giovedì, Aprile 22, 2021

ORDINATA IN OLANDA DA VAN OORD LA PRIMA CRANE-VESSEL A GNL

Must read

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...

Petrobras cerca operatori internazionali per assegnare la gestione del terminal di rigassificazione Bahia LNG

Procede il processo avviato dalla corporation petrolifera statale brasiliana Petrobras per affidare la gestione del terminal di rigassificazione offshore Bahia LNG. La procedura, partita nella...

Il gruppo marittimo olandese Van Oord tra circa un anno prenderà in consegna una crane-vessel del tutto inedita: sarà infatti la prima unità delle sua tipologia alimentata a GNL (Gas Naturale Liquefatto).

La società con base a Rotterdam, specializzata in lavori sottomarini, dragaggi e servizi all’industria delle estrazioni offshore, ha infatti reso noto di aver commissionato al cantiere connazionale Neptune di Hardinxveld-Giessendam la costruzione di un’imbarcazione con gru per il sollevamento di carichi eccezionali, che verrà nominata Werkendam e sarà destinata alla sua controllata Paans Van Oord.

Il mezzo sarà pronto in circa 12 mesi e sarà il primo crane-vessel del mondo alimentato a GNL, anche se avrà un motore diesel tradizionale che servirà soltanto come generatore di riserva. La Werkendam disporrà di un serbatoio di 38 metri cubi per il gas liquido, la cui combustione genererà sia la propulsione che l’energia elettrica necessaria a far funzionare la strumentazione di bordo, compresa la gru.

In questo modo, spiega Van Oord, sarà possibile ridurre drasticamente i consumi e la produzione di CO2, senza tuttavia compromettere l’efficienza operativa della Werkendam.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...

Petrobras cerca operatori internazionali per assegnare la gestione del terminal di rigassificazione Bahia LNG

Procede il processo avviato dalla corporation petrolifera statale brasiliana Petrobras per affidare la gestione del terminal di rigassificazione offshore Bahia LNG. La procedura, partita nella...

PAROLE DI SCIENZA (a cura di Roberto Vacca) Il degrado culturale corrompe il nostro pensare

Se eri considerato una persona colta vari decenni fa , e anche se hai provato ad aggiornarti, ti senti come lo scemo del villaggio...