sabato, Gennaio 23, 2021

SAIPEM: ITALIA CENTRALE NELLE NOSTRE STRATEGIA, SOPRATTUTTO PER IL GAS

Must read

La Norvegia assegna 61 nuove licenze offshore (di cui 17 ottenute da Equinor)

Nonostante il percorso di transizione energetica sia ormai in atto in tutta Europa, a partire dalla regione settentrionale del continente, non si fermano le...

Tre nuove commesse nell’oil&gas per il gruppo Fagioli, che chiude il 2020 con fatturato in crescita

Il gruppo emiliano Fagioli, leader a livello internazionale nei trasporti e nelle movimentazioni di carichi eccezionali, ha ottenuto 3 nuove commesse nel settore oil&gas...

Total avanza nella decarbonizzazione: 2,5 miliardi di dollari per rilevare il 20% di Adani Green Energy

Dopo aver abbandonato l’American Petroleum Institute (API), la principale lobby americana dell’industria oil&gas – ritenuta non sufficientemente schierata sui temi ambientali – e sulla...

Total lascia l’American Petroleum Institute (API), la principale lobby USA dell’oil&gas

Il gruppo francese Total ha deciso di abbandonare – prima tra le grandi major internazionali a farlo – l’American Petroleum Institute (API), la principale...

“L’Italia è centrale per Saipem, un player globale che opera in più di 70 Paesi nel mondo, soprattutto per quanto riguarda la filiera del gas che ci ha visto storicamente e più recentemente protagonisti, sia nel 2019 che nell’anno in corso”.

Lo ha dichiarato Maurizio Coratella, COO della Divisione E&C Onshore di Saipem, nel corso dell’evento organizzato da Animp dal titolo “Gli EPC incontrano la filiera – Matchmaking webinar con Saipem”.

“Il nostro Paese, il cui sistema energetico è storicamente dipendente dal gas, può contare – ha proseguito Coratella – sia su una lunga storia di attività sviluppate in quest’ambito sia su una filiera solida, presente sul territorio in grado di fornirci tutte le competenze necessarie per poterci differenziare sul mercato”.

“Un mercato caratterizzato, soprattutto in alcune aree geografiche, da una forte se non addirittura feroce competizione dove l’eccellenza diventa un fattore discriminante di successo e dove le solide partnership con i nostri fornitori ci consentono di raggiungere quegli standard qualitativi che ci permettono di fare la differenza rispetto ai competitor e di continuare a crescere nel mondo” ha concluso il manager di Saipem.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

La Norvegia assegna 61 nuove licenze offshore (di cui 17 ottenute da Equinor)

Nonostante il percorso di transizione energetica sia ormai in atto in tutta Europa, a partire dalla regione settentrionale del continente, non si fermano le...

Tre nuove commesse nell’oil&gas per il gruppo Fagioli, che chiude il 2020 con fatturato in crescita

Il gruppo emiliano Fagioli, leader a livello internazionale nei trasporti e nelle movimentazioni di carichi eccezionali, ha ottenuto 3 nuove commesse nel settore oil&gas...

Total avanza nella decarbonizzazione: 2,5 miliardi di dollari per rilevare il 20% di Adani Green Energy

Dopo aver abbandonato l’American Petroleum Institute (API), la principale lobby americana dell’industria oil&gas – ritenuta non sufficientemente schierata sui temi ambientali – e sulla...

Total lascia l’American Petroleum Institute (API), la principale lobby USA dell’oil&gas

Il gruppo francese Total ha deciso di abbandonare – prima tra le grandi major internazionali a farlo – l’American Petroleum Institute (API), la principale...

Oil major sempre più ‘lanciate’ sulle rinnovabili: Equinor e BP costruiranno un maxi parco eolico offshore negli USA

La corporation statale norvegese Equinor, la ex Statoil, in partnership con la major britannica BP, è stata scelta per realizzare ed installare un nuovo...