lunedì, Luglio 4, 2022

Total lascia l’American Petroleum Institute (API), la principale lobby USA dell’oil&gas

Must read

Oltre 5.000 visitatori per Pipeline & Gas Expo e Hydrogen Expo

Chiudono i battenti tra la soddisfazione generale la seconda edizione del PIPELINE & GAS EXPO (PGE), la mostra-convegno interamente dedicata ai settori del “Mid-Stream”...

Sonatrach e Sinopec collaborano per la perforazione di nuovi pozzi petroliferi

La compagnia degli idrocarburi di stato algerina, Sonatrach, ha firmato un contratto per lo sviluppo di un giacimento petrolifero nell'estremo sud-est del Paese con...

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

Il gruppo francese Total ha deciso di abbandonare – prima tra le grandi major internazionali a farlo – l’American Petroleum Institute (API), la principale lobby americana dell’industria oil&gas, ritenendo le sue posizioni in ambito ambientale, “non sufficientemente allineate” con quelle dell’azienda.

Secondo la ricostruzione dell’agenzia di stampa Reuters, Total avrebbe confermato l’intenzione di non rinnovare la membership per l’anno 2021, trovandosi in disaccordo con le politiche sul clima di API e con le sue richieste per una regolamentazione più permissiva in tema di perforazioni.

“Come parte delle nostre ambizioni in tema di cambiamenti climatici, rese pubbliche nel 2020, siamo impegnati a garantire in modo trasparente che le associazioni di cui siamo membri adottino posizioni e messaggi in linea con quelli del gruppo” ha dichiarato il CEO di Total Patrick Pouyanné.

Caratteristiche che, evidentemente, la major francese non riscontra nell’American Petroleum Institute, il quale – commentando l’abbandono di Total – ha semplicemente ringraziato l’azienda per l’impegno di questi anni e ha ribadito di ritenere che “il mondo dell’energia e le sfide climatiche siano troppo vaste per poter contemplare un solo approccio”, e che quindi sia necessaria e “positiva” una “pluralità di vedute”.

Secondo diversi analisti, citati dalla Reuters, questa mossa di Total potrebbe spingere altre major europee, come BP e Shell, a muoversi nella stessa direzione

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Oltre 5.000 visitatori per Pipeline & Gas Expo e Hydrogen Expo

Chiudono i battenti tra la soddisfazione generale la seconda edizione del PIPELINE & GAS EXPO (PGE), la mostra-convegno interamente dedicata ai settori del “Mid-Stream”...

Sonatrach e Sinopec collaborano per la perforazione di nuovi pozzi petroliferi

La compagnia degli idrocarburi di stato algerina, Sonatrach, ha firmato un contratto per lo sviluppo di un giacimento petrolifero nell'estremo sud-est del Paese con...

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...