martedì, Luglio 23, 2024

A Kristin South inizia il ciclo di produzione

Must read

L’importanza della sicurezza informatica e della comunicazione ad essa dedicata

È vero, in questo caso non si è trattato di un attacco di sicurezza informatica. Ma il “piccolo” incidente di percorso capitato a Crowdstrike, una delle più...

Chevron accelera lo sviluppo sfruttando le nuove tecnologie

"Le nuove tecnologie possono fare la differenza nel campo dello sviluppo energetico offshore", dichiara Matt Johnson, specialista nello sviluppo dei giacimenti e nell'ottimizzazione del...

Saipem si aggiudica i lavori per il gasdotto GreenStream

La società energetica Saipem si è aggiudicata un contratto per la sorveglianza e i servizi di intervento sottomarino per il gasdotto GreenStream, che collega...

TotalEnergies vende la sua quota in SPDC JV

TotalEnergies EP Nigeria, controllata africana della multinazionale francese, ha annunciato di aver raggiunto un accordo di compravendita con Chappal Energies - azienda energetica con...

Nell’area di Kristin South, nel Mare del Nord, una partnership formata da Equinor (54,82%), Petoro (22,52%), Vår Energi (16,66%) e TotalEnergies EP Norge AS (6%) ha avviato la produzione del primo pozzo nel campo Lavrans.

Tramite un nuovo template sottomarino, Equinor – che oltre ad essere maggior azionista ne è anche l’operatore – pomperà petrolio e gas per un totale, rispettivamente, di 1,9 Msm3 e 6,2 GSm3. Il gas verrà poi esportato verso il mercato europeo, mentre il petrolio sarà trasportato al mercato con la nave di stoccaggio Åsgard C.

Il progetto Kristin South dimostra la nostra strategia per creare valore sviluppando l’infrastruttura esistente sulla piattaforma continentale norvegese. Insieme ai nostri partner e fornitori, abbiamo sviluppato il progetto e avviato la produzione da Lavrans in modo sicuro e corretto,” ha commentato Trond Bokn, Vicepresidente Senior per lo sviluppo del progetto di Equinor.

Leggi anche: ANDRITZ si impegna nella depurazione del gas di combustione in Germania

Nel rispetto della sostenibilità ambientale, inoltre, le emissioni di anidride carbonica dovute all’estrazione sono molto contenute: si parla di meno di 1 Kg di CO2 emessa per barile di petrolio equivalente. Un po’ più consistenti saranno invece quelle dovute alla perforazione del fondale.

Si tratta di una pietra miliare fondamentale nel nostro piano di continuare a sviluppare nuove risorse in un’area matura nel Mar di Norvegia. Collegare risorse aggiuntive ai nostri hub di produzione è un modo conveniente per aumentare la produzione e prolungare la durata di vita dei nostri campi in funzione. Questo approccio contribuisce alla sicurezza energetica e alla creazione di posti di lavoro in Norvegia“, ha commentato invece Grete B. Haaland, Vicepresidente Senior per Exploration & Production North.

OilGasNews.it vi invita alla quarta edizione del PGE – Pipeline&Gas Expo, in programma a Piacenza nel 2026

Latest article

L’importanza della sicurezza informatica e della comunicazione ad essa dedicata

È vero, in questo caso non si è trattato di un attacco di sicurezza informatica. Ma il “piccolo” incidente di percorso capitato a Crowdstrike, una delle più...

Chevron accelera lo sviluppo sfruttando le nuove tecnologie

"Le nuove tecnologie possono fare la differenza nel campo dello sviluppo energetico offshore", dichiara Matt Johnson, specialista nello sviluppo dei giacimenti e nell'ottimizzazione del...

Saipem si aggiudica i lavori per il gasdotto GreenStream

La società energetica Saipem si è aggiudicata un contratto per la sorveglianza e i servizi di intervento sottomarino per il gasdotto GreenStream, che collega...

TotalEnergies vende la sua quota in SPDC JV

TotalEnergies EP Nigeria, controllata africana della multinazionale francese, ha annunciato di aver raggiunto un accordo di compravendita con Chappal Energies - azienda energetica con...

Scoperto un giacimento di petrolio immenso in Kuwait

La compagnia petrolifera Kuwait Oil Company, dell'omonimo paese emirato, ha annunciato la scoperta di un giacimento incredibilmente vasto nell'offshore al largo dell'Isola Failaka. Stando...