giovedì, Maggio 13, 2021

RIBASSO RECORD PER I PREZZI DEL GNL SUL MERCATO SPOT IN ASIA: -63% DA INIZIO ANNO

Must read

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

Anche se al momento non si parla di prezzi negativi, come recentemente avvenuto per il greggio americano, sicuramente il mercato del gas naturale liquefatto sta pericolosamente sprofondando a causa del crollo della domanda conseguente alle misure di contenimento della pandemia di coronavirus, e i valori di scambio della commodity GNL su base spot, ovviamente ne risentono.

Secondo quanto riportato recentemente da S&P Global Platts, infatti, il prezzo del GNL spot nell’Asia settentrionale ha toccato nei giorni scorsi il suo record negativo scendendo al di sotto della soglia dei 2 dollari a MMbtu (milioni di british thermal unit), a causa appunto “della distruzione della domanda avvenuta nei principali paesi importatori da parte della pandemia di coronavirus, e dell’abbondanza di offerta conseguente al posticipo o alla cancellazione di carichi spot già concordati”.

L’indice JKM, il prezzo di riferimento per i carichi spot di GNL nell’Asia nordorientale – scrive ancora Platts – lunedì scorso ha raggiunto per la prima volta nella sua storia 1,9 dollari a MMbtu, il 63,5% in meno rispetto all’inizio dell’anno.

Dinamica testimoniata anche dalle ultime operazioni di vendita di GNL effettuate sul mercato. Secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa Reuters, infatti, l’azienda Inpex ha appena venduto un carico di gas naturale liquefatto proveniente dall’impianto di Ichtys, in Australia, con carico e spedizione previste a maggio, per una cifra compresa tra 1,70 e 1,70 dollari a Mmbtu, anche in questo caso un record storico negativo. 

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Il Suriname riceve offerte per meno del 50% delle zone offshore disponibili

Il Suriname ha ricevuto solo 10 offerte delle aree situate nelle acque poco profonde, ricevendo così proposte per 3 degli 8 blocchi che erano...

Chevron conferma guadagni per 1,4 miliardi di dollari nel primo trimestre 2021

Il gigante petrolifero Chevron Corporation ha confermato un guadagno di 1,4 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del primo trimestre 2020. Nel trimestre in...

BP ha triplicato i suoi profitti nel primo trimestre 2021

La compagnia petrolifera BP ha triplicato i suoi profitti trimestrali grazie a scambi eccezionali di gas, prezzi del petrolio più alti e margini di...

La perforazione di pozzi in Messico si riduce del 73%

La Camera Nazionale di Idrocarburi (CNH) ha presentato la relazione trimestrale che riguarda le attività di perforazione dei pozzi fino al 31 marzo 2021. Nel...

Perù: riprende la produzione di petrolio nella zona settentrionale

Il Blocco 67, situato nella località di Loreto, ha ripreso le sue attività dopo un anno di paralisi a causa dei bassi prezzi del...