venerdì, Febbraio 26, 2021

TORNANO A CRESCERE IN LIBIA PRODUZIONE ED EXPORT DI PETROLIO

Must read

Saipem: rosso di oltre 1 miliardo nel 2020, ma l’azienda conferma l’impegno nella transizione energetica

La pandemia di coronavirus ha pesato in misura considerevole sui conti di Saipem, che ha chiuso il 2020 con un rosso superiore al miliardo...

Al via dal prossimo anno il servizio small scale della FSRU Toscana di OLT Offshore

La FSRU Toscana avvierà le operazioni di small scale GNL a gennaio 2022, mentre già nei prossimi mesi lancerà un sondaggio di mercato e...

Nuove date per l’OMC 2021, che si svolgerà a Ravenna dal 28 al 30 settembre

La 15esima edizione della fiera OMC (Offshore Mediterranean Conference) di Ravenna non si svolgerà a maggio, come inizialmente previsto, ma dal 28 al 30...

Shell lancia anche in Italia la sua gamma di lubrificanti ‘carbon neutral’

Shell ha annunciato oggi il lancio della gamma di lubrificanti Carbon Neutral, ovvero a impatto zero di CO2e, disponibile in Italia e nei principali...

La produzione petrolifera della Libia è aumentata di 20.000 bpd rispetto alla scorsa settimana, arrivando a 290.000 bpd grazie alla ripresa delle esportazioni, secondo quanto riferito da una fonte libica anonima all’agenzia di stampa Reuters.

I recenti sviluppi di politica interna, che hanno visto le forze militari al potere nell’est del Paese rimuovere il blocco all’export di greggio, hanno consentito la riapertura dei terminal petroliferi di Marsa El Hariga, Brega e Zueitina, anche se i danni subiti da alcune infrastrutture potrebbero rallentare il ritmo di questa ripartenza.

Il blocco ora rimosso aveva ridotto l’output complessivo libico dai ‘tradizionali’ 1,2 milioni di bpd a meno di 100.000 bpd nel momento di picco negativo.

La National Oil Corporation (NOC) aveva già più volte dichiarato che avrebbe riattivato soltanto i terminal per l’export di greggio dove non ci fosse più stata presenza militare, e al momento risultano ancora fermi i porti petroliferi di Ras Lanuf e Es Sider.

A conferma della ripresa delle attività, nel corso dell’weekend – riporta ancora la Reuters – la petroliera Episkopi ha caricato 600.000 barili di greggio per conto dell’austriaca OMV al terminal Zeuitina, ed è salpata in direzione dell’Italia. Inoltre AGOCO, una controllata di NOC, la scorsa settimana ha ripreso le attività presso il giacimento Hamada, da dove il greggio estratto dovrebbe poi essere inviato alla raffineria di Zawia, nei pressi di Tripoli. La stessa AGOCO ha poi comunicato che le operazioni sono riprese anche presso la raffineria di Sarir, vicino a Sirte.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Saipem: rosso di oltre 1 miliardo nel 2020, ma l’azienda conferma l’impegno nella transizione energetica

La pandemia di coronavirus ha pesato in misura considerevole sui conti di Saipem, che ha chiuso il 2020 con un rosso superiore al miliardo...

Al via dal prossimo anno il servizio small scale della FSRU Toscana di OLT Offshore

La FSRU Toscana avvierà le operazioni di small scale GNL a gennaio 2022, mentre già nei prossimi mesi lancerà un sondaggio di mercato e...

Nuove date per l’OMC 2021, che si svolgerà a Ravenna dal 28 al 30 settembre

La 15esima edizione della fiera OMC (Offshore Mediterranean Conference) di Ravenna non si svolgerà a maggio, come inizialmente previsto, ma dal 28 al 30...

Shell lancia anche in Italia la sua gamma di lubrificanti ‘carbon neutral’

Shell ha annunciato oggi il lancio della gamma di lubrificanti Carbon Neutral, ovvero a impatto zero di CO2e, disponibile in Italia e nei principali...

Saipem ottiene una maxi-commessa per un progetto di gas offshore in Qatar

Saipem ha messo a segno un ‘colpo’ di notevole entità in Qatar, dove ha ottenuto dalla compagnia statale Qatargas un contratto da ben 1,7...