lunedì, Luglio 22, 2024

NextChem ottiene un contratto pre-feed per la produzione di biometano in Francia

Must read

Chevron accelera lo sviluppo sfruttando le nuove tecnologie

"Le nuove tecnologie possono fare la differenza nel campo dello sviluppo energetico offshore", dichiara Matt Johnson, specialista nello sviluppo dei giacimenti e nell'ottimizzazione del...

Saipem si aggiudica i lavori per il gasdotto GreenStream

La società energetica Saipem si è aggiudicata un contratto per la sorveglianza e i servizi di intervento sottomarino per il gasdotto GreenStream, che collega...

TotalEnergies vende la sua quota in SPDC JV

TotalEnergies EP Nigeria, controllata africana della multinazionale francese, ha annunciato di aver raggiunto un accordo di compravendita con Chappal Energies - azienda energetica con...

Scoperto un giacimento di petrolio immenso in Kuwait

La compagnia petrolifera Kuwait Oil Company, dell'omonimo paese emirato, ha annunciato la scoperta di un giacimento incredibilmente vasto nell'offshore al largo dell'Isola Failaka. Stando...

NextChem, una società di MAIRE che si occupa di sviluppo e fornitura di soluzioni tecnologiche, processi e basic engineering design, apparecchiature proprietarie e catalizzatori per favorire la decarbonizzazione, ha ottenuto tramite la propria sussidiaria NextChem Tech un contratto con ENGIE, multinazionale francese che opera nei settori di produzione e distribuzione di gas naturale.

Il contratto prevede lo sviluppo pre-feed di un piano di gassificazione e metanizzazione degli scarti del legno e di un’unità di cattura della CO2 per quanto riguarda il progetto Salamandre, in Normandia.

L’assegnazione del lavoro a NextChem segue il fruttuoso completamento di uno studio avanzato sull’ingegneria base per quello che riguarda la gassificazione degli scarti legnosi e i sistemi di purificazione del gas di sintesi nell’ottica della produzione del biometano di seconda generazione.

Inoltre, tra gli obiettivi dell’azienda, ci sarebbe quello di compiere delle stime preliminari sulla possibilità di gassificazione e metanizzazione totale dell’intero progetto, comprese le unità ausiliarie che saranno parte della decisione finale d’investimento del cliente.

Secondo le stime l’impianto dovrebbe arrivare a produrre 20MW di biometano equivalente, ricavato dalla pirogassificazione degli scarti lignei. Si tratterà di uno dei primi progetti industiali di questo tipo al mondo.

Questo nuovo accordo con ENGIE è un’ulteriore prova della già riconosciuta capacità di MAIRE nello sviluppo e implemento di soluzioni tecnologiche sostenibili – ha commentato Alessandro Bernini, CEO di MAIRE – in linea con i nuovi regolamenti europei per la produzione di gas di sintesi e biometano derivato dagli scarti del legno e dalle biomasse.”

Latest article

Chevron accelera lo sviluppo sfruttando le nuove tecnologie

"Le nuove tecnologie possono fare la differenza nel campo dello sviluppo energetico offshore", dichiara Matt Johnson, specialista nello sviluppo dei giacimenti e nell'ottimizzazione del...

Saipem si aggiudica i lavori per il gasdotto GreenStream

La società energetica Saipem si è aggiudicata un contratto per la sorveglianza e i servizi di intervento sottomarino per il gasdotto GreenStream, che collega...

TotalEnergies vende la sua quota in SPDC JV

TotalEnergies EP Nigeria, controllata africana della multinazionale francese, ha annunciato di aver raggiunto un accordo di compravendita con Chappal Energies - azienda energetica con...

Scoperto un giacimento di petrolio immenso in Kuwait

La compagnia petrolifera Kuwait Oil Company, dell'omonimo paese emirato, ha annunciato la scoperta di un giacimento incredibilmente vasto nell'offshore al largo dell'Isola Failaka. Stando...

Saipem si aggiudica due contratti in Arabia Saudita

Saipem è riuscita ad aggiudicarsi due grossi contratti offshore in Arabia Saudita, nell'ambito del progetto Long-Term Agreement di Saudi Aramco. Secondo uno dei due...