martedì, Marzo 9, 2021

CHINA ENERGY INVESTE 84 MILIARDI DI DOLLARI NELLO SHALE GAS AMERICANO

Must read

Eni pensa ad uno spin-off dei business retail e rinnovabili, con possibile quotazione in Borsa il prossimo anno

Eni sta valutando la possibilità di scorporare i business della vendita di energia sul mercato retail e della produzione di rinnovabili, e di quotare...

Snam punta sulla ‘pipeline virtuale’ per metanizzare la Sardegna: bando per la fornitura di navi gasiere

Tramontata l’ipotesi della cosiddetta ‘dorsale sarda’ – il gasdotto che avrebbe dovuto percorrere da nord a sud tutta l’isola trasportando il gas naturale –...

L’OPEC+ orientato a non aumentare (ancora) l’output petrolifero, e il prezzo del barile sale

Il prezzo del barile di petrolio è salito oggi (Brent +1,5% e WTI + 1,7%), sospinto dalla notizia che nel corso del prossimo meeting,...

Baker Hughes e Akastor fondono i rispettivi business a servizio dell’industria offshore

I due gruppi Baker Hughes e Akastor hanno annunciato di aver raggiunto un accordo per integrare i rispettivi business nel settore delle perforazioni offshore. In...

Nell’ambito di tutti gli accordi economici firmati tra USA e Cina in occasione della recente visita a Pechino del Presidente americano Donald Trump, per un totale di 250 miliardi di dollari, il più ‘pesante’ in termini di valore, con 84 miliardi, ha riguardato il gas naturale.

Secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa Reuters, infatti, China Energy Investment ha firmato un Memorandum of Understunding (MoU) per investimenti pari a 83,7 miliardi di dollari in 20 anni che la corporation statale cinese effettuerà in West Virginia in relazione a progetti energetici, chimici, e riguardanti lo shale gas.

Quello propiziato dalla visita di Trump è anche il primo accordo internazionale siglato da China Energy, realtà costituita solo di recente tramite la fusione China Shenhua Group, il principale produttore cinese di energia elettrica tramite carbone, e China Guodian Corp, una delle prime 5 utilities energetiche del paese. China Energy impiega da sola circa 326.000 addetti, più di 4 volte l’intera forza lavoro complessivamente impegnata nell’industria della produzione elettrica da carbone negli Stati Uniti, e il MoU in questione testimonia la sua volontà di ridurre il peso del carbone nell’economia cinese a favore di un maggior utilizzo di altre risorse, come appunto il gas naturale.

Secondo quanto dichiarato dal Dipartimento del Commercio dello Stato del West Virginia – scrive ancora le Reuters – il maxi investimento di quasi 84 miliardi di dollari assicurato da Chine Enery riguarderà diversi progetti in vari ambiti: generazione elettrica, produzione chimica, manifattura e stoccaggio di GNL nel sottosuolo.

Il valore di questo singolo accordo supera da solo l’intero PIL del West Virginia, che nel 2016 è ammontato a 73,4 miliardi di dollari.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Html code here! Replace this with any non empty text and that's it.

Latest article

Eni pensa ad uno spin-off dei business retail e rinnovabili, con possibile quotazione in Borsa il prossimo anno

Eni sta valutando la possibilità di scorporare i business della vendita di energia sul mercato retail e della produzione di rinnovabili, e di quotare...

Snam punta sulla ‘pipeline virtuale’ per metanizzare la Sardegna: bando per la fornitura di navi gasiere

Tramontata l’ipotesi della cosiddetta ‘dorsale sarda’ – il gasdotto che avrebbe dovuto percorrere da nord a sud tutta l’isola trasportando il gas naturale –...

L’OPEC+ orientato a non aumentare (ancora) l’output petrolifero, e il prezzo del barile sale

Il prezzo del barile di petrolio è salito oggi (Brent +1,5% e WTI + 1,7%), sospinto dalla notizia che nel corso del prossimo meeting,...

Baker Hughes e Akastor fondono i rispettivi business a servizio dell’industria offshore

I due gruppi Baker Hughes e Akastor hanno annunciato di aver raggiunto un accordo per integrare i rispettivi business nel settore delle perforazioni offshore. In...

Dal 2022 Total potrà rifornire di GNL le navi nel porto di Singapore

La Port Authority di Singapore ha annunciato di aver concesso al gruppo Total una nuova autorizzazione per svolgere le operazioni di bunkeraggio di GNL...