venerdì, Aprile 23, 2021

PRONTA A DEBUTTARE LA PRIMA NAVE ALIMENTATA A GAS ETANO

Must read

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

E’ pronta a debuttare la Navigator Aurora, prima nave commerciale il cui motore verrà alimentato a gas etano, uno dei principali componenti del gas naturale, insieme al metano.

Questa unità è stata costruita nel 2016 per il trasporto di GPL (Gas da Petrolio Liquefatto) o etilene, e nasceva dotata di un motore duel fuel HFO/LNG, ovvero in grado di bruciare sia carburante tradizionale (Heavy Fuel Oil) che gas naturale liquefatto.

Dopo un lungo lavoro preparatorio (iniziato già prima della costruzione di questa nave, e durato 4 anni) che ha visto la collaborazione dell’armatore, la compagnia Navigator Gas, del noleggiatore Borealis, del produttore di sistemi di propulsione MAN Energy Solutions, del fornitorie di impianti per lo stoccaggio del gas TGE e il registro navale ABS (che ha classificato la nave e ha certificato la procedura di conversione), la Navigator Aurora è stata scelta come destinataria di questo refitting che l’ha resa la prima unità alimentata a etano.

Al termine di una serie di test svolti presso il cantiere giapponese Kawasaki, sono quindi iniziati i lavori di conversione, eseguiti mentre la nave si trovava ancorata a Frederikshavn, in Danimarca. Ora il motore dual fuel della Aurora Navigator da HFO/LNG è diventato HFO/Etano, potendo bruciare, in alternativa al carburante tradizionale, etano invece che GNL.

“Il successo di questa conversione è il culmine di un lavoro di stretta cooperazione durato 4 anni tra Navigator Gas, Borealis, ABS, ABS Consulting, TGE, MAN Diesel & Turbo, Northern Marine e l’amministrazione della Liberia, dove è registrata la nave” ha commentato Mark Macey, Gas Fleet Manager di Navigator Gas.

“Questa modifica è pienamente rispettosa di tutte la attuali norme sulle emissioni navali e ci consente di essere tra i primi ad aver adottato misure per rispettare i nuovi limiti alle emissioni di zolfo che entreranno in vigore nel 2020” ha aggiunto Paul Flaherty, Direttore flotta e operazioni tecniche di Navigator Gas.

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...