giovedì, Maggio 13, 2021

Total lascia l’American Petroleum Institute (API), la principale lobby USA dell’oil&gas

Must read

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

Il gruppo francese Total ha deciso di abbandonare – prima tra le grandi major internazionali a farlo – l’American Petroleum Institute (API), la principale lobby americana dell’industria oil&gas, ritenendo le sue posizioni in ambito ambientale, “non sufficientemente allineate” con quelle dell’azienda.

Secondo la ricostruzione dell’agenzia di stampa Reuters, Total avrebbe confermato l’intenzione di non rinnovare la membership per l’anno 2021, trovandosi in disaccordo con le politiche sul clima di API e con le sue richieste per una regolamentazione più permissiva in tema di perforazioni.

“Come parte delle nostre ambizioni in tema di cambiamenti climatici, rese pubbliche nel 2020, siamo impegnati a garantire in modo trasparente che le associazioni di cui siamo membri adottino posizioni e messaggi in linea con quelli del gruppo” ha dichiarato il CEO di Total Patrick Pouyanné.

Caratteristiche che, evidentemente, la major francese non riscontra nell’American Petroleum Institute, il quale – commentando l’abbandono di Total – ha semplicemente ringraziato l’azienda per l’impegno di questi anni e ha ribadito di ritenere che “il mondo dell’energia e le sfide climatiche siano troppo vaste per poter contemplare un solo approccio”, e che quindi sia necessaria e “positiva” una “pluralità di vedute”.

Secondo diversi analisti, citati dalla Reuters, questa mossa di Total potrebbe spingere altre major europee, come BP e Shell, a muoversi nella stessa direzione

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

Perù: riprende la produzione di petrolio nella zona settentrionale

Il Blocco 67, situato nella località di Loreto, ha ripreso le sue attività dopo un anno di paralisi a causa dei bassi prezzi del...