venerdì, Gennaio 27, 2023

Via libera dell’OPEC+ ad un aumento progressivo dell’output di petrolio nei prossimi 3 mesi

Must read

CNH approva le dimissioni di Repsol nei due blocchi delle acque pocoprofonde del Golfo

La compagnia spagnola in totale lascerà cinque aree nel Golfo del Messico e nemanterrà soltanto uno che si trova in acque profonde.La Commissione Nazionale...

Argentina. La giustizia autorizza l'esplorazione in mare aperto

La Corte Federale d'Appello ha autorizzato alla compagnia petrolifera nazionale YPF laripresa della ricerca di gas e petrolio nel mare argentino, stabilendo però che...

Snam acquista 5 i nuovi impianti di biogas agricolo in Veneto e Friuli Venezia-Giulia

IES Biogas, controllata di Snam4Environment, società del gruppo Snam attiva nel settore del biometano e dell'economia circolare, ha acquistato cinque impianti di biogas agricolo...

Eni si candida in UK per una licenza di stoccaggio di CO2 nel giacimento di Hewett

Eni UK annuncia di aver sottoposto alla North Sea Transition Authority (NSTA) la candidatura per una licenza di stoccaggio di anidride carbonica nel giacimento...

I Paesi produttori di petrolio, riuniti nell’OPEC+ (OPEC e alcuni alleati come la Russia), hanno deciso, nel corso dell’ultima riunione tenutasi ieri, di iniziare ad allentare il regime di restrizione della produzione imposto la scorsa estate, dopo che gli effetti della pandemia di coronavirus e la guerra commerciale tra Russia e Arabia Saudita avevano fatto sprofondare il prezzo del barile di greggio.

Secondo quanto riportato dalle agenzie di stampa, i membri dell’OPEC+ hanno concordato (a valle di una mediazione che vedeva Riad la più restia ad alleggerire i tagli) un aumento graduale della produzione di petrolio nei prossimi tre mesi.

Secondo quanto riferito dai delegati presenti alla riunione, i Paesi membri dell’organizzazione aumenteranno la produzione complessiva di petrolio di 350.000 barili al giorno in maggio, di altri 350.000 al giorno in giungo e di ulteriori 450.000 in luglio. La decisione come detto è il frutto della pressione di alcuni produttori (tra cui, per esempio, gli USA), che – con il petrolio a 60 dollari al barile e i prezzi della benzina in crescita – hanno spinto l’OPEC ad agire per tenere sotto controllo i prezzi nel timore che una fiammata possa andare a rafforzare le pressioni inflazionistiche già in atto.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

CNH approva le dimissioni di Repsol nei due blocchi delle acque pocoprofonde del Golfo

La compagnia spagnola in totale lascerà cinque aree nel Golfo del Messico e nemanterrà soltanto uno che si trova in acque profonde.La Commissione Nazionale...

Argentina. La giustizia autorizza l'esplorazione in mare aperto

La Corte Federale d'Appello ha autorizzato alla compagnia petrolifera nazionale YPF laripresa della ricerca di gas e petrolio nel mare argentino, stabilendo però che...

Snam acquista 5 i nuovi impianti di biogas agricolo in Veneto e Friuli Venezia-Giulia

IES Biogas, controllata di Snam4Environment, società del gruppo Snam attiva nel settore del biometano e dell'economia circolare, ha acquistato cinque impianti di biogas agricolo...

Eni si candida in UK per una licenza di stoccaggio di CO2 nel giacimento di Hewett

Eni UK annuncia di aver sottoposto alla North Sea Transition Authority (NSTA) la candidatura per una licenza di stoccaggio di anidride carbonica nel giacimento...

YPFB investirà nel sistema di distribuzione del gas naturale di Puerto Suárez

Il sistema di distribuzione del gas naturale andrà a beneficio del settore produttivo della città di Puerto Suárez (al confine con il Brasile), poiché...