venerdì, Aprile 23, 2021

NUOVA SCOPERTA DI PETROLIO E GAS PER VAR ENERGI, CONTROLLATA NORVEGESE DELL’ENI

Must read

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

Nuove scoperta di petrolio e gas per l’Eni: la corporation italiana ha appena annunciato un nuovo ritrovamento nella licenza PL 869 nel Mare del Nord norvegese, effettuato dalla controllata Var Energi (69,6% Eni e 30,4% HitecVision).

La scoperta è stata effettuata con il pozzo 24/9-14S e un seguente side track 24/9-14A nel prospect esplorativo denominato Froskelar Main.  Vår Energi AS detiene il 20% di interesse partecipativo nella licenza dove Aker BP è l’operatore con il 60% e Lundin Norway AS è l’altro partner con il 20%.  Froskelar è situata circa 4 Km a nord ovest del campo di Bøyla Field e 225 km a ovest di Stavanger in profondità d’acqua di 120 m. Il pozzo è stato perforato con l’impianto Scarabeo 8.

Il pozzo 24/9-14S – spiega l’Eni in una nota – è stato perforato fino ad una profondità verticale di 2097 m incontrando vari livelli mineralizzati a olio e gas nelle arenarie Paleoceniche dell’Hordland Group, con buone proprietà petrofisiche, interpretate come “Injectites”. Il pozzo ha provato una colonna di idrocarburi di 68 m di cui 38m mineralizzata a olio.  Il side track orizzontale 24/9-14A ha incontrato una successione di 540 m di sabbie con buona qualità, verificando i contatti tra i fluidi. È stata condotta un’intensa campagna di acquisizione dati e campionamenti di fluidi.

Le stime preliminari dell’operatore indicano una scoperta tra 63 e 132 milioni di barili di olio equivalente di riserve recuperabili. Una parte della scoperta si potrebbe estendere in acque britanniche. La scoperta può essere collegata alle vicine infrastrutture esistenti nell’area di Alvheim.

La licenza PL 869 è stata assegnata nell’ APA Round 2016 e circonda la licenza PL340 (Vår Energi 20%) in cui si trovano il campo di Bøyla e la scoperta di Frosk. I risultati di Froskelar raddoppiano le risorse della scoperta di Frosk e sono di notevole importanza per Vår Energi essendo situate in prossimità del campo di Bøyla e il campo operato di Balder/Ringhorne.

Vår Energi e’ una nuova e importante compagnia indipendente di esplorazione e produzione sulla piattaforma continentale Norvegese (NCS) ed è il risultato di un merge tra Point Resources AS e Eni Norge AS.

Vår Energi detiene interessi in oltre 100 licenze nell’ offshore Norvegese e opera produzione su tutta la piattaforma continentale norvegese. La compagnia ha una organizzazione con 800 dipendenti. La produzione Equity attuale è di circa 160.000 barili di olio equivalente al giorno.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...