venerdì, Maggio 20, 2022

NUOVA OPERAZIONE DI CONCENTRAZIONE SUL MERCATO DELLO SHALE OIL AMERICANO

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Prosegue il processo di concentrazione e consolidamento dell’industria americana dello shale oil, colpita in modo particolarmente duro dalla crisi del greggio conseguente alla pandemia di coronavirus.

Dopo l’acquisizione di Noble Energy da parte di Chevron, avvenuta lo scorso luglio per 5 miliardi di dollari pagati in azioni, è infatti la volta di altre due aziende dello stesso settore che sarebbero sul punto di fondersi. Secondo quanto riportato dalla Reuters, Devon Energy Corp, azienda specializzata nella produzione di shale oil, sarebbe in trattativa per rilevare la sua competitor WPX Energy in un deal all-stock (ovvero, anche in questo caso, pagato non in cash ma in azioni) a valle del quale prenderebbe forma un player da oltre 6 miliardi di dollari di valore complessivo.

WPX, basata a Tulsa, in Oklahoma è stata valutata 3,4 miliardi di dollari e l’offerta di Devon – che ha sede anch’essa in Oklahoma, a Oklahoma City – prevedrebbe il pagamento di un piccolo premio agli azionisti della prima, che diventerebbero peraltro detentori di una quota di capitale della seconda.

L’operazione, come ricorda la Reuters, rientra in un processo di consolidamento dell’industria dello shale gas americano iniziato dopo che la crisi del coronovirus (e altre dinamiche di natura geopolitica) avevano fatto sprofondare per la prima volta il prezzo del greggio USA in territorio negativo nella prima parte di quest’anno. L’aggregazione tra più società consente la riduzione dei costi operativi (eliminando le duplicazioni) e la creazione di economie di scala. Entrambe condizioni che potrebbero consentire alle aziende del settore di sopravvivere in una fase di mercato molto complessa, caratterizzata da una domanda globale che resta ancora debole.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...