lunedì, Giugno 17, 2024

LA RUSSIA TAGLIA IL SUO OUTPUT PETROLIFERO PER LA PRIMA VOLTA DAL 2008

Must read

Vallourec fornirà i suoi prodotti ad Equinor

Vallourec, azienda francese leader nella soluzione di prodotti tubolari di alto livello per le industrie energetiche e dell'oil&gas ha firmato un accordo della durata...

Snam soddisfatta dell’indipendenza dal gas russo

Stefano Venier, CEO di Snam, ha partecipato venerdì 14 giugno ad un incontro organizzato dal  MIB Trieste School of Management, di cui egli stesso...

La joint venture TJN RUWAIS JV si aggiudica il contratto EPC per il progetto Ruwais LNG da ADNOC

Technip Energies, una società leader nel settore dell'ingegneria e della tecnologia per la transizione energetica, nonché leader di una joint venture con JGC e...

Matador Resources si espande nel Permiano

La società energetica indipendente Matador Resources Company, con sede negli Stati Uniti, ha annunciato l'intenzione di voler acquisire una partecipazione di trivellazione nel giacimento...

Tutti i produttori di petrolio attivi in Russia, comprese le aziende straniere attive nel territorio della Federazione, rispetteranno le direttive dell’OPEC e ridurranno la produzione petrolifera di conseguenza, facendo calare l’output del Paese per la prima volta dal 2008.

A confermarlo è stato il ministro russo dell’Energia Alexander Novak nel corso di un’intervista all’agenzia Interfax, ripresa poi anche dalla Reuters, assicurando che Mosca implementerà del 100% il taglio deciso in sede OPEC+ per tentare di ridare ossigeno la mercato petrolifero, stretto nella morsa del coronvirus.

La produzione russa dovrebbe calare di 2 milioni di barili al giorno a maggio, ovvero del 19% rispetto ai livelli usuali di questo mese registrati negli anni passati, attestandosi a quota 9,6-10 milioni di barili al giorno.

Si tratterebbe, secondo la Reuters, del primo calo dell’output petrolifero sperimentato dalla Russia fin dal 2008.

Nella sua intervista Novak ha poi aggiunto che, una volta superata la fase di emergenza dovuta al coronavirus, l’OPEC+ dovrebbe cambiare strategia e concentrarsi più che altro sulla quota di mercato che i membri dell’organizzazione riusciranno ad ottenere in vista di una ripresa dei consumi petroliferi globali.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Vallourec fornirà i suoi prodotti ad Equinor

Vallourec, azienda francese leader nella soluzione di prodotti tubolari di alto livello per le industrie energetiche e dell'oil&gas ha firmato un accordo della durata...

Snam soddisfatta dell’indipendenza dal gas russo

Stefano Venier, CEO di Snam, ha partecipato venerdì 14 giugno ad un incontro organizzato dal  MIB Trieste School of Management, di cui egli stesso...

La joint venture TJN RUWAIS JV si aggiudica il contratto EPC per il progetto Ruwais LNG da ADNOC

Technip Energies, una società leader nel settore dell'ingegneria e della tecnologia per la transizione energetica, nonché leader di una joint venture con JGC e...

Matador Resources si espande nel Permiano

La società energetica indipendente Matador Resources Company, con sede negli Stati Uniti, ha annunciato l'intenzione di voler acquisire una partecipazione di trivellazione nel giacimento...

Uniper taglia i ponti con Gazprom

La compagnia energetica internazionale Uniper, di base a Düsseldorf, ha deciso di risolvere i contratti di fornitura che la legavano alla russa Gazprom, dopo...