martedì, Maggio 17, 2022

IL PREZZO DEL GAS NEGLI USA TORNERA’ A CRESCERE SECONDO MORGAN STANLEY

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Un calo record della produzione di gas naturale e una parallela ripresa della domanda potrebbero creare le migliori condizioni di mercato dell’ultimo decennio negli USA e spingere il prezzo Henry Hub (il prezzo del gas fissato all’omonimo hub di distribuzione situato in Louisiana, utilizzato come benchmark) fino a 5 dollari/MMbtu se l’inverso sarà freddo, secondo le previsioni della banca d’affari americana Moran Stanley.

Più nel dettaglio, secondo l’istituto finanziario, nel corso del prossimo anno il valore Henry Hub dovrebbe attestarsi a 3,25 dollari a MMbtu, con la possibilità di sforare il tetto dei 5 dollari in relazioni alle condizioni climatiche (che ovviamente hanno un impatto diretto sulla domanda di gas).

Dinamica alla cui base si pone, ricorda Morgan Stanley, il calo della produzione, conseguente al taglio delle attività di E&P (Exploration and Production), combinato con una progressiva ripresa della domanda globale di gas naturale e quindi anche dell’export di GNL.

Storicamente, a mantenere bassi i prezzi del gas Henry Hub sono stati i volumi produttivi elevati di gas associato alla produzione di petrolio, ma questo particolare tipo di output dovrebbe ridursi considerevolmente sia quest’anno che nel corso del 2021, secondo le stime della banca statunitense.

“La debolezza dei prezzi durante l’estate, i bilanci sotto stress e lo scarso accesso a capitale esterno, hanno lasciato i produttori alle prese con un calo della produzione e con una scarsa capacità di incrementare rapidamente i capex per rispondere all’attuale rafforzamento del mercato” ha spiegato Morgan Stanley.

Ci vorrà tempo affinché il mercato torni in equilibrio, cosa che secondo gli analisti americani potrà avvenire se prezzi del gas stabilmente più elevati nel corso del 2021 incentiveranno nuovi investimenti in produzione addizionale e processi di switch dal carbone al gas.

 

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...