lunedì, Luglio 22, 2024

TORNANO A CRESCERE IN LIBIA PRODUZIONE ED EXPORT DI PETROLIO

Must read

Chevron accelera lo sviluppo sfruttando le nuove tecnologie

"Le nuove tecnologie possono fare la differenza nel campo dello sviluppo energetico offshore", dichiara Matt Johnson, specialista nello sviluppo dei giacimenti e nell'ottimizzazione del...

Saipem si aggiudica i lavori per il gasdotto GreenStream

La società energetica Saipem si è aggiudicata un contratto per la sorveglianza e i servizi di intervento sottomarino per il gasdotto GreenStream, che collega...

TotalEnergies vende la sua quota in SPDC JV

TotalEnergies EP Nigeria, controllata africana della multinazionale francese, ha annunciato di aver raggiunto un accordo di compravendita con Chappal Energies - azienda energetica con...

Scoperto un giacimento di petrolio immenso in Kuwait

La compagnia petrolifera Kuwait Oil Company, dell'omonimo paese emirato, ha annunciato la scoperta di un giacimento incredibilmente vasto nell'offshore al largo dell'Isola Failaka. Stando...

La produzione petrolifera della Libia è aumentata di 20.000 bpd rispetto alla scorsa settimana, arrivando a 290.000 bpd grazie alla ripresa delle esportazioni, secondo quanto riferito da una fonte libica anonima all’agenzia di stampa Reuters.

I recenti sviluppi di politica interna, che hanno visto le forze militari al potere nell’est del Paese rimuovere il blocco all’export di greggio, hanno consentito la riapertura dei terminal petroliferi di Marsa El Hariga, Brega e Zueitina, anche se i danni subiti da alcune infrastrutture potrebbero rallentare il ritmo di questa ripartenza.

Il blocco ora rimosso aveva ridotto l’output complessivo libico dai ‘tradizionali’ 1,2 milioni di bpd a meno di 100.000 bpd nel momento di picco negativo.

La National Oil Corporation (NOC) aveva già più volte dichiarato che avrebbe riattivato soltanto i terminal per l’export di greggio dove non ci fosse più stata presenza militare, e al momento risultano ancora fermi i porti petroliferi di Ras Lanuf e Es Sider.

A conferma della ripresa delle attività, nel corso dell’weekend – riporta ancora la Reuters – la petroliera Episkopi ha caricato 600.000 barili di greggio per conto dell’austriaca OMV al terminal Zeuitina, ed è salpata in direzione dell’Italia. Inoltre AGOCO, una controllata di NOC, la scorsa settimana ha ripreso le attività presso il giacimento Hamada, da dove il greggio estratto dovrebbe poi essere inviato alla raffineria di Zawia, nei pressi di Tripoli. La stessa AGOCO ha poi comunicato che le operazioni sono riprese anche presso la raffineria di Sarir, vicino a Sirte.

Latest article

Chevron accelera lo sviluppo sfruttando le nuove tecnologie

"Le nuove tecnologie possono fare la differenza nel campo dello sviluppo energetico offshore", dichiara Matt Johnson, specialista nello sviluppo dei giacimenti e nell'ottimizzazione del...

Saipem si aggiudica i lavori per il gasdotto GreenStream

La società energetica Saipem si è aggiudicata un contratto per la sorveglianza e i servizi di intervento sottomarino per il gasdotto GreenStream, che collega...

TotalEnergies vende la sua quota in SPDC JV

TotalEnergies EP Nigeria, controllata africana della multinazionale francese, ha annunciato di aver raggiunto un accordo di compravendita con Chappal Energies - azienda energetica con...

Scoperto un giacimento di petrolio immenso in Kuwait

La compagnia petrolifera Kuwait Oil Company, dell'omonimo paese emirato, ha annunciato la scoperta di un giacimento incredibilmente vasto nell'offshore al largo dell'Isola Failaka. Stando...

Saipem si aggiudica due contratti in Arabia Saudita

Saipem è riuscita ad aggiudicarsi due grossi contratti offshore in Arabia Saudita, nell'ambito del progetto Long-Term Agreement di Saudi Aramco. Secondo uno dei due...