venerdì, Aprile 23, 2021

ENI VENDE IN CINA UNA LICENZA PER LA SUA NUOVA TECNOLOGIA DI RAFFINAZIONE EST

Must read

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

Eni si è aggiudicata un contratto con la società Zhejiang Petrochemicals per la vendita di una licenza per la costruzione di due linee produttive basate sulla tecnologia Eni Slurry Technology (EST). Le due linee produttive, situate sull’isola di Zhoushan (Zejiang Province, Cina), avranno una capacità di raffinazione pari a 3 milioni di tonnellate all’anno ciascuna, e saranno realizzate nell’ambito di un progetto che prevede la realizzazione di una nuova raffineria della capacità di 40 milioni di tonnellate all’anno, con avvio previsto per il 2020.

L’intesa – scrive il gruppo italiano in una nota – rappresenta un passo importante per la valorizzazione della tecnologia EST che, anche a seguito del Progetto EST per la raffineria di Maoming in fase di realizzazione da parte della società Sinopec, si consolida come la migliore soluzione tecnologica al mondo per gli operatori che intendono convertire completamente il fondo del barile.

La scelta fatta da Zhejiang Petrochemicals assume una grande importanza anche dal punto di vista ambientale, considerando che il nuovo impianto EST sostituisce la linea di Pet Coke originariamente prevista.

L’accordo complessivo comprende la licenza di utilizzo della tecnologia EST, il Process Design Package relativo agli impianti, il training ed i servizi di assistenza tecnica, i Proprietary Equipment e la vendita del catalizzatore.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il RINA affiancherà il gruppo olandese Vopak nello sviluppo del business relativo al GNL

Il gruppo genovese RINA ha firmato con Vopak LNG un accordo quadro per la fornitura di servizi di ingegneria a consulenza finalizzati a supportare...

La Turchia prende in consegna la sua prima FSRU con bandiera nazionale

E’ arrivata nel porto di Dörtyol, città nella provincia di Hatay, la FSRU Ertuglrul Gazi, la terza Floating Storage and Rigassification Unit attiva nel...

L’Eni studia uno spin-off del business oil&gas in West Africa e Medio Oriente

L’Eni starebbe pensando ad uno spin-off di tutto il business oil&gas di West Africa e Medio Oriente, con l’obbiettivo di raccogliere risorse con cui...

Total rivede i suoi piani per il Sudafrica: stop a nuove esplorazioni e focus sui giacimenti già scoperti

Total ha deciso di rivedere completamente i suoi piani di investimento in Sudafrica, concentrando tempo e risorse nello sfruttamento di due giacimenti recentemente scoperti...

L’Eni ottiene una nuova concessione onshore nell’emirato di Ras Al Khaimah

L’Eni ha ulteriormente rafforzato la sua presenza negli Emirati Arabi con una nuova concessione ‘terrestre’. Il gruppo italiano, tramite la controllata locale Eni RAK, ha...