lunedì, Maggio 27, 2024

VAR ENERGI (ENI) ACQUISTA DUE MEZZI OFFSHORE PER IL MARE DEL NORD

Must read

Saipem ottiene un nuovo contratto in Angola

In base ad un accordo firmato con Azule Energy Angola, Saipem ha ottenuto un contratto per lo sviluppo del progetto Ndungu Field, che fa...

Fabio Belli è vicepresidente esecutivo e COO di Kerry Project Logistics

Nuovo incarico di assoluto prestigio per Fabio Belli, dopo la conclusione dell’esperienza in Fagioli come CEO della società. L’approdo di oggi è in Kerry Project Logistics...

Scambio di asset tra Equinor e Petoro

Equinor e Petoro, società interamente controllata dal governo norvegese, hanno stipulato un accordo per lo scambio di asset a valore neutro nell'area di Haltenbanken. “Abbiamo...

Rosetti Marino ottiene un contratto FEED da INEOS E&P

L'azienda ravennate Rosetti Marino, che si occupa di fornire servizi di ingegneria e costruzione a vari settori industriali, si è aggiudicata dalla danese INEOS...

Cresce la dotazione di mezzi navali a supporto delle operazioni offshore di Var Energi, la ex Eni Norge.

La controllata norvegese del gruppo Eni ha infatti annunciato di aver definito l’acquisto di due Platform Supply Vessel (PSV): si tratta del Troms Sirius e dell’Olympic Energy. Entrambi andranno ad operare – già durante questo mese il primo e a febbraio 2021 il secondo – nel Mare del Nord, effettuando la spola tra il giacimento di Balder e il porto di Dusavik a nord di Stavanger per rifornire le piattaforma d’altura di uomini e materiali.

L’acquisto dei due mezzi rientra nella strategia ambientale di Var Energi, che punta a scegliere fornitori ed equipaggiamenti in grado di contribuire alla riduzione del footprint delle attività della società.

L’Olympic Energy, infatti, è dotato di un sistema di propulsione a gas naturale liquefatto (GNL) e anche di un ‘pacco’ batterie da 460 Kwh, che entra in funzione nei momenti di picco del consumo energetico e può essere ricaricato quando la nave è ferma in porto, allacciandosi alla rete elettrica terrestre. Meno innovativo il secondo mezzo, il Troms Sirius, alimentato con fuel tradizionale, che però verrà sottoposto ad un intervento di refitting per installare un sistema di connessione con la rete elettrica terrestre da utilizzare durante le soste in porto.

“Siamo sempre al lavoro per ridurre l’impatto delle nostre attività e quindi siamo stati molto felici quando l’Olympic Energy è diventato disponibile. Questo supply vessel è uno dei più green attualmente operativi sul mercato e ci aiuterà a rendere più sostenibile la produzione oil&gas nel Mare del Nord” ha dichiarato Eivind Espe, Operations Support Manager di Var Energi

Oltre a questi due mezzi, Var Energi dispone anche di una terza unità offshore, Stil Barents, che opera tra la Polarbase di Hammerfest e il giacimento Goliat, nel Mar di Barents.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Saipem ottiene un nuovo contratto in Angola

In base ad un accordo firmato con Azule Energy Angola, Saipem ha ottenuto un contratto per lo sviluppo del progetto Ndungu Field, che fa...

Fabio Belli è vicepresidente esecutivo e COO di Kerry Project Logistics

Nuovo incarico di assoluto prestigio per Fabio Belli, dopo la conclusione dell’esperienza in Fagioli come CEO della società. L’approdo di oggi è in Kerry Project Logistics...

Scambio di asset tra Equinor e Petoro

Equinor e Petoro, società interamente controllata dal governo norvegese, hanno stipulato un accordo per lo scambio di asset a valore neutro nell'area di Haltenbanken. “Abbiamo...

Rosetti Marino ottiene un contratto FEED da INEOS E&P

L'azienda ravennate Rosetti Marino, che si occupa di fornire servizi di ingegneria e costruzione a vari settori industriali, si è aggiudicata dalla danese INEOS...

BP concede una boccata d’aria ai bilanci azeri

BP, colosso petrolifero britannico, ha annunciato di aver avviato la produzione di petrolio e gas nella nuova piattaforma petrolifera costruita nel giacimento Azeri-Chirag-Deepwater Gunashli...