domenica, Maggio 19, 2024

CORONAVIRUS: IL CALO DELLA DOMANDA CINESE AFFONDA IL BARILE E L’OPEC PREPARA CONTROMISURE

Must read

Fabio Belli è vicepresidente esecutivo e COO di Kerry Project Logistics

Nuovo incarico di assoluto prestigio per Fabio Belli, dopo la conclusione dell’esperienza in Fagioli come CEO della società. L’approdo di oggi è in Kerry Project Logistics...

Scambio di asset tra Equinor e Petoro

Equinor e Petoro, società interamente controllata dal governo norvegese, hanno stipulato un accordo per lo scambio di asset a valore neutro nell'area di Haltenbanken. “Abbiamo...

Rosetti Marino ottiene un contratto FEED da INEOS E&P

L'azienda ravennate Rosetti Marino, che si occupa di fornire servizi di ingegneria e costruzione a vari settori industriali, si è aggiudicata dalla danese INEOS...

BP concede una boccata d’aria ai bilanci azeri

BP, colosso petrolifero britannico, ha annunciato di aver avviato la produzione di petrolio e gas nella nuova piattaforma petrolifera costruita nel giacimento Azeri-Chirag-Deepwater Gunashli...

La diffusione del coronavirus sta avendo effetti concreti e tangibili sul prezzo del petrolio e quindi sulla strategia dei principali produttori, a partire dall’OPEC, che per compensare il calo dalla domanda sta preparando un nuovo taglio della produzione.

Secondo quanto riportato dall’agenzia Reuters, il diffondersi del virus ha determinato una drastica contrazione della domanda di carburanti in Cina, che è il principale importatore mondiale di greggio. Come diretta conseguenza, il colosso statale della raffinazione Sinopec avrebbe già annunciato l’intenzione di tagliare la sua produzione mensile di 600.000 bpd (barili al giorno): una riduzione del 12%, la più significativa mai effettuata nel corso dell’ultimo decennio.

Ma non basta: sempre in base alla informazioni raccolte dalla Reuters, le aziende di raffinazione private della provincia di Shandong, che insieme importano circa 1/5 di tutto il volume di greggio importato ogni anno dalla Repubblica Popolare, stanno già riducendo la loro produzione con tassi ben maggiori, dal 30% al 50% in meno rispetto al periodo precedente il diffondersi del coronavirus.

Ovviamente, trattandosi del primo buyer mondiale di petrolio, il calo della domanda cinese si è immediatamente riverberato sul prezzo del greggio al barile: il Brent LCOc1 è calato oggi (3 febbraio 2020; ndr) fino a 55,62 dollari, il valore più basso mai raggiunto negli ultimi 12 mesi.

Per correre ai ripari, e sostenere il prezzo del greggio la barile, l’OPEC insieme ai suoi partner (il cosiddetto OPEC+) starebbe già preparando un nuovo e cospicuo taglio dell’output, che potrebbe essere decurtato di ulteriori 500.000 bpd.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Fabio Belli è vicepresidente esecutivo e COO di Kerry Project Logistics

Nuovo incarico di assoluto prestigio per Fabio Belli, dopo la conclusione dell’esperienza in Fagioli come CEO della società. L’approdo di oggi è in Kerry Project Logistics...

Scambio di asset tra Equinor e Petoro

Equinor e Petoro, società interamente controllata dal governo norvegese, hanno stipulato un accordo per lo scambio di asset a valore neutro nell'area di Haltenbanken. “Abbiamo...

Rosetti Marino ottiene un contratto FEED da INEOS E&P

L'azienda ravennate Rosetti Marino, che si occupa di fornire servizi di ingegneria e costruzione a vari settori industriali, si è aggiudicata dalla danese INEOS...

BP concede una boccata d’aria ai bilanci azeri

BP, colosso petrolifero britannico, ha annunciato di aver avviato la produzione di petrolio e gas nella nuova piattaforma petrolifera costruita nel giacimento Azeri-Chirag-Deepwater Gunashli...

Vard (Fincantieri) costruirà una Ocean Energy Construction Vessel a propulsione ibrida per Island Offshore

Vard, controllata di Fincantieri, ha siglato un accordo con Island Offshore, armatore norvegese che opera nel mercato Oil & Gas e delle rinnovabili, per la progettazione e costruzione di...