sabato, Giugno 3, 2023

L’UNIONE PETROLIFERA CAMBIA NOME E DIVENTA UNIONE DELLE ENERGIE PER LA MOBILITA’ (UNEM)

Must read

Importante scoperta per Aker BP nell’offshore norvegese

Nell'area di Yggdrasil, che si trova nella porzione norvegese del Mare del Nord, Aker BP ha scoperto un possibile giacimento petrolifero chiamato Øst Frigg...

Test più che positivi per Equinor a Johan Sverdrup

Johan Sverdrup è un giacimento di proprietà Equinor che si trova nel Mare del Nord, più precisamente nella zona di Utsirahøyden, in Norvegia. Inizialmente questo...

Equinor fa un passo indietro sul progetto Trollvind

“Apprezziamo tutti gli interessamenti più che positivi da parte di classe politica, fornitori e autorità per quanto riguarda il progetto Trollvind. Esso era un...

Stop di Petrobras in Amazzonia, gli ambientalisti dicono no

Nel bacino di Foz do Amazonas, al largo dello stato ai Amapà, in Brasile, si trova un giacimento petrolifero, che copre un'area lunga 2.200...

La transizione energetica riguarda tutti: non sono escluse le associazioni di categoria dell’industria oil&gas, come l’Unione Petrolifera, che storicamente riunisce le aziende attive nel downstream petrolifero ma che oggi guarda avanti, oltre i combustibili fossili, e per questo cambia nome in UNEM – Unione delle Energie per la Mobilità.

E già dalla nuova definizione, annunciata nel corso dell’assemblea annuale dell’organizzazione che si è svolta ieri, 6 ottobre, è chiara anche la rinnovata mission strategica: rappresentare tutte le diverse forme di energia per la mobilità, per continuare a garantire alle merci di circolare e alle persone di spostarsi liberamente, grazie a carburanti efficienti, puliti, sostenibili ed accessibili a tutti.

Il petrolio, la commodity storica su cui da decenni si basa il business dei membri dell’associazione, non sparirà del tutto, ma certamente il suo peso si ridurrà notevolmente, a favore di combustibili alternativi e meno inquinanti.

“Per affrontare la sfida della decarbonizzazione servono tutte le tecnologie” ha dichiarato il Presidente di UNEM Claudio Spinaci. “Più sono ambiziosi gli obbiettivi e più è importante avere a disposizione tutte le opzioni”.

Certo è che anche il business model dei soci dovrà anch’esso evolvere: “Per quanto riguarda le raffinerie – ha infatti aggiunto Spinaci – si trasformeranno in modo progressivo in nuovi impianti capaci di assicurare la produzione e la distribuzione di nuovi carburanti liquidi a contenuto di carbonio basso o nullo”.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Importante scoperta per Aker BP nell’offshore norvegese

Nell'area di Yggdrasil, che si trova nella porzione norvegese del Mare del Nord, Aker BP ha scoperto un possibile giacimento petrolifero chiamato Øst Frigg...

Test più che positivi per Equinor a Johan Sverdrup

Johan Sverdrup è un giacimento di proprietà Equinor che si trova nel Mare del Nord, più precisamente nella zona di Utsirahøyden, in Norvegia. Inizialmente questo...

Equinor fa un passo indietro sul progetto Trollvind

“Apprezziamo tutti gli interessamenti più che positivi da parte di classe politica, fornitori e autorità per quanto riguarda il progetto Trollvind. Esso era un...

Stop di Petrobras in Amazzonia, gli ambientalisti dicono no

Nel bacino di Foz do Amazonas, al largo dello stato ai Amapà, in Brasile, si trova un giacimento petrolifero, che copre un'area lunga 2.200...

En plein per Saipem: due nuovi contratti in arrivo

Saipem si è aggiudicata, pochi giorni fa, due nuovi contratti offshore il cui valore complessivo si aggira intorno agli 850 milioni di dollari, confermando...