venerdì, Agosto 6, 2021

SBARCATI A ORISTANO GLI ULTIMI SERBATOI PER IL DEPOSITO GNL DI HIGAS

Must read

Ecuador aumenta del 238% le esportazioni di petrolio negli Stati Uniti

In base al nuovo rapporto statistico della compagnia statale Petroamazonas, in maggio l'Ecuador ha esportato negli Stati Uniti una media di 196.000 barili di...

Schlumberger ha aumentato i suoi profitti dell’8%

Il gigante dei servizi petroliferi ha superato le aspettative nel secondo trimestre del 2021 e la tendenza conferma la crescita a breve e medio...

Il 56% delle attività a rischio di Repsol si trovano in Venezuela

La compagnia petrolifera spagnola Repsol ha presentato i suoi risultati finanziari del primo semestre 2021, in cui indica che i loro asset esposti a...

Snam – I gasdotti potranno trasportare in futuro l’idrogeno prodotto dalle rinnovabili

“Domani avremo idrogeno prodotto in Nord Africa, nel Mare del Nord, con risorse solari ed eoliche e quell’idrogeno può viaggiare attraverso il sistema esistente...

Sono già arrivati a Oristano, salpati dal porto di Livorno, gli ultimi 4 serbatoi criogenici realizzati dalla società livornese Gaas and Heat per il nuovo deposito di GNL in costruzione da Higas nel porto sardo.

Il nuovo hub di Higas – società controllata dall’armatore internazionale Avenir LNG e partecipata dalla stessa Gas and Heat e da CPL Concordia – sarà costituito in totale da 7 serbatoi con una capacità complessiva di 9.000 metri cubi di gas liquefatto: i primi 3 sono già stati installati a Oristano nel settembre 2019, mentre gli altri 4 hanno attraversato il Tirreno a bordo della nave Happy Dover della compagnia Big Lift, specializzata in trasporti eccezionali e project cargo, e sono sbarcati sulle banchine del futuro terminal di Higas.

Ora 3 serbatori verranno scaricati e installati negli appositi box di calcestruzzo, al fianco dei primi 3 già arrivati nei mesi scorsi, mentre il quarto serbatoio (il settimo, considerando l’intera dotazione), destinato a raccogliere vapore invece che GNL (il vapore si forma naturalmente negli altri serbatoi, viene raccolto e ri-liquefatto per essere poi immesso nuovamente nel sistema), verrà installato all’esterno dei box di cemento e poi collegato con apposite tubazioni al resto dell’impianto.

I lavori – ha quindi fatto sapere Gas and Heat, il cui core business è da anni focalizzato sulla progettazione e realizzazione di infrastrutture dedicate all’utilizzo del GNL come combustibile con interventi svolti in tutto il mondo – stanno procedendo nel rispetto delle tempistiche previste, che fissano il completamento dell’opera e quindi l’arrivo della prima nave carica di gas naturale liquefatto a Oristano il prossimi mese di agosto.

 

 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Ecuador aumenta del 238% le esportazioni di petrolio negli Stati Uniti

In base al nuovo rapporto statistico della compagnia statale Petroamazonas, in maggio l'Ecuador ha esportato negli Stati Uniti una media di 196.000 barili di...

Schlumberger ha aumentato i suoi profitti dell’8%

Il gigante dei servizi petroliferi ha superato le aspettative nel secondo trimestre del 2021 e la tendenza conferma la crescita a breve e medio...

Il 56% delle attività a rischio di Repsol si trovano in Venezuela

La compagnia petrolifera spagnola Repsol ha presentato i suoi risultati finanziari del primo semestre 2021, in cui indica che i loro asset esposti a...

Snam – I gasdotti potranno trasportare in futuro l’idrogeno prodotto dalle rinnovabili

“Domani avremo idrogeno prodotto in Nord Africa, nel Mare del Nord, con risorse solari ed eoliche e quell’idrogeno può viaggiare attraverso il sistema esistente...

Iniziano i lavori di produzione presso il pozzo East Cendor, in Malesia

A 140 chilometri dalle coste della Penisola Malese, sono stati avviati da Petrofac Malaysia Ltd. i lavori presso il pozzo East Cendor, che diventa...