sabato, Febbraio 4, 2023

LA RUSSIA TAGLIA IL SUO OUTPUT PETROLIFERO PER LA PRIMA VOLTA DAL 2008

Must read

Messico. Sette giacimenti concentrano più della metà della produzione di liquidi

Secondo i dati della Commissione Nazionale degli Idrocarburi (CNH), dei 247 giacimenti petroliferi attivi nel paese, sette concentrano la metà della produzione dei liquidi. Infatti...

Saipem – Due contratti offshore da 900 milioni di dollari

Saipem si è aggiudicata due contratti offshore per un importo complessivo di circa 900 milioni di dollari. Il primo contratto - in partnership con Aker...

CNH approva le dimissioni di Repsol nei due blocchi delle acque pocoprofonde del Golfo

La compagnia spagnola in totale lascerà cinque aree nel Golfo del Messico e nemanterrà soltanto uno che si trova in acque profonde.La Commissione Nazionale...

Argentina. La giustizia autorizza l'esplorazione in mare aperto

La Corte Federale d'Appello ha autorizzato alla compagnia petrolifera nazionale YPF laripresa della ricerca di gas e petrolio nel mare argentino, stabilendo però che...

Tutti i produttori di petrolio attivi in Russia, comprese le aziende straniere attive nel territorio della Federazione, rispetteranno le direttive dell’OPEC e ridurranno la produzione petrolifera di conseguenza, facendo calare l’output del Paese per la prima volta dal 2008.

A confermarlo è stato il ministro russo dell’Energia Alexander Novak nel corso di un’intervista all’agenzia Interfax, ripresa poi anche dalla Reuters, assicurando che Mosca implementerà del 100% il taglio deciso in sede OPEC+ per tentare di ridare ossigeno la mercato petrolifero, stretto nella morsa del coronvirus.

La produzione russa dovrebbe calare di 2 milioni di barili al giorno a maggio, ovvero del 19% rispetto ai livelli usuali di questo mese registrati negli anni passati, attestandosi a quota 9,6-10 milioni di barili al giorno.

Si tratterebbe, secondo la Reuters, del primo calo dell’output petrolifero sperimentato dalla Russia fin dal 2008.

Nella sua intervista Novak ha poi aggiunto che, una volta superata la fase di emergenza dovuta al coronavirus, l’OPEC+ dovrebbe cambiare strategia e concentrarsi più che altro sulla quota di mercato che i membri dell’organizzazione riusciranno ad ottenere in vista di una ripresa dei consumi petroliferi globali.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Messico. Sette giacimenti concentrano più della metà della produzione di liquidi

Secondo i dati della Commissione Nazionale degli Idrocarburi (CNH), dei 247 giacimenti petroliferi attivi nel paese, sette concentrano la metà della produzione dei liquidi. Infatti...

Saipem – Due contratti offshore da 900 milioni di dollari

Saipem si è aggiudicata due contratti offshore per un importo complessivo di circa 900 milioni di dollari. Il primo contratto - in partnership con Aker...

CNH approva le dimissioni di Repsol nei due blocchi delle acque pocoprofonde del Golfo

La compagnia spagnola in totale lascerà cinque aree nel Golfo del Messico e nemanterrà soltanto uno che si trova in acque profonde.La Commissione Nazionale...

Argentina. La giustizia autorizza l'esplorazione in mare aperto

La Corte Federale d'Appello ha autorizzato alla compagnia petrolifera nazionale YPF laripresa della ricerca di gas e petrolio nel mare argentino, stabilendo però che...

Snam acquista 5 i nuovi impianti di biogas agricolo in Veneto e Friuli Venezia-Giulia

IES Biogas, controllata di Snam4Environment, società del gruppo Snam attiva nel settore del biometano e dell'economia circolare, ha acquistato cinque impianti di biogas agricolo...