giovedì, Febbraio 22, 2024

LA RUSSIA TAGLIA IL SUO OUTPUT PETROLIFERO PER LA PRIMA VOLTA DAL 2008

Must read

Accordo tra Equinor e Deepak Fertilizers per fornitura di GNL

La norvegese Equinor ha firmato un accordo della durata di 15 anni con Deepak Fertilizers, società petrolchimica indiana, per la fornitura di gas naturale...

Cronos-2 estende le partecipazioni di Eni nel Blocco 6

Con un comunicato stampa Eni ha oggi annunciato che la trivellazione effettuata nel pozzo Cronos-2, al largo di Cipro, ha portato i risultati sperati....

Uno studio di Shell ha rivelato che la domanda globale di GNL è destinata a salire

Secondo lo studio “GNL Outlook 2024” effettuato da Shell, la domanda globale di gas naturale liquefatto salirà notevolmente entro il 2040. Il fattore principale di...

La raffineria Sarroch di Saras passa al gruppo Vitol

La società olandese Vitol ha acquisito il 35% delle azioni di Saras, storica azienda italiana attiva nel campo della raffinazione di petrolio fondata dalla famiglia Moratti nel...

Tutti i produttori di petrolio attivi in Russia, comprese le aziende straniere attive nel territorio della Federazione, rispetteranno le direttive dell’OPEC e ridurranno la produzione petrolifera di conseguenza, facendo calare l’output del Paese per la prima volta dal 2008.

A confermarlo è stato il ministro russo dell’Energia Alexander Novak nel corso di un’intervista all’agenzia Interfax, ripresa poi anche dalla Reuters, assicurando che Mosca implementerà del 100% il taglio deciso in sede OPEC+ per tentare di ridare ossigeno la mercato petrolifero, stretto nella morsa del coronvirus.

La produzione russa dovrebbe calare di 2 milioni di barili al giorno a maggio, ovvero del 19% rispetto ai livelli usuali di questo mese registrati negli anni passati, attestandosi a quota 9,6-10 milioni di barili al giorno.

Si tratterebbe, secondo la Reuters, del primo calo dell’output petrolifero sperimentato dalla Russia fin dal 2008.

Nella sua intervista Novak ha poi aggiunto che, una volta superata la fase di emergenza dovuta al coronavirus, l’OPEC+ dovrebbe cambiare strategia e concentrarsi più che altro sulla quota di mercato che i membri dell’organizzazione riusciranno ad ottenere in vista di una ripresa dei consumi petroliferi globali.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Accordo tra Equinor e Deepak Fertilizers per fornitura di GNL

La norvegese Equinor ha firmato un accordo della durata di 15 anni con Deepak Fertilizers, società petrolchimica indiana, per la fornitura di gas naturale...

Cronos-2 estende le partecipazioni di Eni nel Blocco 6

Con un comunicato stampa Eni ha oggi annunciato che la trivellazione effettuata nel pozzo Cronos-2, al largo di Cipro, ha portato i risultati sperati....

Uno studio di Shell ha rivelato che la domanda globale di GNL è destinata a salire

Secondo lo studio “GNL Outlook 2024” effettuato da Shell, la domanda globale di gas naturale liquefatto salirà notevolmente entro il 2040. Il fattore principale di...

La raffineria Sarroch di Saras passa al gruppo Vitol

La società olandese Vitol ha acquisito il 35% delle azioni di Saras, storica azienda italiana attiva nel campo della raffinazione di petrolio fondata dalla famiglia Moratti nel...

Claudio Descalzi incontra il presidente dell’Indonesia

L'Amministratore Delegato di Eni, Claudio Descalzi, si è recato a Giacarta per incontrare il Presidente della Repubblica indonesiano Joko Widodo. Il tema dell'incontro era...