio sarà utilizzato principalmente per la produzione di petrolchimica (plastiche e derivati), più che per carburanti da trasporto. Infatti, l’incremento totale della domanda di petrolio 2017-2030, pari a circa 9,6 milioni di barili al giorno, sarà costituito per 3,2 milioni di barili al giorno dalla petrolchimica. Questa tendenza da un lato conferma la crescita di un uso degli idrocarburi per produrre materiali plastici durevoli in processi con limitate emissioni di anidride carbonica; dall’altro, pone la sfida della decarbonizzazione anche nel campo delle materie plastiche, dati gli squilibri ambientali causati dall’eccesso di anidride carbonica nell’atmosfera.

Durante il convegno romano è stato, inoltre, discusso il concetto di sostenibilità attraverso l’applicazione di nuovi e differenti approcci verso le risorse e verso l’ambiente. Al centro del confronto, inoltre, l’evoluzione verso un sistema di energia sostenibile e le sfide per un suo utilizzo più efficiente e consapevole.

La partecipazione di Maire Tecnimont al forum – spiega l’azienda milanese – s’inquadra proprio in quest’ottica, ovvero nell’ambito del progetto di Green Acceleration recentemente presentato dal gruppo, attraverso il lancio di NextChem, la società dedicata alle nuove tecnologie per accompagnare la transizione energetica in atto, attraverso tre direttrici: tecnologie per la riduzione della carbon footprint, economia circolare e nuovi prodotti e materie prime green per industrializzare la produzione di bioplastiche. Il gruppo Maire Tecnimont ha già investito negli ultimi 5 anni circa 50 milioni di euro in oltre 70 progetti di innovazione, anche attraverso investimenti mirati in start-up e partnership, per la creazione di un portafoglio di tecnologie volto a soddisfare le nuove esigenze imposte dalla rivoluzione in corso nell’industria dell’energia e della chimica. NextChem sta gestendo 19 iniziative tecnologiche nel campo della chimica verde e della transizione energetica per rispondere al meglio alle nuove dinamiche di mercato.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...