venerdì, Agosto 6, 2021

MOZAMBICO: ENI ED EXXONMOBIL INVESTIRANNO I PRIMI 500 MILIONI PER IL PROGETTO ROVUMA LNG

Must read

Ecuador aumenta del 238% le esportazioni di petrolio negli Stati Uniti

In base al nuovo rapporto statistico della compagnia statale Petroamazonas, in maggio l'Ecuador ha esportato negli Stati Uniti una media di 196.000 barili di...

Schlumberger ha aumentato i suoi profitti dell’8%

Il gigante dei servizi petroliferi ha superato le aspettative nel secondo trimestre del 2021 e la tendenza conferma la crescita a breve e medio...

Il 56% delle attività a rischio di Repsol si trovano in Venezuela

La compagnia petrolifera spagnola Repsol ha presentato i suoi risultati finanziari del primo semestre 2021, in cui indica che i loro asset esposti a...

Snam – I gasdotti potranno trasportare in futuro l’idrogeno prodotto dalle rinnovabili

“Domani avremo idrogeno prodotto in Nord Africa, nel Mare del Nord, con risorse solari ed eoliche e quell’idrogeno può viaggiare attraverso il sistema esistente...

Eni ed ExxonMobil, partner dell’Area 4 nell’offshore del Mozambico, investiranno 500 milioni di dollari per dare avvio alla fase iniziale di costruzione del progetto a gas naturale liquefatto denominato Rovuma LNG, opera il cui valore complessivo ammonta a 30 miliardi di dollari e la cui capacità produttiva sarà pari a 15 milioni di tonnellate di gas naturale liquefatto all’anno.

A darne comunicazione è stato Peter Clarke, head of power and gas marketing di ExxonMobil, che in occasione di una cerimonia tenutasi a Maputo, la capitale del Mozambico, che spiegato: “I partner dell’Area 4 procederanno con le attività relative alle aree upstream e midstream del progetto, con un investimento iniziale di oltre 500 milioni di dollari”.

Le attività di sviluppo dell’Area 4, in cui l’Eni controlla il 25%, riguardano – si legge sul sito del ‘cane a sei zampe’ – il giacimento Coral, operato dalla stessa Eni, e le scoperte del Mamba Complex dove Eni è operatore della fase upstream ed Exxon Mobil della fase liquefazione.

I primi interventi nell’ambito del progetto Rovuma LNG riguarderanno la costruzione dei due treni di liquefazione onfshore, per una capacità complessiva di 15,2 milioni di tonnellate all’anno e di altri impianti terrestri di supporto. I relativi contratti EPC (engineering, procurement and construction) sono già stati assegnati ad un consorzio guidato dalla giapponese JGC e partecipato da TechnipFMC e dall’americana Fluor Corp, mentre la FID sull’intero progetto (Final Investment Decision) dovrebbe essere deliberata nel corso del prossimo anno.

Grazie a questo progetto di Eni ed ExxonMobil, a cui si aggiungeranno – ricorda l’agenzia di stampa Reuters – la Coral South FLNG, impianto produttivo offshore dell’Eni che avrà una capacità di 3,4 milioni di tonnellate di GNL all’anno (per un investimento di 8 miliardi di dollari), e il progetto da 20 miliardi di investimento e 13 milioni di tonnellate annue di capacità promosso dalla corporation francese Total, il Mozambico nei prossimi anni sarà in grado di esportare ogni anno oltre 30 milioni di tonnellate gas naturale liquefatto, volume che corrisponde al 10% di tutto il traffico mondiale di questo combustibile.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Ecuador aumenta del 238% le esportazioni di petrolio negli Stati Uniti

In base al nuovo rapporto statistico della compagnia statale Petroamazonas, in maggio l'Ecuador ha esportato negli Stati Uniti una media di 196.000 barili di...

Schlumberger ha aumentato i suoi profitti dell’8%

Il gigante dei servizi petroliferi ha superato le aspettative nel secondo trimestre del 2021 e la tendenza conferma la crescita a breve e medio...

Il 56% delle attività a rischio di Repsol si trovano in Venezuela

La compagnia petrolifera spagnola Repsol ha presentato i suoi risultati finanziari del primo semestre 2021, in cui indica che i loro asset esposti a...

Snam – I gasdotti potranno trasportare in futuro l’idrogeno prodotto dalle rinnovabili

“Domani avremo idrogeno prodotto in Nord Africa, nel Mare del Nord, con risorse solari ed eoliche e quell’idrogeno può viaggiare attraverso il sistema esistente...

Iniziano i lavori di produzione presso il pozzo East Cendor, in Malesia

A 140 chilometri dalle coste della Penisola Malese, sono stati avviati da Petrofac Malaysia Ltd. i lavori presso il pozzo East Cendor, che diventa...