sabato, Luglio 31, 2021

Via libera dell’OPEC+ ad un aumento progressivo dell’output di petrolio nei prossimi 3 mesi

Must read

TechnipFMC acquisisce TIOS AS

TechnipFMC ha recentemente comunicato di voler acquisire il restante 49% delle azioni di TIOS AS, la joint venture costituita nel 2018 in collaborazione con...

Saipem – conti in ribasso nel primo semestre 2021 e un piano strategico per guardare al futuro

I risultati del primo semestre 2021. Dopo aver chiuso il primo semestre 2021 con un risultato netto negativo di 779 milioni, attraverso le parole dell’AD...

Iveco fornirà a GLS 120 dei suoi nuovi camion S-WAY alimentati a gas naturale liquefatto

I nuovi camion della gamma S-WAY. Iveco ha recentemente presentato S-WAY, la nuova gamma di veicoli per il trasporto pesante on-road, in grado di offrire...

Eni collabora con BASF per sviluppare bio-propanolo avanzato dagli scarti industriali

Una nuova tecnologia per la filiera dei biocombustibili. La strategia di Eni di sostenere lo sviluppo della filiera dei biocombustibili di “generazione avanzata” continua e...

I Paesi produttori di petrolio, riuniti nell’OPEC+ (OPEC e alcuni alleati come la Russia), hanno deciso, nel corso dell’ultima riunione tenutasi ieri, di iniziare ad allentare il regime di restrizione della produzione imposto la scorsa estate, dopo che gli effetti della pandemia di coronavirus e la guerra commerciale tra Russia e Arabia Saudita avevano fatto sprofondare il prezzo del barile di greggio.

Secondo quanto riportato dalle agenzie di stampa, i membri dell’OPEC+ hanno concordato (a valle di una mediazione che vedeva Riad la più restia ad alleggerire i tagli) un aumento graduale della produzione di petrolio nei prossimi tre mesi.

Secondo quanto riferito dai delegati presenti alla riunione, i Paesi membri dell’organizzazione aumenteranno la produzione complessiva di petrolio di 350.000 barili al giorno in maggio, di altri 350.000 al giorno in giungo e di ulteriori 450.000 in luglio. La decisione come detto è il frutto della pressione di alcuni produttori (tra cui, per esempio, gli USA), che – con il petrolio a 60 dollari al barile e i prezzi della benzina in crescita – hanno spinto l’OPEC ad agire per tenere sotto controllo i prezzi nel timore che una fiammata possa andare a rafforzare le pressioni inflazionistiche già in atto.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

TechnipFMC acquisisce TIOS AS

TechnipFMC ha recentemente comunicato di voler acquisire il restante 49% delle azioni di TIOS AS, la joint venture costituita nel 2018 in collaborazione con...

Saipem – conti in ribasso nel primo semestre 2021 e un piano strategico per guardare al futuro

I risultati del primo semestre 2021. Dopo aver chiuso il primo semestre 2021 con un risultato netto negativo di 779 milioni, attraverso le parole dell’AD...

Iveco fornirà a GLS 120 dei suoi nuovi camion S-WAY alimentati a gas naturale liquefatto

I nuovi camion della gamma S-WAY. Iveco ha recentemente presentato S-WAY, la nuova gamma di veicoli per il trasporto pesante on-road, in grado di offrire...

Eni collabora con BASF per sviluppare bio-propanolo avanzato dagli scarti industriali

Una nuova tecnologia per la filiera dei biocombustibili. La strategia di Eni di sostenere lo sviluppo della filiera dei biocombustibili di “generazione avanzata” continua e...

TotalEnergies annuncia una nuova scoperta di petrolio nel Blocco 58 al largo delle coste del Suriname

A distanza di un anno dalle scoperte di Maka Central e Sapakara West-1, TotalEnergies e Apache Energy, sussidiaria di APA Corporation, hanno annunciato una...