giovedì, Dicembre 1, 2022

Oasis abbandona il giacimento del Permiano per 481 milioni di dollari

Must read

Snam acquista 5 i nuovi impianti di biogas agricolo in Veneto e Friuli Venezia-Giulia

IES Biogas, controllata di Snam4Environment, società del gruppo Snam attiva nel settore del biometano e dell'economia circolare, ha acquistato cinque impianti di biogas agricolo...

Eni si candida in UK per una licenza di stoccaggio di CO2 nel giacimento di Hewett

Eni UK annuncia di aver sottoposto alla North Sea Transition Authority (NSTA) la candidatura per una licenza di stoccaggio di anidride carbonica nel giacimento...

YPFB investirà nel sistema di distribuzione del gas naturale di Puerto Suárez

Il sistema di distribuzione del gas naturale andrà a beneficio del settore produttivo della città di Puerto Suárez (al confine con il Brasile), poiché...

Eni compie una nuova importante scoperta di gas a largo di Cipro

Eni annuncia una importante scoperta di gas con il pozzo Cronos-1, nel Blocco 6, a circa 160 chilometri al largo di Cipro, in una...

La compagnia statunitense Oasis Petroleum Inc. ha annunciato uscirà dal bacino del Permiano attraverso la cessione di una serie di asset per concentrarsi su quello di Williston, anche se i nuovi acquirenti non sono ancora stati nominati.

Il corrispettivo per compiere questa operazione è di 481 milioni di dollari, di cui 406 milioni dovranno essere pagati all’atto di chiusura e il saldo mediante tre tranche da 25 milioni che dovranno essere pagate nel 2023, 2024 e 2025.

Le transazioni includono 9.700 ettari e una produzione media confermata nel primo trimestre 2021 di 7.200 barili equivalenti di petrolio al giorno.

La transazione principale dovrebbe chiudersi entro il 30 giugno 2021.

Secondo Danny Brown, amministratore delegato della compagnia, le attività del Permiano erano difficili da incrementare, e la vendita di questo asset consentirà all’azienda di concentrarsi sul giacimento di Williston dove invece esisterebbe una maggiore opportunità di crescita.

A maggio, la società ha rafforzato la sua posizione nel bacino di Williston attraverso una transazione da 745 milioni di dollari con Diamondback Energy, dove ha guadagnato circa 27.000 barili al giorno in termini di produzione durante il primo trimestre 2021.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Snam acquista 5 i nuovi impianti di biogas agricolo in Veneto e Friuli Venezia-Giulia

IES Biogas, controllata di Snam4Environment, società del gruppo Snam attiva nel settore del biometano e dell'economia circolare, ha acquistato cinque impianti di biogas agricolo...

Eni si candida in UK per una licenza di stoccaggio di CO2 nel giacimento di Hewett

Eni UK annuncia di aver sottoposto alla North Sea Transition Authority (NSTA) la candidatura per una licenza di stoccaggio di anidride carbonica nel giacimento...

YPFB investirà nel sistema di distribuzione del gas naturale di Puerto Suárez

Il sistema di distribuzione del gas naturale andrà a beneficio del settore produttivo della città di Puerto Suárez (al confine con il Brasile), poiché...

Eni compie una nuova importante scoperta di gas a largo di Cipro

Eni annuncia una importante scoperta di gas con il pozzo Cronos-1, nel Blocco 6, a circa 160 chilometri al largo di Cipro, in una...

ExxonMobil scopre nuove riserve di petrolio

Il quinto progetto nel blocco Stabroek condotto dalla compagnia ExxonMobil, prende di mira i tre grandi giacimenti di Uaru, Mako e Snoek. Il pozzo Snoek-1...