mercoledì, Agosto 4, 2021

PER LA RUSSIA IL MERCATO DEL PETROLIO HA TOCCATO IL FONDO (E ORA PUO’ INIZIARE A RISALIRE)

Must read

Il 56% delle attività a rischio di Repsol si trovano in Venezuela

La compagnia petrolifera spagnola Repsol ha presentato i suoi risultati finanziari del primo semestre 2021, in cui indica che i loro asset esposti a...

Snam – I gasdotti potranno trasportare in futuro l’idrogeno prodotto dalle rinnovabili

“Domani avremo idrogeno prodotto in Nord Africa, nel Mare del Nord, con risorse solari ed eoliche e quell’idrogeno può viaggiare attraverso il sistema esistente...

Iniziano i lavori di produzione presso il pozzo East Cendor, in Malesia

A 140 chilometri dalle coste della Penisola Malese, sono stati avviati da Petrofac Malaysia Ltd. i lavori presso il pozzo East Cendor, che diventa...

Consorzio Libra e Shell Brazil – via libera alla FPSO Mero-4 nel offshore del Brasile

Il Consorzio Libra, gestito dalla brasiliana Petrobras, ha annunciato di aver raggiunto l’accordo con Shell Brasil Petroleo (Shell Brasil) per la fornitura della nave...

Il mercato del petrolio ha toccato il fondo, con la domanda che si è ridotta di un terzo a causa del coronavirus, e ora la situazione potrebbe iniziare lentamente a migliorare a partire da maggio, quando avranno effetto i primi tagli dell’output concordati in sede OPEC+.

E’ quanto ha dichiarato il ministro russo dell’Energia Alexander Novak, che – parlando in occasione di una conferenza online con parlamentari russi – ha anche aggiunto che, comunque, il mercato petrolifero resterà molto volatile nelle prossime settimane, almeno fino al 1° maggio quando i tagli della produzione diventeranno effettivi.

Un primo segnale che la previsione del ministro russo potrebbe davvero avverarsi è peraltro arrivata oggi dalle quotazioni del Brent che, riporta ancora la Reuters, dopo aver toccato i 16 dollari al barile, cifra più bassa mai raggiunta fin dal 1999, ha iniziato a risalire, anche se solo di pochi punti percentuali, proprio in vista dei futuri tagli dell’output.

Un primo timido segnale, anche se, come ha ricordato l’analista di Petromatrix Oliver Jakob all’agenzia di stampa britannica, “siamo comunque a livelli di prezzo che generano un forte impatto negativo sulla produzione a livello mondiali”.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il 56% delle attività a rischio di Repsol si trovano in Venezuela

La compagnia petrolifera spagnola Repsol ha presentato i suoi risultati finanziari del primo semestre 2021, in cui indica che i loro asset esposti a...

Snam – I gasdotti potranno trasportare in futuro l’idrogeno prodotto dalle rinnovabili

“Domani avremo idrogeno prodotto in Nord Africa, nel Mare del Nord, con risorse solari ed eoliche e quell’idrogeno può viaggiare attraverso il sistema esistente...

Iniziano i lavori di produzione presso il pozzo East Cendor, in Malesia

A 140 chilometri dalle coste della Penisola Malese, sono stati avviati da Petrofac Malaysia Ltd. i lavori presso il pozzo East Cendor, che diventa...

Consorzio Libra e Shell Brazil – via libera alla FPSO Mero-4 nel offshore del Brasile

Il Consorzio Libra, gestito dalla brasiliana Petrobras, ha annunciato di aver raggiunto l’accordo con Shell Brasil Petroleo (Shell Brasil) per la fornitura della nave...

Vard Group consegna la prima nave da crociera per destinazioni polari a GNL

Vard Group, compagnia controllata da Fincantieri e uno dei leader mondiali nella progettazione di navi per il mercato offshore, ha annunciato di aver consegnato...