venerdì, Maggio 14, 2021

EQUINOR TAGLIERÀ DEL 30% LO STAFF DEDICATO ALLE ESPLORAZIONI ENTRO IL 2023

Must read

IEA: le scorte di petrolio tornano a livelli più normali

Dopo quasi un anno di forte limitazione dell'offerta da parte dei paesi dell'OPEC e dei suoi alleati, le scorte petrolifere mondiali che si sono...

Shell fa una grande scoperta di petrolio nel Golfo del Messico

Con la perforazione del pozzo Leopard, Shell ha trovato un giacimento di petrolio con uno spessore di oltre 183 metri, in questo momento gli...

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

La transizione energetica ormai in atto e il perdurare dell’epidemia di coronavirus che ha ridotto sensibilmente la domanda di petrolio, hanno spiento Equinor ad agire di conseguenza, con una decisione piuttosto drastica.

Il colosso statale norvegese – che complessivamente impiega circa 21.000 persone in tutto il mondo ha infatti annunciato l’intenzione di ridurre del 30% il suo staff dedicato alle attività di esplorazione e ricerca di idrocarburi a livello globale entro il 2023.

L’obbiettivo dichiarato di Equinor è ridurre i costi connessi a questo tipo di attività, alla luce appunto dell’evoluzione (discendente) della domanda mondiale di greggio: è stata la stessa azienda scandinava a precisare che gli investimenti destinati alle esplorazioni sono già diminuiti di 1/3 rispetto ai livello di 6-7 anni fa. E probabilmente continueranno a diminuire, anche in considerazione del fatto che questo filone di business si concentrerà d’ora in poi soltanto in alcune aree circoscritte, tra cui Norvegia, Brasile e Stati Uniti.

Il taglio del personale annunciato non impatterà comunque sulle esplorazioni già previste per il 2020 e il 2021, diventando effettivo solo a partire dal 2022.

“Quest’anno dovremmo scavare circa 30-40 nuovi pozzi a livello globale, e le attività esplorative fino a fine 2021 non verranno impattate dalla riduzione del personale appena annunciata” ha infatti ribadito Equinor.

In ogni caso, anche per l’anno in corso, è evidente una ‘contrazione’ dell’esposizione dell’azienda su questo versante: la spesa annuale per le esplorazioni, originariamente stimata in 1,4 miliardi di dollari, si attesterà invece a 1,1 miliardi di dollari, come già rivelato nei mesi scorsi dalla stessa major norvegese.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

IEA: le scorte di petrolio tornano a livelli più normali

Dopo quasi un anno di forte limitazione dell'offerta da parte dei paesi dell'OPEC e dei suoi alleati, le scorte petrolifere mondiali che si sono...

Shell fa una grande scoperta di petrolio nel Golfo del Messico

Con la perforazione del pozzo Leopard, Shell ha trovato un giacimento di petrolio con uno spessore di oltre 183 metri, in questo momento gli...

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...