venerdì, Agosto 6, 2021

PETROLIO: LE SANZIONI USA POTREBBERO LIMITARE LA CAPACITA’ PRODUTTIVA DELL’IRAN NEL LUNGO TERMINE

Must read

Ecuador aumenta del 238% le esportazioni di petrolio negli Stati Uniti

In base al nuovo rapporto statistico della compagnia statale Petroamazonas, in maggio l'Ecuador ha esportato negli Stati Uniti una media di 196.000 barili di...

Schlumberger ha aumentato i suoi profitti dell’8%

Il gigante dei servizi petroliferi ha superato le aspettative nel secondo trimestre del 2021 e la tendenza conferma la crescita a breve e medio...

Il 56% delle attività a rischio di Repsol si trovano in Venezuela

La compagnia petrolifera spagnola Repsol ha presentato i suoi risultati finanziari del primo semestre 2021, in cui indica che i loro asset esposti a...

Snam – I gasdotti potranno trasportare in futuro l’idrogeno prodotto dalle rinnovabili

“Domani avremo idrogeno prodotto in Nord Africa, nel Mare del Nord, con risorse solari ed eoliche e quell’idrogeno può viaggiare attraverso il sistema esistente...

Le attuali sanzioni americane nei confronti dell’Iran stanno fortemente limitando l’industria petrolifera locale, e ne potrebbero menomare la capacità produttiva sul lungo termine.

Secondo un recente report della società genovese di brokeraggio navale Banchero Costa, infatti, in questo momento circa ¼ di tutti gli impianti di produzione petrolifera del Paese sono fermi, a causa dell’embargo USA – reintrodotto dall’attuale Presidente Donald Tramp ‘stracciando’ il cosiddetto accordo dei 5+1 – che ha costretto Teheran a ridurre drasticamente il proprio output, sono fermi.

Con le nuove misure varate da Washington a fine 2018, per le raffinerie di tutto il mondo è praticamente impossibile comprare greggio iraniano, a meno di non voler incorrere nelle sanzioni secondarie (quelle che colpiscono chi fa affari con i Paesi sulla lista nera degli States), e quindi l’Iran ha dovuto più che dimezzare la sua produzione petrolifera rispetto a due anni fa, scendendo sotto i 2 milioni di barili al giorno.

Situazione che, se protratta nel tempo, potrebbe rendere non troppo facile invertire rapidamente la rotta, secondo quanto si legge del dossier della broker-house genovese.

In particolare, questa bassa attività degli oil rig potrebbe compromettere infatti la capacità dell’Iran di continuare a estrarre petrolio dai giacimenti più vecchi, che richiedono un pompaggio continuo per mantenere elevati e costanti i livelli di pressione e quindi di produzione.

Non è detto quindi che, qualora la tensione sull’asse Washington-Teheran dovesse sciogliersi nel prossimo futuro, con un conseguente allentamento delle attuali sanzioni, l’Iran sarebbe in grado di riportare rapidamente il suo output ai livelli del 2018.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Ecuador aumenta del 238% le esportazioni di petrolio negli Stati Uniti

In base al nuovo rapporto statistico della compagnia statale Petroamazonas, in maggio l'Ecuador ha esportato negli Stati Uniti una media di 196.000 barili di...

Schlumberger ha aumentato i suoi profitti dell’8%

Il gigante dei servizi petroliferi ha superato le aspettative nel secondo trimestre del 2021 e la tendenza conferma la crescita a breve e medio...

Il 56% delle attività a rischio di Repsol si trovano in Venezuela

La compagnia petrolifera spagnola Repsol ha presentato i suoi risultati finanziari del primo semestre 2021, in cui indica che i loro asset esposti a...

Snam – I gasdotti potranno trasportare in futuro l’idrogeno prodotto dalle rinnovabili

“Domani avremo idrogeno prodotto in Nord Africa, nel Mare del Nord, con risorse solari ed eoliche e quell’idrogeno può viaggiare attraverso il sistema esistente...

Iniziano i lavori di produzione presso il pozzo East Cendor, in Malesia

A 140 chilometri dalle coste della Penisola Malese, sono stati avviati da Petrofac Malaysia Ltd. i lavori presso il pozzo East Cendor, che diventa...