giovedì, Maggio 19, 2022

Progetto Barracuda – Shell avvia la produzione di GNL

Must read

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Shell Trinidad & Tobago ha annunciato l’avvio della produzione di GNL presso il Block 5C, conosciuto anche come Progetto Barracuda, nella East Coast Marine Area (ECMA) dei Caraibi.

L’annuncio di oggi rafforza la resilienza e la competitività della posizione di Shell nelle località di Trinidad e Tobago –  ha affermato il Direttore delle Soluzioni Energetiche Maarten Wetselaar – “Questa è un’opportunità chiave di crescita che supporta sia la nostra strategia a lungo termine nel paese sia le nostre ambizioni di crescita a livello globale nel settore del GNL “.

Si tratta del primo progetto “greenfield” per Shell nel paese, con una produzione massima prevista di gas di circa 40.000 Boe/d (barili di petrolio equivalente al giorno).

Eugene Okpere, Senior VP di Shell, ha dichiarato: “Siamo immensamente orgogliosi del nostro personale e del notevole lavoro che è servito per raggiungere questo importante traguardo, considerando soprattutto che le attività di perforazione sono iniziate durante la pandemia di Covid19. Il nostro piano esecutivo ha dovuto essere completamente rivisto per realizzare il business plan, il tutto lavorando a distanza. Sono state necessarie una grande resilienza, adattabilità ed impegno.”

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni al primo posto tra le aziende internazionali del settore Oil&Gas

Eni si conferma al primo posto tra le società Oil&Gas internazionali nella classifica del think tank finanziario indipendente Carbon Tracker Initiative che confronta i...

Air Liquide e Lhoist collaborano per ridurre le emissioni di CO2 nell’industria della calce in Francia

Air Liquide ha siglato un Memorandum of Understanding con Lhoist, leader internazionale nel campo minerario, per decarbonizzare l’impianto produttivo di calce di Réty (Francia)...

L’acciaio Oil & Gas di Scandiuzzi sceglie le rough terrain di Terex

Scandiuzzi Steel Constructions, azienda con oltre 50 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni ingegneristiche e attrezzature per le costruzioni e l’industria dell’Oil &...

Paolo Gallo (Italgas): “Il piano RePower Eu accelera la transizione ecologica, una sfida enorme per noi distributori”

Paolo Gallo, a.d. Italgas, è intervenuto in merito al programma europeo RePower Eu, ovvero il piano con cui ci si allontanerebbe dalla dipendenza dal...

Eni sigla un accordo in Congo per l’aumento della produzione e fornitura di GNL

Si è conclusa con successo la missione di Eni in Congo. A Brazzaville, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha firmato una lettera d’intenti con il...