sabato, Marzo 6, 2021

PER TOSTO 50 MILIONI DI CONTRATTI INTERNAZIONALI

Must read

Snam punta sulla ‘pipeline virtuale’ per metanizzare la Sardegna: bando per la fornitura di navi gasiere

Tramontata l’ipotesi della cosiddetta ‘dorsale sarda’ – il gasdotto che avrebbe dovuto percorrere da nord a sud tutta l’isola trasportando il gas naturale –...

L’OPEC+ orientato a non aumentare (ancora) l’output petrolifero, e il prezzo del barile sale

Il prezzo del barile di petrolio è salito oggi (Brent +1,5% e WTI + 1,7%), sospinto dalla notizia che nel corso del prossimo meeting,...

Baker Hughes e Akastor fondono i rispettivi business a servizio dell’industria offshore

I due gruppi Baker Hughes e Akastor hanno annunciato di aver raggiunto un accordo per integrare i rispettivi business nel settore delle perforazioni offshore. In...

Dal 2022 Total potrà rifornire di GNL le navi nel porto di Singapore

La Port Authority di Singapore ha annunciato di aver concesso al gruppo Total una nuova autorizzazione per svolgere le operazioni di bunkeraggio di GNL...

Tosto, leader nei grandi impianti di caldareria per l’Oil & Gas si è aggiudicata cinque importanti forniture in Turchia, Kuwait, Messico e Stati Uniti per un valore di oltre 50 milioni di euro. L’azienda abruzzese continua la strategia di espansione sui mercati internazionali ma mantiene i processi di produzione in Italia. L’alta specializzazione e la tecnologia hanno convinto cinque colossi del settore ad ordinare i prodotti Tosto: Socar Turkey Enerji A.S. (STAR), KNPC, Pemex, Fluor/Marathon e Technip Badger. Gli impianti saranno completamente realizzati negli stabilimenti di Chieti e Ortona e verranno spediti via nave direttamente dal workshop situato all’interno del Porto di Ortona.

In Turchia è stata acquisita la fornitura di 19 scambiatori di calore ad alta pressione (del diametro di circa 2 metri e lunghezze massime di 8 metri), per il progetto Star Aegean Refinery, un impianto che verrà costruito nel comparto industriale della città di Izmir, nel sud del Paese, e che servirà alla raffinazione di oltre 10 milioni di tonnellate di greggio per anno, destinati all’industria petrolchimica locale e per il fabbisogno di carburanti e affini. La raffineria, il cui costo complessivo si aggira intorno ai 5,7 miliardi di euro, è realizzata dalla spagnola Ute Tsgi composta da 4 aziende di livello internazionale: la spagnola Tecnicas Reunidas, l’italiana Saipem, la Coreana GS Engineering & Construction e la Giapponese Itochu. In Kuwait Walter Tosto si è aggiudicata dalla joint venture tra Petrofac di Sharjah (Emirati Arabi), Samsung Engineering (Corea) e CB&I (Olanda) la fornitura di tre reattori hydrocracking (del diametro superiore ai 4 metri, lunghezza di 25 metri e peso di 2mila tonnellate) per il progetto Clean Fuel (CFP), che trasformerà le due raffinerie oggi esistenti di Mina Abdulla e Mina Al-Ahmadi in un complesso di raffinazione integrato. Alla compagnia petrolifera messicana Pemex Walter Tosto fornirà due HDS Reactors: i reattori hanno dimensioni importanti, con pesi che si aggirano intorno alle 350 tonnellate, e saranno destinati all’unità HDS (hydrodesulfurization) della Raffineria Madero a Ciudad Madero, Tamaulipas. Negli Stati Uniti, infine, il gruppo teatino si è aggiudicato due commesse da Fluor/Marathon e Technip Badger «per la fornitura rispettivamente di 1 HDS Reactor e 2 Treating Column (di dimensioni importanti e peso di circa 300 tonnellate), e di uno scambiatore Stacked Exchanger, un Reactor Reheater, un Primary ed un Secondary Reactor, necessari per il processo di produzione di etilbenzene e monomero di stirene».

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Snam punta sulla ‘pipeline virtuale’ per metanizzare la Sardegna: bando per la fornitura di navi gasiere

Tramontata l’ipotesi della cosiddetta ‘dorsale sarda’ – il gasdotto che avrebbe dovuto percorrere da nord a sud tutta l’isola trasportando il gas naturale –...

L’OPEC+ orientato a non aumentare (ancora) l’output petrolifero, e il prezzo del barile sale

Il prezzo del barile di petrolio è salito oggi (Brent +1,5% e WTI + 1,7%), sospinto dalla notizia che nel corso del prossimo meeting,...

Baker Hughes e Akastor fondono i rispettivi business a servizio dell’industria offshore

I due gruppi Baker Hughes e Akastor hanno annunciato di aver raggiunto un accordo per integrare i rispettivi business nel settore delle perforazioni offshore. In...

Dal 2022 Total potrà rifornire di GNL le navi nel porto di Singapore

La Port Authority di Singapore ha annunciato di aver concesso al gruppo Total una nuova autorizzazione per svolgere le operazioni di bunkeraggio di GNL...

Saipem: rosso di oltre 1 miliardo nel 2020, ma l’azienda conferma l’impegno nella transizione energetica

La pandemia di coronavirus ha pesato in misura considerevole sui conti di Saipem, che ha chiuso il 2020 con un rosso superiore al miliardo...