giovedì, Gennaio 20, 2022

Oasis abbandona il giacimento del Permiano per 481 milioni di dollari

Must read

Nel 2021 le esportazioni di PDVSA sono aumentate del 66%

Secondo i dati di PDVSA Il livello medio delle esportazioni di petrolio dal Venezuela ha raggiunto il livello di 628.900 barili al giorno nel...

Argentina. Vaca Muerta potrebbe esportare 13.000 milioni di euro l’anno

Il presidente dell'Istituto Argentino del Petrolio e del Gas (IAPG), ha pubblicato un’analisi dello scenario del settore degli idrocarburi di fronte alla transizione energetica...

Ecuador aumenta le sue vendite annuali di petrolio del 51%

Secondo le cifre annunciate dal Ministero di Energia, il paese ha aumentato le vendite di petrolio del 51%, passando da 4.150 milioni di euro...

Perù. La raffineria di Talara entrerà in servizio ad aprile

La compagnia Petroperú ha annunciato che la nuova raffineria di Talara entrerà in funzione gradualmente a partire dal mese di aprile. Il complesso contribuirà...

La compagnia statunitense Oasis Petroleum Inc. ha annunciato uscirà dal bacino del Permiano attraverso la cessione di una serie di asset per concentrarsi su quello di Williston, anche se i nuovi acquirenti non sono ancora stati nominati.

Il corrispettivo per compiere questa operazione è di 481 milioni di dollari, di cui 406 milioni dovranno essere pagati all’atto di chiusura e il saldo mediante tre tranche da 25 milioni che dovranno essere pagate nel 2023, 2024 e 2025.

Le transazioni includono 9.700 ettari e una produzione media confermata nel primo trimestre 2021 di 7.200 barili equivalenti di petrolio al giorno.

La transazione principale dovrebbe chiudersi entro il 30 giugno 2021.

Secondo Danny Brown, amministratore delegato della compagnia, le attività del Permiano erano difficili da incrementare, e la vendita di questo asset consentirà all’azienda di concentrarsi sul giacimento di Williston dove invece esisterebbe una maggiore opportunità di crescita.

A maggio, la società ha rafforzato la sua posizione nel bacino di Williston attraverso una transazione da 745 milioni di dollari con Diamondback Energy, dove ha guadagnato circa 27.000 barili al giorno in termini di produzione durante il primo trimestre 2021.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Nel 2021 le esportazioni di PDVSA sono aumentate del 66%

Secondo i dati di PDVSA Il livello medio delle esportazioni di petrolio dal Venezuela ha raggiunto il livello di 628.900 barili al giorno nel...

Argentina. Vaca Muerta potrebbe esportare 13.000 milioni di euro l’anno

Il presidente dell'Istituto Argentino del Petrolio e del Gas (IAPG), ha pubblicato un’analisi dello scenario del settore degli idrocarburi di fronte alla transizione energetica...

Ecuador aumenta le sue vendite annuali di petrolio del 51%

Secondo le cifre annunciate dal Ministero di Energia, il paese ha aumentato le vendite di petrolio del 51%, passando da 4.150 milioni di euro...

Perù. La raffineria di Talara entrerà in servizio ad aprile

La compagnia Petroperú ha annunciato che la nuova raffineria di Talara entrerà in funzione gradualmente a partire dal mese di aprile. Il complesso contribuirà...

Messico. Pemex riceverà le chiavi di Deer Park il 20 gennaio

Petróleos Mexicanos (Pemex) assumerà il controllo della raffineria di Deer Park, situata in Texas il 20 gennaio, questo è quanto emerge dalla chiusura dell'accordo...