mercoledì, Dicembre 7, 2022

ROSNEFT SANZIONATA DAGLI USA PER AVER TRASPORTATO PETROLIO DELLA VENEZUELANA PDVSA

Must read

CNH approva le dimissioni di Repsol nei due blocchi delle acque pocoprofonde del Golfo

La compagnia spagnola in totale lascerà cinque aree nel Golfo del Messico e nemanterrà soltanto uno che si trova in acque profonde.La Commissione Nazionale...

Argentina. La giustizia autorizza l'esplorazione in mare aperto

La Corte Federale d'Appello ha autorizzato alla compagnia petrolifera nazionale YPF laripresa della ricerca di gas e petrolio nel mare argentino, stabilendo però che...

Snam acquista 5 i nuovi impianti di biogas agricolo in Veneto e Friuli Venezia-Giulia

IES Biogas, controllata di Snam4Environment, società del gruppo Snam attiva nel settore del biometano e dell'economia circolare, ha acquistato cinque impianti di biogas agricolo...

Eni si candida in UK per una licenza di stoccaggio di CO2 nel giacimento di Hewett

Eni UK annuncia di aver sottoposto alla North Sea Transition Authority (NSTA) la candidatura per una licenza di stoccaggio di anidride carbonica nel giacimento...

Le sanzioni statunitensi contro la compagnia petrolfera Rosneft Trading SA, controllata svizzera del colosso petrolifero russo Rosneft, minacciano di colpire le esportazioni di petrolio del Venezuela, soffocando sempre di più la principale fonte di entrate del paese.

Igor Sechin, CEO di Rosneft

Rosneft Trading, considerato il principale esportatore di greggio venezuelano, è stato infatti preso di mira dal Dipartimento del Tesoro USA, per aver contribuito a vendere petrolio che finanzia il regime di Maduro. La compagnia russa con sede in Ginevra trasporta circa la metà della produzione di petrolio di PDVSA, ormai caduta a 874.500 BPD nel mese di gennaio.

Alti funzionari del governo di Trump hanno affermato che questo provvedimento si può estendere a qualsiasi operatore che presti servizio a Rosneft per trasportare il greggio venezuelano. Per raggirare questo ostacolo, alcuni commercianti internazionali di petrolio sono quindi arrivati ad organizzare manovre marittime piuttosto rischiose in mare aperto, per trasferire il greggio da nave a nave senza utilizzare operatori portuali al fine di eludere quindi i controlli.

Rosneft e PDVSA sono partner dal 2010, anno in cui la compagnia controllata dal governo russo ha acquistato una partecipazione di PDVSA. Secondo alcune stime la compagnia russa fino ad oggi ha prestato 6,5 miliardi di dollari a PDVSA in cambio di pagamenti in petrolio.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

CNH approva le dimissioni di Repsol nei due blocchi delle acque pocoprofonde del Golfo

La compagnia spagnola in totale lascerà cinque aree nel Golfo del Messico e nemanterrà soltanto uno che si trova in acque profonde.La Commissione Nazionale...

Argentina. La giustizia autorizza l'esplorazione in mare aperto

La Corte Federale d'Appello ha autorizzato alla compagnia petrolifera nazionale YPF laripresa della ricerca di gas e petrolio nel mare argentino, stabilendo però che...

Snam acquista 5 i nuovi impianti di biogas agricolo in Veneto e Friuli Venezia-Giulia

IES Biogas, controllata di Snam4Environment, società del gruppo Snam attiva nel settore del biometano e dell'economia circolare, ha acquistato cinque impianti di biogas agricolo...

Eni si candida in UK per una licenza di stoccaggio di CO2 nel giacimento di Hewett

Eni UK annuncia di aver sottoposto alla North Sea Transition Authority (NSTA) la candidatura per una licenza di stoccaggio di anidride carbonica nel giacimento...

YPFB investirà nel sistema di distribuzione del gas naturale di Puerto Suárez

Il sistema di distribuzione del gas naturale andrà a beneficio del settore produttivo della città di Puerto Suárez (al confine con il Brasile), poiché...