martedì, Agosto 3, 2021

TEMPESTA SALLY: STOP FORZATO PER IL 25% DELLE PIATTAFORME OFFSHORE ATTIVE NEL GOLFO DEL MESSICO

Must read

Iniziano i lavori di produzione presso il pozzo East Cendor, in Malesia

A 140 chilometri dalle coste della Penisola Malese, sono stati avviati da Petrofac Malaysia Ltd. i lavori presso il pozzo East Cendor, che diventa...

Consorzio Libra e Shell Brazil – via libera alla FPSO Mero-4 nel offshore del Brasile

Il Consorzio Libra, gestito dalla brasiliana Petrobras, ha annunciato di aver raggiunto l’accordo con Shell Brasil Petroleo (Shell Brasil) per la fornitura della nave...

Vard Group consegna la prima nave da crociera per destinazioni polari a GNL

Vard Group, compagnia controllata da Fincantieri e uno dei leader mondiali nella progettazione di navi per il mercato offshore, ha annunciato di aver consegnato...

Messico. Moody’s abbassa il rating di Pemex a Ba3

Moody's ha abbassato il rating creditizio di Petróleos Mexicanos (Pemex) da Ba2 a Ba3 con outlook negativo. La decisione si basa sui rischi di...

Il Bureau of Safety and Environmental Enforcement (BSEE) sta monitorando tutte le operazioni delle piattaforme offshore situate nel Golfo del Messico, in seguito alla formazione della tempesta tropicale Sally.

In base ai bollettini tecnici elaborati dalle stesse compagnie petrolifere che lavorano in quell’area, il personale è stato evacuato da 147 piattaforme di produzione, che equivalgono al 22% delle 643 piattaforme esistenti nel Golfo.

A differenza delle piattaforme di perforazione, che si spostano da un punto all’altro del mare, gli impianti di produzione rimangono fissi per tutta la durata del progetto e quindi sono più esposti al rischio della tempesta.

Per precauzione alcune piattaforme mobili si sono spostate fuori posizione, evitando il percorso previsto della tempesta. Questo tipo di impianti rappresenta l’11% dei 17 che operano nel Golfo.

Gli impianti di esplorazione mantengono la loro posizione utilizzando propulsori ad eliche. Queste piattaforme non sono ormeggiate sul fondo marino e quindi possono modificare la loro posizione in un lasso di tempo relativamente breve.

Dai bollettini tecnici inviati dagli operatori, la BSEE stima che circa il 21% dell’attuale produzione di petrolio nel Golfo del Messico è stata fermata per precauzione, mentre per quanto riguarda la produzione di gas naturale è del 25%.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Iniziano i lavori di produzione presso il pozzo East Cendor, in Malesia

A 140 chilometri dalle coste della Penisola Malese, sono stati avviati da Petrofac Malaysia Ltd. i lavori presso il pozzo East Cendor, che diventa...

Consorzio Libra e Shell Brazil – via libera alla FPSO Mero-4 nel offshore del Brasile

Il Consorzio Libra, gestito dalla brasiliana Petrobras, ha annunciato di aver raggiunto l’accordo con Shell Brasil Petroleo (Shell Brasil) per la fornitura della nave...

Vard Group consegna la prima nave da crociera per destinazioni polari a GNL

Vard Group, compagnia controllata da Fincantieri e uno dei leader mondiali nella progettazione di navi per il mercato offshore, ha annunciato di aver consegnato...

Messico. Moody’s abbassa il rating di Pemex a Ba3

Moody's ha abbassato il rating creditizio di Petróleos Mexicanos (Pemex) da Ba2 a Ba3 con outlook negativo. La decisione si basa sui rischi di...

Turkish Petroleum Corporation avvia la perforazione del pozzo Turkali-4 nel Mar Nero

La Turkish Petroleum Corporation (TPAO) ha recentemente annunciato l’avvio dei lavori di perforazione nel nuovo pozzo Turkali-4, nel Mar Nero. I lavori saranno affidati alla...