mercoledì, Agosto 4, 2021

L’UNIONE PETROLIFERA CAMBIA NOME E DIVENTA UNIONE DELLE ENERGIE PER LA MOBILITA’ (UNEM)

Must read

Il 56% delle attività a rischio di Repsol si trovano in Venezuela

La compagnia petrolifera spagnola Repsol ha presentato i suoi risultati finanziari del primo semestre 2021, in cui indica che i loro asset esposti a...

Snam – I gasdotti potranno trasportare in futuro l’idrogeno prodotto dalle rinnovabili

“Domani avremo idrogeno prodotto in Nord Africa, nel Mare del Nord, con risorse solari ed eoliche e quell’idrogeno può viaggiare attraverso il sistema esistente...

Iniziano i lavori di produzione presso il pozzo East Cendor, in Malesia

A 140 chilometri dalle coste della Penisola Malese, sono stati avviati da Petrofac Malaysia Ltd. i lavori presso il pozzo East Cendor, che diventa...

Consorzio Libra e Shell Brazil – via libera alla FPSO Mero-4 nel offshore del Brasile

Il Consorzio Libra, gestito dalla brasiliana Petrobras, ha annunciato di aver raggiunto l’accordo con Shell Brasil Petroleo (Shell Brasil) per la fornitura della nave...

La transizione energetica riguarda tutti: non sono escluse le associazioni di categoria dell’industria oil&gas, come l’Unione Petrolifera, che storicamente riunisce le aziende attive nel downstream petrolifero ma che oggi guarda avanti, oltre i combustibili fossili, e per questo cambia nome in UNEM – Unione delle Energie per la Mobilità.

E già dalla nuova definizione, annunciata nel corso dell’assemblea annuale dell’organizzazione che si è svolta ieri, 6 ottobre, è chiara anche la rinnovata mission strategica: rappresentare tutte le diverse forme di energia per la mobilità, per continuare a garantire alle merci di circolare e alle persone di spostarsi liberamente, grazie a carburanti efficienti, puliti, sostenibili ed accessibili a tutti.

Il petrolio, la commodity storica su cui da decenni si basa il business dei membri dell’associazione, non sparirà del tutto, ma certamente il suo peso si ridurrà notevolmente, a favore di combustibili alternativi e meno inquinanti.

“Per affrontare la sfida della decarbonizzazione servono tutte le tecnologie” ha dichiarato il Presidente di UNEM Claudio Spinaci. “Più sono ambiziosi gli obbiettivi e più è importante avere a disposizione tutte le opzioni”.

Certo è che anche il business model dei soci dovrà anch’esso evolvere: “Per quanto riguarda le raffinerie – ha infatti aggiunto Spinaci – si trasformeranno in modo progressivo in nuovi impianti capaci di assicurare la produzione e la distribuzione di nuovi carburanti liquidi a contenuto di carbonio basso o nullo”.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il 56% delle attività a rischio di Repsol si trovano in Venezuela

La compagnia petrolifera spagnola Repsol ha presentato i suoi risultati finanziari del primo semestre 2021, in cui indica che i loro asset esposti a...

Snam – I gasdotti potranno trasportare in futuro l’idrogeno prodotto dalle rinnovabili

“Domani avremo idrogeno prodotto in Nord Africa, nel Mare del Nord, con risorse solari ed eoliche e quell’idrogeno può viaggiare attraverso il sistema esistente...

Iniziano i lavori di produzione presso il pozzo East Cendor, in Malesia

A 140 chilometri dalle coste della Penisola Malese, sono stati avviati da Petrofac Malaysia Ltd. i lavori presso il pozzo East Cendor, che diventa...

Consorzio Libra e Shell Brazil – via libera alla FPSO Mero-4 nel offshore del Brasile

Il Consorzio Libra, gestito dalla brasiliana Petrobras, ha annunciato di aver raggiunto l’accordo con Shell Brasil Petroleo (Shell Brasil) per la fornitura della nave...

Vard Group consegna la prima nave da crociera per destinazioni polari a GNL

Vard Group, compagnia controllata da Fincantieri e uno dei leader mondiali nella progettazione di navi per il mercato offshore, ha annunciato di aver consegnato...