lunedì, Maggio 27, 2024

Avviata la produzione di gas naturale nel Mare del Nord

Must read

Saipem ottiene un nuovo contratto in Angola

In base ad un accordo firmato con Azule Energy Angola, Saipem ha ottenuto un contratto per lo sviluppo del progetto Ndungu Field, che fa...

Fabio Belli è vicepresidente esecutivo e COO di Kerry Project Logistics

Nuovo incarico di assoluto prestigio per Fabio Belli, dopo la conclusione dell’esperienza in Fagioli come CEO della società. L’approdo di oggi è in Kerry Project Logistics...

Scambio di asset tra Equinor e Petoro

Equinor e Petoro, società interamente controllata dal governo norvegese, hanno stipulato un accordo per lo scambio di asset a valore neutro nell'area di Haltenbanken. “Abbiamo...

Rosetti Marino ottiene un contratto FEED da INEOS E&P

L'azienda ravennate Rosetti Marino, che si occupa di fornire servizi di ingegneria e costruzione a vari settori industriali, si è aggiudicata dalla danese INEOS...

Neptune Energy, insieme al suo partner Spirit Energy, hanno annunciato l’avvio della produzione di gas naturale da parte del dell’undicesimo pozzo situato sul giacimento Cygnus, nell’area meridionale del Mare del Nord, offrendo una boccata d’ossigeno all’indipendenza energetica del Regno Unito.

Questo pozzo dovrebbe garantire una produzione di circa 4000 barili di petrolio equivalente al giorno, necessario a riscaldare circa 200.000 case.

Ciò permetterà, in tandem con il pozzo numero 10, di soddisfare il fabbisogno di 1,9 milioni di famiglie britanniche.

Oltre ad essere decisamente efficace – questo giacimento fornisce circa il 6% della domanda di gas del paese secondo le parole di Alan Muirhead, Country Director di Neptune Energy UK – Cygnus è anche uno dei giacimenti che produce il minor numero di emissioni di carbonio dell’intero Regno Unito.

Muirhead ha poi aggiunto che Neptune Energy si sta impegnando per aumentare la produzione di energia nel Mare del Nord al fine di diminuire “la dipendenza del Regno Unito da altre forniture meno sicure e a più alte emissioni di carbonio”, nonché a raggiungere la tanto ambita indipendenza energetica entro il 2040.

Neil McCulloch, CEO di Spirit Energy, ha spalleggiato il socio, rimarcando l’importanza del gas nella transizione verso il net zero, l’azzeramento delle emissioni.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Saipem ottiene un nuovo contratto in Angola

In base ad un accordo firmato con Azule Energy Angola, Saipem ha ottenuto un contratto per lo sviluppo del progetto Ndungu Field, che fa...

Fabio Belli è vicepresidente esecutivo e COO di Kerry Project Logistics

Nuovo incarico di assoluto prestigio per Fabio Belli, dopo la conclusione dell’esperienza in Fagioli come CEO della società. L’approdo di oggi è in Kerry Project Logistics...

Scambio di asset tra Equinor e Petoro

Equinor e Petoro, società interamente controllata dal governo norvegese, hanno stipulato un accordo per lo scambio di asset a valore neutro nell'area di Haltenbanken. “Abbiamo...

Rosetti Marino ottiene un contratto FEED da INEOS E&P

L'azienda ravennate Rosetti Marino, che si occupa di fornire servizi di ingegneria e costruzione a vari settori industriali, si è aggiudicata dalla danese INEOS...

BP concede una boccata d’aria ai bilanci azeri

BP, colosso petrolifero britannico, ha annunciato di aver avviato la produzione di petrolio e gas nella nuova piattaforma petrolifera costruita nel giacimento Azeri-Chirag-Deepwater Gunashli...