domenica, Maggio 19, 2024

Baker Hughes entra nel progetto Equinor in Brasile

Must read

Fabio Belli è vicepresidente esecutivo e COO di Kerry Project Logistics

Nuovo incarico di assoluto prestigio per Fabio Belli, dopo la conclusione dell’esperienza in Fagioli come CEO della società. L’approdo di oggi è in Kerry Project Logistics...

Scambio di asset tra Equinor e Petoro

Equinor e Petoro, società interamente controllata dal governo norvegese, hanno stipulato un accordo per lo scambio di asset a valore neutro nell'area di Haltenbanken. “Abbiamo...

Rosetti Marino ottiene un contratto FEED da INEOS E&P

L'azienda ravennate Rosetti Marino, che si occupa di fornire servizi di ingegneria e costruzione a vari settori industriali, si è aggiudicata dalla danese INEOS...

BP concede una boccata d’aria ai bilanci azeri

BP, colosso petrolifero britannico, ha annunciato di aver avviato la produzione di petrolio e gas nella nuova piattaforma petrolifera costruita nel giacimento Azeri-Chirag-Deepwater Gunashli...

Al progetto portato avanti da Equinor insieme a Repsol Sinopec Brasil e Petrobras per il giacimento di gas condensato BM-C-33 al largo delle coste del Brasile (ne abbiamo parlato qui) si aggiunge Baker Hughes, colosso statunitense nel campo dei servizi petroliferi.

L’inserimento di Baker Hughes nel progetto arriva grazie all’ordine effettuato alla compagnia alla giapponese MODEC, fornitore di soluzioni per il mercato offshore oil & gas.

L’ordine, da installare sull’FPSO BM-C-33, comprende i generatori per turbine a gas LM2500 e i generatori per turbine a vapore, che garantiranno una soluzione di generazione di energia a ciclo combinato che ridurrà l’impronta di carbonio, più varie attrezzature per turbomacchine.

La generazione di energia a ciclo combinato consente di ridurre notevolmente le emissioni di anidride carbonica e, in questo caso, Baker Hughes prevede una riduzione del 20% rispetto ad altri interventi con la stessa richiesta di energia. La compagnia statunitense aveva già svolto un progetto del genere, sempre in partnership con MODEC ed Equinor, nel 2020, a Bacalhau, nell’offshore brasiliano.

Per questo progetto le previsioni sono che l’FPSO possa raggiungere un livello di emissioni di 6 kg di CO2 per barile, circa 10 kg in meno della media globale

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Fabio Belli è vicepresidente esecutivo e COO di Kerry Project Logistics

Nuovo incarico di assoluto prestigio per Fabio Belli, dopo la conclusione dell’esperienza in Fagioli come CEO della società. L’approdo di oggi è in Kerry Project Logistics...

Scambio di asset tra Equinor e Petoro

Equinor e Petoro, società interamente controllata dal governo norvegese, hanno stipulato un accordo per lo scambio di asset a valore neutro nell'area di Haltenbanken. “Abbiamo...

Rosetti Marino ottiene un contratto FEED da INEOS E&P

L'azienda ravennate Rosetti Marino, che si occupa di fornire servizi di ingegneria e costruzione a vari settori industriali, si è aggiudicata dalla danese INEOS...

BP concede una boccata d’aria ai bilanci azeri

BP, colosso petrolifero britannico, ha annunciato di aver avviato la produzione di petrolio e gas nella nuova piattaforma petrolifera costruita nel giacimento Azeri-Chirag-Deepwater Gunashli...

Vard (Fincantieri) costruirà una Ocean Energy Construction Vessel a propulsione ibrida per Island Offshore

Vard, controllata di Fincantieri, ha siglato un accordo con Island Offshore, armatore norvegese che opera nel mercato Oil & Gas e delle rinnovabili, per la progettazione e costruzione di...