venerdì, Ottobre 22, 2021

NAPOLI SI CANDIDA A CAPITALE DEL GNL

Must read

La produzione di petrolio in Argentina è scesa del 21% in un mese

Il Segretariato per l'Energia dell'Argentina ha riferito che la produzione di petrolio convenzionale a settembre è stata di 296.514 barili al giorno. Nello stesso mese,...

Brasile. La nuova asta ha venduto solo 5 blocchi su 92

 Il Brasile ha venduto solo cinque dei 92 blocchi offerti con nove società partecipanti, rispetto ai 17 blocchi assegnati nella precedente (2019). Grandi compagnie petrolifere...

Pemex lancia bando di gara per la certificazione delle riserve di idrocarburi

Il dipartimento di produzione e esplorazione della compagnia statale petrolifera Pemex (PEP) è alla ricerca di una agenzia per quantificare e certificare i volumi...

Il prezzo del petrolio venezuelano è aumentato del 41%

Il prezzo del greggio ha raggiunto lo scorso settembre 54,96 dollari al barile, un prezzo inferiore del 25% rispetto alla media di riferimento dell'insieme...

Napoli ha deciso di puntare sul GNL come carburante navale e di ritagliarsi un ruolo di primo piano nel settore, come testimonia la presenza nella città partenopea di Conferenza GNL, evento internazionale che si terrà al Palazzo dei Congressi della Mostra D’Oltremare il 10 e 11 maggio prossimi.

E d’altra parte è arrivato a confermare questa nuova vocazione dello scalo il recente annuncio di Pietro Spirito, Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centrale, che ha reso noto come entro fine anno l’authority dei porti di Napoli e Salerno richiederà manifestazioni d’interesse per realizzare un deposito costiero che garantisca il servizio di rifornimento di GNL alle navi che faranno scalo nel porto di Napoli.

Una notizia importanza, sottolineata con una nota dagli stessi organizzatori della Conferenza GNL, evento itinerante nato nel 2012 che nell’edizione di quest’anno analizzerà le recenti dinamiche del mercato grazie anche al contributo di Greek Energy Forum, think tank internazionale sull’energia e della statunitense LNG Allies, associazione delle compagnie esportatrici di GNL dagli USA, mentre un focus sulla situazione asiatica sarà fornito dall’Università di Shanghai.

Particolare attenzione verrà poi riservata alle tematiche ambientali grazie a contributi di rappresentanti dell’Organizzazione Marittima Mondiale (IMO) e della Commissione Europea, oltre che del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, che patrocina l’evento insieme al Ministero degli Esteri.

 

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

La produzione di petrolio in Argentina è scesa del 21% in un mese

Il Segretariato per l'Energia dell'Argentina ha riferito che la produzione di petrolio convenzionale a settembre è stata di 296.514 barili al giorno. Nello stesso mese,...

Brasile. La nuova asta ha venduto solo 5 blocchi su 92

 Il Brasile ha venduto solo cinque dei 92 blocchi offerti con nove società partecipanti, rispetto ai 17 blocchi assegnati nella precedente (2019). Grandi compagnie petrolifere...

Pemex lancia bando di gara per la certificazione delle riserve di idrocarburi

Il dipartimento di produzione e esplorazione della compagnia statale petrolifera Pemex (PEP) è alla ricerca di una agenzia per quantificare e certificare i volumi...

Il prezzo del petrolio venezuelano è aumentato del 41%

Il prezzo del greggio ha raggiunto lo scorso settembre 54,96 dollari al barile, un prezzo inferiore del 25% rispetto alla media di riferimento dell'insieme...

Brasile vuole aumentare importazioni di gas e urea dalla Bolivia

Lo stato brasiliano del Mato Grosso ha manifestato l’interesse di acquistare gas naturale e urea della Bolivia, giustificata da una fase di crescita industriale,...