martedì, Ottobre 26, 2021

PER LA RUSSIA IL MERCATO DEL PETROLIO HA TOCCATO IL FONDO (E ORA PUO’ INIZIARE A RISALIRE)

Must read

Petroperù ha avuto un utile lordo di 320 milioni di euro in settembre

La compagnia Petroperú ha chiuso il mese di settembre con un utile lordo di 320 milioni di euro, 200 milioni in più rispetto allo...

Petrobras mantiene la crescita della produzione nel terzo trimestre

Secondo il comunicato di Petrobras, la produzione media di petrolio, GNL e gas naturale ha raggiunto 2,8 milioni di barili di petrolio equivalente al...

La produzione di petrolio in Argentina è scesa del 21% in un mese

Il Segretariato per l'Energia dell'Argentina ha riferito che la produzione di petrolio convenzionale a settembre è stata di 296.514 barili al giorno. Nello stesso mese,...

Brasile. La nuova asta ha venduto solo 5 blocchi su 92

 Il Brasile ha venduto solo cinque dei 92 blocchi offerti con nove società partecipanti, rispetto ai 17 blocchi assegnati nella precedente (2019). Grandi compagnie petrolifere...

Il mercato del petrolio ha toccato il fondo, con la domanda che si è ridotta di un terzo a causa del coronavirus, e ora la situazione potrebbe iniziare lentamente a migliorare a partire da maggio, quando avranno effetto i primi tagli dell’output concordati in sede OPEC+.

E’ quanto ha dichiarato il ministro russo dell’Energia Alexander Novak, che – parlando in occasione di una conferenza online con parlamentari russi – ha anche aggiunto che, comunque, il mercato petrolifero resterà molto volatile nelle prossime settimane, almeno fino al 1° maggio quando i tagli della produzione diventeranno effettivi.

Un primo segnale che la previsione del ministro russo potrebbe davvero avverarsi è peraltro arrivata oggi dalle quotazioni del Brent che, riporta ancora la Reuters, dopo aver toccato i 16 dollari al barile, cifra più bassa mai raggiunta fin dal 1999, ha iniziato a risalire, anche se solo di pochi punti percentuali, proprio in vista dei futuri tagli dell’output.

Un primo timido segnale, anche se, come ha ricordato l’analista di Petromatrix Oliver Jakob all’agenzia di stampa britannica, “siamo comunque a livelli di prezzo che generano un forte impatto negativo sulla produzione a livello mondiali”.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Petroperù ha avuto un utile lordo di 320 milioni di euro in settembre

La compagnia Petroperú ha chiuso il mese di settembre con un utile lordo di 320 milioni di euro, 200 milioni in più rispetto allo...

Petrobras mantiene la crescita della produzione nel terzo trimestre

Secondo il comunicato di Petrobras, la produzione media di petrolio, GNL e gas naturale ha raggiunto 2,8 milioni di barili di petrolio equivalente al...

La produzione di petrolio in Argentina è scesa del 21% in un mese

Il Segretariato per l'Energia dell'Argentina ha riferito che la produzione di petrolio convenzionale a settembre è stata di 296.514 barili al giorno. Nello stesso mese,...

Brasile. La nuova asta ha venduto solo 5 blocchi su 92

 Il Brasile ha venduto solo cinque dei 92 blocchi offerti con nove società partecipanti, rispetto ai 17 blocchi assegnati nella precedente (2019). Grandi compagnie petrolifere...

Pemex lancia bando di gara per la certificazione delle riserve di idrocarburi

Il dipartimento di produzione e esplorazione della compagnia statale petrolifera Pemex (PEP) è alla ricerca di una agenzia per quantificare e certificare i volumi...