mercoledì, Febbraio 28, 2024

NUOVA OPERAZIONE DI CONCENTRAZIONE SUL MERCATO DELLO SHALE OIL AMERICANO

Must read

Festa di Eni per il primo carico di GNL dal Congo

È in produzione, in Congo, il primo carico di Gas Naturale Liquefatto appartenente al progetto Congo LNG di Eni. A festeggiare il primo carico sono...

Accordo tra Equinor e Deepak Fertilizers per fornitura di GNL

La norvegese Equinor ha firmato un accordo della durata di 15 anni con Deepak Fertilizers, società petrolchimica indiana, per la fornitura di gas naturale...

Cronos-2 estende le partecipazioni di Eni nel Blocco 6

Con un comunicato stampa Eni ha oggi annunciato che la trivellazione effettuata nel pozzo Cronos-2, al largo di Cipro, ha portato i risultati sperati....

Uno studio di Shell ha rivelato che la domanda globale di GNL è destinata a salire

Secondo lo studio “GNL Outlook 2024” effettuato da Shell, la domanda globale di gas naturale liquefatto salirà notevolmente entro il 2040. Il fattore principale di...

Prosegue il processo di concentrazione e consolidamento dell’industria americana dello shale oil, colpita in modo particolarmente duro dalla crisi del greggio conseguente alla pandemia di coronavirus.

Dopo l’acquisizione di Noble Energy da parte di Chevron, avvenuta lo scorso luglio per 5 miliardi di dollari pagati in azioni, è infatti la volta di altre due aziende dello stesso settore che sarebbero sul punto di fondersi. Secondo quanto riportato dalla Reuters, Devon Energy Corp, azienda specializzata nella produzione di shale oil, sarebbe in trattativa per rilevare la sua competitor WPX Energy in un deal all-stock (ovvero, anche in questo caso, pagato non in cash ma in azioni) a valle del quale prenderebbe forma un player da oltre 6 miliardi di dollari di valore complessivo.

WPX, basata a Tulsa, in Oklahoma è stata valutata 3,4 miliardi di dollari e l’offerta di Devon – che ha sede anch’essa in Oklahoma, a Oklahoma City – prevedrebbe il pagamento di un piccolo premio agli azionisti della prima, che diventerebbero peraltro detentori di una quota di capitale della seconda.

L’operazione, come ricorda la Reuters, rientra in un processo di consolidamento dell’industria dello shale gas americano iniziato dopo che la crisi del coronovirus (e altre dinamiche di natura geopolitica) avevano fatto sprofondare per la prima volta il prezzo del greggio USA in territorio negativo nella prima parte di quest’anno. L’aggregazione tra più società consente la riduzione dei costi operativi (eliminando le duplicazioni) e la creazione di economie di scala. Entrambe condizioni che potrebbero consentire alle aziende del settore di sopravvivere in una fase di mercato molto complessa, caratterizzata da una domanda globale che resta ancora debole.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Festa di Eni per il primo carico di GNL dal Congo

È in produzione, in Congo, il primo carico di Gas Naturale Liquefatto appartenente al progetto Congo LNG di Eni. A festeggiare il primo carico sono...

Accordo tra Equinor e Deepak Fertilizers per fornitura di GNL

La norvegese Equinor ha firmato un accordo della durata di 15 anni con Deepak Fertilizers, società petrolchimica indiana, per la fornitura di gas naturale...

Cronos-2 estende le partecipazioni di Eni nel Blocco 6

Con un comunicato stampa Eni ha oggi annunciato che la trivellazione effettuata nel pozzo Cronos-2, al largo di Cipro, ha portato i risultati sperati....

Uno studio di Shell ha rivelato che la domanda globale di GNL è destinata a salire

Secondo lo studio “GNL Outlook 2024” effettuato da Shell, la domanda globale di gas naturale liquefatto salirà notevolmente entro il 2040. Il fattore principale di...

La raffineria Sarroch di Saras passa al gruppo Vitol

La società olandese Vitol ha acquisito il 35% delle azioni di Saras, storica azienda italiana attiva nel campo della raffinazione di petrolio fondata dalla famiglia Moratti nel...