giovedì, Maggio 13, 2021

TRIVELLE ATTIVE NEGLI USA CALANO AI MINIMI DA APRILE 2011

Must read

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

La settimana scorsa il numero di trivelle petrolifere attive negli Stati Uniti e’ sceso di 62 unita’ a quota 922, il minimo dall’aprile 2011. E’ quanto risulta dai dati di Baker Hughes. Si tratta di una flessione pari a quasi il doppio di quelle registrate nelle due settimane precedenti (con, rispettivamente, 33 e 37 trivelle in meno) e che e’ indicativa dell’impatto del crollo del prezzo del greggio sull’industria dello shale oil statunitense, dal momento che si tratta del tredicesimo calo settimanale consecutivo delle trivelle in attivita’, scese del 40% rispetto al massimo storico di 1.609 trivelle risultate attive lo scorso ottobre. Il giacimento di shale oil che ha subito il maggior arretramento e’ il Permian Basin, con 24 trivelle in meno per un totale di 328, il minimo dal 2011. Nell’analisi dei dati va preso in considerazione il ricambio piu’ rapido che caratterizza il comparto shale, nel quale tra il processo di esplorazione e l’avvio delle perforazioni trascorre meno tempo e i giacimenti si esauriscono con maggiore rapidita’.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

Perù: riprende la produzione di petrolio nella zona settentrionale

Il Blocco 67, situato nella località di Loreto, ha ripreso le sue attività dopo un anno di paralisi a causa dei bassi prezzi del...