venerdì, Gennaio 21, 2022

Repsol esce dal mercato italiano dei carburanti: accordo con Tamoil per la cessione della rete

Must read

Annunciata la possibile multa a Repsol per fuoriuscita di petrolio

Più di 18.000 metri quadrati di spiagge sono state colpite dalla fuoriuscita di circa 6.000 barili di petrolio. I sindaci di Ventanilla e Ancón...

Diminuisce la produzione nel principale asset di Pemex

Il complesso principale di Pemex (Ku-Maloob-Zaap), ha smesso di produrre circa 152.000 barili al giorno durante la prima metà del 2021. Nella prima metà di...

Nel 2021 le esportazioni di PDVSA sono aumentate del 66%

Secondo i dati di PDVSA Il livello medio delle esportazioni di petrolio dal Venezuela ha raggiunto il livello di 628.900 barili al giorno nel...

Argentina. Vaca Muerta potrebbe esportare 13.000 milioni di euro l’anno

Il presidente dell'Istituto Argentino del Petrolio e del Gas (IAPG), ha pubblicato un’analisi dello scenario del settore degli idrocarburi di fronte alla transizione energetica...

A poco più di 15 anni dal suo ingresso sul mercato italiano della vendita di carburanti, Repsol ha deciso di invertire la rotta.

La major spagnola ha infatti definito un accordo per la cessione del business downstream italiano a Tamoil, parte del gruppo olandese Oilinvest.

La transazione, spiega Repsol in una nota, riguarda il network di stazioni di servizio e la vendita diretta di carburanti a clienti business in Italia ed è stata definita in conseguenza di quanto previsto dal piano strategico 2021-2025 della corporation iberica, che si focalizza sullo sviluppo delle attività nelle aree geografiche dove è possibile generare i maggiori vantaggi competitivi.

Repsol era entrata nel settore delle stazioni di servizio in Italia nel 2004, con l’acquisizione di 45 impianti: una rete cresciuta progressivamente nel corso degli anni fino a contare oggi un totale di 275 punti vendita concentrati soprattutto nel Nord del Paese. Un dato che pone la compagnia al 7° posto per numero di installazioni e volumi venduti a livello nazionale, nel primo mercato europeo per dimensioni con una rete costituita da 21.000 stazioni di servizio.

Per quanto riguarda la vendita diretta, il portafoglio di Repsol è costituito da oltre 1.000 clienti tra individui, entità pubbliche e agenzie di distribuzione.

L’accordo con Tamoil – precisa Repsol – verrà completato nelle prossime settimane e dovrà quindi ottenere le necessarie autorizzazioni amministrative.

Al netto degli impianti italiani, oggetto di questo deal, la rete di Repsol risulta composta da 4.600 stazioni di servizio ubicate in Spagna, Perù, Portogallo e Messico.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Annunciata la possibile multa a Repsol per fuoriuscita di petrolio

Più di 18.000 metri quadrati di spiagge sono state colpite dalla fuoriuscita di circa 6.000 barili di petrolio. I sindaci di Ventanilla e Ancón...

Diminuisce la produzione nel principale asset di Pemex

Il complesso principale di Pemex (Ku-Maloob-Zaap), ha smesso di produrre circa 152.000 barili al giorno durante la prima metà del 2021. Nella prima metà di...

Nel 2021 le esportazioni di PDVSA sono aumentate del 66%

Secondo i dati di PDVSA Il livello medio delle esportazioni di petrolio dal Venezuela ha raggiunto il livello di 628.900 barili al giorno nel...

Argentina. Vaca Muerta potrebbe esportare 13.000 milioni di euro l’anno

Il presidente dell'Istituto Argentino del Petrolio e del Gas (IAPG), ha pubblicato un’analisi dello scenario del settore degli idrocarburi di fronte alla transizione energetica...

Ecuador aumenta le sue vendite annuali di petrolio del 51%

Secondo le cifre annunciate dal Ministero di Energia, il paese ha aumentato le vendite di petrolio del 51%, passando da 4.150 milioni di euro...