venerdì, Aprile 23, 2021

RIGASSIFICATORE PANIGAGLIA (SNAM): CRESCIUTE DEL 300% LE NAVI IN ARRIVO NEL 2019

Must read

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

Si sta dimostrando in fortissima crescita, quest’anno, l’afflusso di GNL (gas naturale liquefatto) in arrivo via mare al rigassificatore di Panigaglia (La Spezia), uno dei tre terminali di questo tipo attivi in Italia (gli altri due sono quello gestito da OLT Offshore al largo di Livorno e quello di Adriatic LNG al largo di Rovigo, entrambi offshore).

L’impianto ligure, l’unico onshore, è operato da GNL Italia, una controllata di Snam, gruppo sul cui profilo Linkedin sono stati pubblicati alcuni dati riguardo alle attività del terminal.

Nel post in questione si parla infatti della visita del Presidente di Snam Luca Dal Fabbro, dell’AD Marco Alvera’ e del Chief Industrial Assets Officer Massimo Derchi, al rigassificatore di Panigaglia e alla metaniera Global Energy LNG, impegnata nella fase di discarica del gas liquefatto. Il tutto in compagnia del responsabile Operations di GNL Italia Giuseppe Vareschi.

Nello stesso post, Snam ricorda quindi come il terminal ligure rappresenti “un’importante fonte di importazione di gas naturale liquefatto per l’Italia” rivela che da gennaio ad oggi sono state oltre 40 le navi gasiere attraccate al rigassifictore, il 300% di quanto registrato nello stesso periodo del 2019.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...