venerdì, Marzo 5, 2021

L’UNIONE PETROLIFERA CAMBIA NOME E DIVENTA UNIONE DELLE ENERGIE PER LA MOBILITA’ (UNEM)

Must read

L’OPEC+ orientato a non aumentare (ancora) l’output petrolifero, e il prezzo del barile sale

Il prezzo del barile di petrolio è salito oggi (Brent +1,5% e WTI + 1,7%), sospinto dalla notizia che nel corso del prossimo meeting,...

Baker Hughes e Akastor fondono i rispettivi business a servizio dell’industria offshore

I due gruppi Baker Hughes e Akastor hanno annunciato di aver raggiunto un accordo per integrare i rispettivi business nel settore delle perforazioni offshore. In...

Dal 2022 Total potrà rifornire di GNL le navi nel porto di Singapore

La Port Authority di Singapore ha annunciato di aver concesso al gruppo Total una nuova autorizzazione per svolgere le operazioni di bunkeraggio di GNL...

Saipem: rosso di oltre 1 miliardo nel 2020, ma l’azienda conferma l’impegno nella transizione energetica

La pandemia di coronavirus ha pesato in misura considerevole sui conti di Saipem, che ha chiuso il 2020 con un rosso superiore al miliardo...

La transizione energetica riguarda tutti: non sono escluse le associazioni di categoria dell’industria oil&gas, come l’Unione Petrolifera, che storicamente riunisce le aziende attive nel downstream petrolifero ma che oggi guarda avanti, oltre i combustibili fossili, e per questo cambia nome in UNEM – Unione delle Energie per la Mobilità.

E già dalla nuova definizione, annunciata nel corso dell’assemblea annuale dell’organizzazione che si è svolta ieri, 6 ottobre, è chiara anche la rinnovata mission strategica: rappresentare tutte le diverse forme di energia per la mobilità, per continuare a garantire alle merci di circolare e alle persone di spostarsi liberamente, grazie a carburanti efficienti, puliti, sostenibili ed accessibili a tutti.

Il petrolio, la commodity storica su cui da decenni si basa il business dei membri dell’associazione, non sparirà del tutto, ma certamente il suo peso si ridurrà notevolmente, a favore di combustibili alternativi e meno inquinanti.

“Per affrontare la sfida della decarbonizzazione servono tutte le tecnologie” ha dichiarato il Presidente di UNEM Claudio Spinaci. “Più sono ambiziosi gli obbiettivi e più è importante avere a disposizione tutte le opzioni”.

Certo è che anche il business model dei soci dovrà anch’esso evolvere: “Per quanto riguarda le raffinerie – ha infatti aggiunto Spinaci – si trasformeranno in modo progressivo in nuovi impianti capaci di assicurare la produzione e la distribuzione di nuovi carburanti liquidi a contenuto di carbonio basso o nullo”.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

L’OPEC+ orientato a non aumentare (ancora) l’output petrolifero, e il prezzo del barile sale

Il prezzo del barile di petrolio è salito oggi (Brent +1,5% e WTI + 1,7%), sospinto dalla notizia che nel corso del prossimo meeting,...

Baker Hughes e Akastor fondono i rispettivi business a servizio dell’industria offshore

I due gruppi Baker Hughes e Akastor hanno annunciato di aver raggiunto un accordo per integrare i rispettivi business nel settore delle perforazioni offshore. In...

Dal 2022 Total potrà rifornire di GNL le navi nel porto di Singapore

La Port Authority di Singapore ha annunciato di aver concesso al gruppo Total una nuova autorizzazione per svolgere le operazioni di bunkeraggio di GNL...

Saipem: rosso di oltre 1 miliardo nel 2020, ma l’azienda conferma l’impegno nella transizione energetica

La pandemia di coronavirus ha pesato in misura considerevole sui conti di Saipem, che ha chiuso il 2020 con un rosso superiore al miliardo...

Al via dal prossimo anno il servizio small scale della FSRU Toscana di OLT Offshore

La FSRU Toscana avvierà le operazioni di small scale GNL a gennaio 2022, mentre già nei prossimi mesi lancerà un sondaggio di mercato e...