venerdì, Febbraio 3, 2023

PER LA RUSSIA IL MERCATO DEL PETROLIO HA TOCCATO IL FONDO (E ORA PUO’ INIZIARE A RISALIRE)

Must read

Messico. Sette giacimenti concentrano più della metà della produzione di liquidi

Secondo i dati della Commissione Nazionale degli Idrocarburi (CNH), dei 247 giacimenti petroliferi attivi nel paese, sette concentrano la metà della produzione dei liquidi. Infatti...

Saipem – Due contratti offshore da 900 milioni di dollari

Saipem si è aggiudicata due contratti offshore per un importo complessivo di circa 900 milioni di dollari. Il primo contratto - in partnership con Aker...

CNH approva le dimissioni di Repsol nei due blocchi delle acque pocoprofonde del Golfo

La compagnia spagnola in totale lascerà cinque aree nel Golfo del Messico e nemanterrà soltanto uno che si trova in acque profonde.La Commissione Nazionale...

Argentina. La giustizia autorizza l'esplorazione in mare aperto

La Corte Federale d'Appello ha autorizzato alla compagnia petrolifera nazionale YPF laripresa della ricerca di gas e petrolio nel mare argentino, stabilendo però che...

Il mercato del petrolio ha toccato il fondo, con la domanda che si è ridotta di un terzo a causa del coronavirus, e ora la situazione potrebbe iniziare lentamente a migliorare a partire da maggio, quando avranno effetto i primi tagli dell’output concordati in sede OPEC+.

E’ quanto ha dichiarato il ministro russo dell’Energia Alexander Novak, che – parlando in occasione di una conferenza online con parlamentari russi – ha anche aggiunto che, comunque, il mercato petrolifero resterà molto volatile nelle prossime settimane, almeno fino al 1° maggio quando i tagli della produzione diventeranno effettivi.

Un primo segnale che la previsione del ministro russo potrebbe davvero avverarsi è peraltro arrivata oggi dalle quotazioni del Brent che, riporta ancora la Reuters, dopo aver toccato i 16 dollari al barile, cifra più bassa mai raggiunta fin dal 1999, ha iniziato a risalire, anche se solo di pochi punti percentuali, proprio in vista dei futuri tagli dell’output.

Un primo timido segnale, anche se, come ha ricordato l’analista di Petromatrix Oliver Jakob all’agenzia di stampa britannica, “siamo comunque a livelli di prezzo che generano un forte impatto negativo sulla produzione a livello mondiali”.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Messico. Sette giacimenti concentrano più della metà della produzione di liquidi

Secondo i dati della Commissione Nazionale degli Idrocarburi (CNH), dei 247 giacimenti petroliferi attivi nel paese, sette concentrano la metà della produzione dei liquidi. Infatti...

Saipem – Due contratti offshore da 900 milioni di dollari

Saipem si è aggiudicata due contratti offshore per un importo complessivo di circa 900 milioni di dollari. Il primo contratto - in partnership con Aker...

CNH approva le dimissioni di Repsol nei due blocchi delle acque pocoprofonde del Golfo

La compagnia spagnola in totale lascerà cinque aree nel Golfo del Messico e nemanterrà soltanto uno che si trova in acque profonde.La Commissione Nazionale...

Argentina. La giustizia autorizza l'esplorazione in mare aperto

La Corte Federale d'Appello ha autorizzato alla compagnia petrolifera nazionale YPF laripresa della ricerca di gas e petrolio nel mare argentino, stabilendo però che...

Snam acquista 5 i nuovi impianti di biogas agricolo in Veneto e Friuli Venezia-Giulia

IES Biogas, controllata di Snam4Environment, società del gruppo Snam attiva nel settore del biometano e dell'economia circolare, ha acquistato cinque impianti di biogas agricolo...