giovedì, Maggio 19, 2022

MOZAMBICO: ENI ED EXXONMOBIL INVESTIRANNO I PRIMI 500 MILIONI PER IL PROGETTO ROVUMA LNG

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni ed ExxonMobil, partner dell’Area 4 nell’offshore del Mozambico, investiranno 500 milioni di dollari per dare avvio alla fase iniziale di costruzione del progetto a gas naturale liquefatto denominato Rovuma LNG, opera il cui valore complessivo ammonta a 30 miliardi di dollari e la cui capacità produttiva sarà pari a 15 milioni di tonnellate di gas naturale liquefatto all’anno.

A darne comunicazione è stato Peter Clarke, head of power and gas marketing di ExxonMobil, che in occasione di una cerimonia tenutasi a Maputo, la capitale del Mozambico, che spiegato: “I partner dell’Area 4 procederanno con le attività relative alle aree upstream e midstream del progetto, con un investimento iniziale di oltre 500 milioni di dollari”.

Le attività di sviluppo dell’Area 4, in cui l’Eni controlla il 25%, riguardano – si legge sul sito del ‘cane a sei zampe’ – il giacimento Coral, operato dalla stessa Eni, e le scoperte del Mamba Complex dove Eni è operatore della fase upstream ed Exxon Mobil della fase liquefazione.

I primi interventi nell’ambito del progetto Rovuma LNG riguarderanno la costruzione dei due treni di liquefazione onfshore, per una capacità complessiva di 15,2 milioni di tonnellate all’anno e di altri impianti terrestri di supporto. I relativi contratti EPC (engineering, procurement and construction) sono già stati assegnati ad un consorzio guidato dalla giapponese JGC e partecipato da TechnipFMC e dall’americana Fluor Corp, mentre la FID sull’intero progetto (Final Investment Decision) dovrebbe essere deliberata nel corso del prossimo anno.

Grazie a questo progetto di Eni ed ExxonMobil, a cui si aggiungeranno – ricorda l’agenzia di stampa Reuters – la Coral South FLNG, impianto produttivo offshore dell’Eni che avrà una capacità di 3,4 milioni di tonnellate di GNL all’anno (per un investimento di 8 miliardi di dollari), e il progetto da 20 miliardi di investimento e 13 milioni di tonnellate annue di capacità promosso dalla corporation francese Total, il Mozambico nei prossimi anni sarà in grado di esportare ogni anno oltre 30 milioni di tonnellate gas naturale liquefatto, volume che corrisponde al 10% di tutto il traffico mondiale di questo combustibile.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...