giovedì, Aprile 22, 2021

DECAL E SAN MARCO PETROLI PROGETTANO UN NUOVO TERMINAL GNL A MARGHERA

Must read

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...

Petrobras cerca operatori internazionali per assegnare la gestione del terminal di rigassificazione Bahia LNG

Procede il processo avviato dalla corporation petrolifera statale brasiliana Petrobras per affidare la gestione del terminal di rigassificazione offshore Bahia LNG. La procedura, partita nella...

Ha superato la fase dello studio di fattibilità, e si prepara a cominciare il suo iter autorizzativo, il progetto di un nuovo terminal per lo small scale GNL che dovrebbe sorgere a Porto Marghera, su iniziativa di Decal e San Marco Petroli, operatori veneziani entrambi attivi nello stoccaggio e nella distribuzione di idrocarburi.

La nuova struttura avrà una capacità di 32.000 metri cubi, ripartita in un serbatoio atmosferico full containment da 30.000 metri cubi e due serbatoi orizzontali in pressione “bullet”, full containment, da 1.000 metri cubi ciascuno, e potrà accogliere navi gasiere con capacità da 7.500 a 30.000 metri cubi.

Una volta scaricato, il gas naturale liquefanno verrà quindi stoccato nei serbatoi, per essere poi rispedito verso i clienti finali e utilizzato – spiega Decal in una nota – sempre in forma liquida, come carburante per autotrazione a ridotto impatto ambientale, come combustibile a servizio delle comunità non collegate alla rete nazionale gas e come bunker per rifornimento navi.

Oltre all’accosto per ricevere le navi che scaricheranno il gas, il terminal di Porto Marghera sarà quindi dotato di un ulteriore accosto per bettoline di taglia indicativa attorno a 1.000, che potranno poi rifornire le navi dual fuel che in futuro transiteranno nel porto di Venezia, di cinque corsie di carico per autobotti di GNL e – in una seconda fase di progetto – di un raccordo ferroviario per la spedizione del combustibile via treno.

Particolare attenzione sarà poi riservata alla gestione del BOG (il boil off gas, ovvero il vapore che si forma all’interno dei serbatoi che contengono il GNL): il terminal sarà infatti dotato di una stazione di compressione per il trasferimento del BOG alla rete gas nazionale, di un package di riliquefazione del BOG e di serbatoi di stoccaggio in pressione, per l’accumulo del BOG in eccesso rispetto alla capacità di riliquefazione.

In ogni caso – sottolinea Decal nella sua nota – la struttura sarà eventualmente collegata alla rete gas solo per esigenze di sicurezza e ambientali, in modo che tutte le emissioni di gas vengano inviate al consumo e nulla venga immesso nell’atmosfera, ma non verranno effettuate operazioni di rigassificazione.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...

Petrobras cerca operatori internazionali per assegnare la gestione del terminal di rigassificazione Bahia LNG

Procede il processo avviato dalla corporation petrolifera statale brasiliana Petrobras per affidare la gestione del terminal di rigassificazione offshore Bahia LNG. La procedura, partita nella...

PAROLE DI SCIENZA (a cura di Roberto Vacca) Il degrado culturale corrompe il nostro pensare

Se eri considerato una persona colta vari decenni fa , e anche se hai provato ad aggiornarti, ti senti come lo scemo del villaggio...